Isis minaccia il Sudafrica: “Se aiutate il Mozambico veniamo da voi”

Appare chiara la motivazione degli attacchi jihadisti a Cabo Delgado: al sedicente Stato islamico interessa il gas, l’Eldorado del Bacino del Rovuma

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 20 luglio 2020

“Se i crociati ritengono che il loro sostegno al governo miscredente in Mozambico proteggerà i loro investimenti si sbagliano. Saranno degli illusi e i soldati del Califfato li spingeranno fuori dai giacimenti di gas”. Sono pesanti le parole di un proclama scritto su al-Naba, voce dell’ISIS, tradotto in inglese in un editoriale di Aymenn Jawad Al-Tamini sul suo blog. Parte del testo viene ripreso nella newsletter Mozambique News Reports & Clippings, da Joseph Hanlon esperto di Africa Australe, docente alla Open University (Regno Unito). Ed è stato fatto circolare in Mozambico e in occidente.

Parte della pagina con il proclama di al-Naba, organo di propaganda ISIS
Parte della pagina con il proclama di al-Naba, organo di propaganda ISIS

I jihadisti vogliono l’Eldorado del Rovuma

Appare quindi chiara la motivazione degli attacchi di Al Sunnah Wa-Jama (ASWJ) a Cabo Delgado: al sedicente Stato islamico interessa l’Eldorado del Bacino del Rovuma. Giacimenti di gas naturale tra i più grandi del continente africano nel quale ENI, ExxonMobil e Total hanno investito 47 miliardi di euro. Eni ha programmato l’inizio della produzione per il 2022 con un liquidatore galleggiante, il Coral South Flng, da 3,4 milioni di tonnellate l’anno. Total dovrebbe iniziare la produzione nel 2024. Mentre ExxonMobil, vista la difficile situazione tra attacchi jihadisti e Covid-19, ha tagliato del 30 per cento gli investimenti 2020.

La minaccia del califfato

L’ISIS nel suo organo di propaganda ha “avvertito” il Sudafrica di non intervenire militarmente in Mozambico, un monito che è una pesante minaccia. “Se il Sudafrica dovesse intervenire a Cabo Delgado potrebbe esserci la reazione dello Stato islamico ed aprire un fronte di combattimento all’interno dei suoi confini”. Con la pandemia da Covid-19 in atto, che al momento in cui scriviamo, conta 324 mila contagi e quasi 4.700 decessi, il costo per il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa potrebbe essere pesante.

I corpi speciali sudafricani sono già in Mozambico

In realtà i militari sudafricani in Mozambico pare che siano già presenti, presumibilmente sono marines della Maritime Reaction Squadron. Sempre Hanlon, nella sua newsletter cita un breve articolo pubblicato dalla testata sudafricana News24 sulla presenza militare dell’ex colonia britannica. Kobus Marais, ministro ombra dello Sviluppo economico nell’Alleanza Democratica (DA), partito all’opposizione, ha fatto un’interrogazione al Parlamento sudafricano.

“Conosciamo la minaccia dell’ISIS e, allo stato attuale, sappiamo di avere soldati in Mozambico”,  ha affermato il parlamentare DA. Ha poi chiesto informazioni sul badget stanziato senza ottenere risposta e supponendo che il governo ne discuterà in riunioni a porte chiuse.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Mozambico, violenza jihadista: 1300 morti e 250mila sfollati, e l’esercito chiede il pizzo

Giacimenti di gas nel nord del Mozambico sono una bomba ecologica a tempo

Covid-19, terrorismo e gas in Mozambico, ExxonMobil taglia investimenti del 30 %

Mozambico: chiamata alle armi anti-jihadista, ExxonMobil e Total chiedono più militari

 

Mozambico, contrabbando di rubini e avorio dietro i capi jihadisti di Cabo Delgado

Gas Mozambico, ENI assembla il liquidatore galleggiante: nel 2022 inizierà a produrre

Mozambico, weekend di terrore: morti e feriti per attacco jihadista a impianti gas

Oltre ai jihadisti, epidemia di colera nel Nord del Mozambico: almeno 20 morti

Mozambico, 150mila sfollati per violenze jihadiste al Nord, Nyusi chiede aiuto

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.