Mozambico, per la prima volta i jihadisti si firmano Stato Islamico nel Nord del Paese

I jihadisti mozambicani sono affiliati al sedicente Stato Islamico di Al Baghdadi. Questa affiliazione fa temere il peggio nel Nord del Mozambico dove operano anche ENI e Exxon Mobil nello sfruttamento dei giacimenti di gas naturale offshore

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 13 giugno 2019

“I soldati del Califfato sono stati in grado di respingere un attacco dell’esercito crociato del Mozambico nel villaggio di Metubi, nell’area di Mocimboa”. Recita così il comunicato, firmato come Stato Islamico, dai jihadisti mozambicani che seminano terrore nel Nord del Paese dall’ottobre 2017.

“I mujaheddin si sono scontrati con loro causando morti e feriti” – continua la dichiarazione – “e hanno preso come bottino armi, munizioni e razzi”. La notizia però non è stata confermata dalle Forze armate mozambicane dislocate da oltre un anno a Cabo Delgado.

Blindato della Forze armate Mozambicane
Blindato della Forze armate Mozambicane

La notizia, diffusa dall’AFP, conferma un’evoluzione del terrorismo islamico nell’ex colonia portoghese. È la prima volta che viene rilasciata una dichiarazione firmata, dall’inizio delle azioni terroristiche nella provincia di Cabo Delgado, nell’estremo Nord del Paese.

Il comunicato indica l’affiliazione e un pericoloso salto jihadista non solo per la firma ma anche perché diramato in occasione della fine del Ramadan.

La comunità islamica di Cabo Delgado ha immediatamente preso le distanze dalla proclamazione espressa dal gruppo terrorista. Nel gennaio 2018 un video confuso, in portoghese, mostrava cinque persone a viso coperto armate di kalashnikov che inneggiavano a un governo di Allah.

Dall’inizio degli attacchi del 2017, i primi dei quali contro due stazioni di polizia, sono state ammazzate oltre duecento persone. Gli assalti vengono fatti soprattutto contro inermi civili che lavorano nei campi e residenti in villaggi isolati che poi vendono dati alle fiamme. Tra le vittime anche donne e bambini, molti dei quali sgozzati o decapitati.

Jihadisti mozambicani ora affiliati allo Stato Islamico
Jihadisti mozambicani ora affiliati al sedicente Stato Islamico

I responsabili, vengono chiamati dalla popolazione al Shabaab ma, secondo uno studio dell’Università Eduardo Mondlane di Maputo, appartengono al gruppo Ahlu Sunnah Wa-Jamma.

L’indagine, richiesta direttamente dal presidente Filipe Nyusi, è stata realizzata da João Pereira e Salvador Forquilha con l’aiuto del religioso islamico Saide Habibe.

Secondo Habibe si tratta di persone imbevute di propaganda impostata sul recupero dei valori tradizionali islamici ma che niente conoscono della tradizione dell’islam.

Con bassissima scolarizzazione sono ispirati dell’imam keniota Aboud Rogo Mohammed, ucciso in Kenya nel 2012 e vengono addestrati, nella Regione dei Grandi Laghi.

Il gruppo terroristico – composto da cellule sparse al confine con la Tanzania – si finanzia attraverso il contrabbando di avorio, rubini e legno pregiato.

La crescente ondata di violenza di Cabo Delgato suscita allarme anche per il lavoro che svolgono ENI ed ExxonMobil nei ricchi giacimenti di gas naturale.

ENI ed ExxonMobil hanno formato un consorzio per lo sfruttamento del gas a Cabo Delgado
ENI ed ExxonMobil hanno formato un consorzio per lo sfruttamento del gas a Cabo Delgado

Il sabotaggio e l’interruzione dello sfruttamento di questi ricchissimi giacimenti di idrocarburi sarebbe un’enorme perdita per lo sviluppo e per il futuro del Mozambico.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter: @sand_pin

Please follow and like us:
error

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.