“Per venire in soccorso dell’Africa a causa del Covid-19 servono 3mila miliardi di USD e ci saranno milioni di morti, anche tra la popolazione giovane”. Sono le parole di Antonio Guterrez, Segretario generale dell’ONU. Dall’Africa il Coronavirus potrebbe tornare a colpire dove è già passato

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 31 marzo 2020

Antonio Guterrez ha parlato senza peli sulla lingua: “Non c’è dubbio che la pandemia del Coronavirus colpirà anche Africa. Ci saranno milioni di morti, anche tra la popolazione giovane”. Ha dichiarato il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterrez, in un’intervista all’emittente France24.

il Segretario ONU, Antonio Gutierrez, su France24 (Courtesy France24)
il Segretario ONU, Antonio Gutierrez, su France24 (Courtesy France24)

“Per combattere il Covid-19, secondo una nostra stima saranno necessari almeno 3.000 miliardi di USD. Il 10 per cento del PIL dei Paesi sviluppati ma anche di quelli in via di sviluppo” – ha affermato il Segretario ONU. “Questa non è una crisi finanziaria come quella nel 2008, è una crisi umana, delle persone, delle imprese. È necessario dar loro appoggio. Se la pandemia si estende in Africa potrebbe tornare a colpire”.

Il Coronavirus silenziosamente invade l’Africa

Intanto il virus, sempre più velocemente, sta invadendo silenziosamente il continente africano. Il contagio maggiore si registra in Sudafrica. In una settimana i casi sono aumentati di sei volte: lo scorso 22 marzo erano 200 , al momento in cui scriviamo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ne conferma almeno 1280 e 10 morti.

Gutierres ONU-Situazione del Covid-19 in Africa al 29 febbraio 2020 (Fonte: WHO-OMS)
Situazione del Covid-19 in Africa al 29 febbraio 2020 (Fonte: WHO-OMS)

Seguono i Paesi dell’Africa mediterranea: Egitto con 576 casi, Marocco 450, Algeria 409 e Tunisia 278. Altri focolai africani sono registrati in Africa occidentale sub-sahariana: il Burkina Faso (146) Costa d’Avorio (140). L’OMS conferma altri contagi, da meno di una decina a 90 nei restanti Paesi e al 29 marzo l’Africa ha 3005 contagi e 51 morti. Numeri, purtroppo, destinati a crescere.

In Sudafrica l’esercito pattuglia le strade, i giovani fanno i party

Ma la sottovalutazione della pericolosità da Covid-19, come in Europa e USA, esiste anche in Africa. Allertare la popolazione sui rischi e vietare gli assembramenti pare serva a poco, forse perché si sa che colpisce soprattutto le persone anziane. Una fonte di Africa ExPress ci ha informato che in Sudafrica il governo ha chiamato l’esercito per pattugliare le strade e tenere la gente a casa.

L'esercito arriva a Klerkdorp, 170km a ovest di Johannerburg
Contro il Coronavirus, l’esercito sudafricano arriva a Klerkdorp, 170km a ovest di Johannerburg

Nonostante questo, soprattutto i giovani, come successo in Italia, continuano a fare assembramenti e feste e in una di queste, danzando, si grida “corona, corona”. Forse per esorcizzare il Covid-19.

 

E mentre il grande Paese africano si prepara all’impatto da Coronavirus è saltata la connessione veloce di internet. L’interruzione è dovuta, ancora una volta, alla rottura del West African Cable System, cavo che connette il Sudafrica al Regno Unito attraverso tutta l’Africa occidentale. Almeno fino al 4 aprile l’ex colonia britannica dovrà accontentarsi delle comunicazioni a bassa velocità.

 

 

 

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Il Coronavirus attacca 47 Paesi africani: scoppiano rivolte nelle carceri

 

L’Africa con i guantoni combatte il virus: sbarrati in casa, aeroporti chiusi

Coronavirus non ferma i combattimenti in Libia e l’Europa bloccherà il traffico di armi

I segreti del Coronavirus: sette contagiati all’ambasciata italiana di Teheran

Coronavirus: ruandese ignora restrizioni, inghiottito da coccodrillo

Il maledetto Coronavirus colpisce anche il calcio africano

Kenya, coronavirus e fakenews: arrestato 23enne. Rischia 10 anni di galera e 43mila euro

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.