In Mozambico funzionari statali costretti a tornare in zone di guerra del Nord

0
575
guerra mappa scontri Cabo Ligado
Mappa degli scontri a Cabo Delgado al 24 marzo 2022 (Courtesy: Cabo Ligado)

“L’UNHCR considera prematuro incoraggiare il ritorno a Cabo Delgado
a causa dell’insicurezza in corso in alcune parti
della provincia”, ha dichiarato il portavoce, Boris Cheshirkov

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 5 aprile 2022

“Ho l’onore di comunicare a tutti i funzionari dello stato di questo governo del distretto di Mocímboa da Praia, il ritorno definitivo al distretto d’origine”. Lo scrive João Joaquim António Saraiva, segretario politico di Mocimboa da Praia, già quartier generale dei jihadisti di Ahlu Sunnah wa-Jammà, affiliati all’ISIS. “Ci appelliamo d’ora in poi all’adempimento delle linee guida per continuare a lavorare”, continua la nota, confermata dal quotidiano Carta de Moçambique.

Mocimboa da Praia
Palazzo del governo a Mocimboa da Praia

Il ritorno alla “normalità” era stato annunciato da Valige Tauabo, governatore di Cabo Delgado, provincia funestata da 40 mesi di guerra contro il terrorismo jihadista. Lo scorso 30 marzo il governatore aveva raassicurato la popolazione così: “Nessuna area a Cabo Delgado è sotto il controllo dei terroristi. Ormai sono un gruppo indebolito senza mezzi. Non sono in grado di andare contro la popolazione né affrontare le Forze Armate, sempre più addestrate per eliminare il terrorismo”.

Popolazione, UNHCR e politici locali contrari ai trasferimenti

Ma i politici locali e la popolazione non condividono l’ “onore” di Saraiva: hanno paura e non ci stanno. Non solo l’opposizione Renamo ma anche il rappresentante del Frelimo, partito al potere, sono contrari. Dello stesso parere anche una delegazione ministeriale guidata dal ministro del Lavoro, Margarida Talapa, e l’agenzia ONU per i rifugiati (UNHCR). “L’UNHCR considera prematuro incoraggiare il ritorno a Cabo Delgado a causa dell’insicurezza in corso in alcune parti della provincia – ha dichiarato il portavoce, Boris Cheshirkov -. Da gennaio a metà marzo, ci sono stati altri 24 mila sfollati”.

Ampie sacche di terroristi a Cabo Delgado

Nonostante i militari ruandesi e le truppe dell’operazione militare SADC (SAMIM), in appoggio all’esercito mozambicano (FADM), esistono sacche di terroristi nei distretti vicini a Mocimboa. Gli attacchi continuano nelle aree di Nangade, Mueda e Macomia e i media mozambicani confermano che la città di Nangade è deserta. Inoltre gli assalti jihadisti sono ripresi nel distretto di Ibo.

guerra mappa scontri Cabo Ligado
Mappa degli scontri a Cabo Delgado al 24 marzo 2022 (Courtesy: Cabo Ligado)

L’area del gas è l’unica sicura

Nel momento in cui scriviamo l’unica area relativamente sicura è quella di Palma, città degli impianti di gas naturale. Lo scorso 24 aprile era stata occupata dai vari gruppi jihadisti per una decina di giorni e messa a ferro e fuoco. Non è mai stato rivelato il numero di morti e oggi la popolazione sta tornando alle proprie case. Palma è la sede dei cantieri Total chiusi per la violenza dei terroristi da quasi 18 mesi. Offshore, dal 3 gennaio scorso, é pronta la nave Coral FLNG con la quale ENI ha previsto l’inizio della produzione di gas naturale liquido (GNL-LNG) entro il 2022.

Dall’ottobre 2017 al 25 marzo scorso i jihadisti – secondo Cabo Ligado, che monitora la guerra – hanno ammazzato almeno 3.874 persone (di cui 1.689 civili). L’UNHCR ha confermato che gli sfollati a causa della guerra a Cabo Delgado sono oltre 735.000.

Chi combatte i jihadisti in Mozambico

Un migliaio di militari ruandesi sono presenti in Mozambico da luglio scorso grazie a un accorso bilaterale Maputo-Kigali e la mediazione di Parigi. Ai militari del Ruanda, nell’agosto 2021, si sono aggiunti quelli di otto dei 16 Paesi della Comunità di sviluppo dell’Africa Australe (SADC). Con l’impegno dei Paesi SADC è nata la Missione dell’Africa Australe in Mozambico (SAMIM). Il Sudafrica è presente con 1.500 militari e il Botswana con 300. Angola, Repubblica Democratica del Congo, Lesotho, Malawi, Tanzania e Zambia si occupano della logistica.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Fanteria e marines sudafricani in Mozambico: rafforzato l’aiuto contro i jihadisti

Isis minaccia il Sudafrica: “Se aiutate il Mozambico veniamo da voi”

Mozambico: intervento militare contro i jihadisti. Il Sudafrica insiste sulla SADC

Mozambico, decine ammazzati dai jihadisti Disperata corsa per salvare gli ostaggi

Palma

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here