Guerra Russia-Ucraina, mercenari russi in Africa, minerali strategici e vendita di armi

0
612
ucraina putin e africa
La Russia di Putin e l'Africa

Nel quinquennio 2015-2019 la Russia, in Africa, ha firmato 19 accordi di collaborazione militare soprattutto con la vendita di armamenti

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 30 marzo 2022

Rame, nichel, palladio, alluminio, litio. Ma anche oro, diamanti e platino sono le risorse che al momento interessano maggiormente il Cremlino in Africa, soprattutto durante la guerra in Ucraina. Una settimana dopo l’invasione russa il nichel alla borsa di Londra è schizzato a +250 per cento arrivando a 100 mila dollari a tonnellata.

Anche i futures su alluminio, rame e palladio hanno toccato cifre record. Invece il litio, nell’ultimo anno è aumentato del 500 per cento. La transizione energetica attuale non può fare a meno di questi minerali indispensabili per le tecnologie verdi. L’occupazione russa dell’Ucraina, tra gli altri danni, mette a rischio le forniture di batterie per auto elettriche fino ai pannelli solari e alle turbine eoliche.

ucraina lingotti di nichel
Lingotti di nichel

Fornitori di minerali strategici

Russia e Ucraina sono infatti importanti fornitori di quei minerali. Ma il presidente russo, Vladimir Putin, sa benissimo che avere sotto controllo quelle risorse gli offre un’arma in più contro l’Occidente, contrario all’occupazione dell’Ucraina. Diventa quindi importante che le miniere africane rimangano il più possibile sotto il controllo dello “zar”. Ma come?

I Paesi africani neutrali davanti all’invasione dell’Ucraina

All’Assemblea Generale ONU del 2 marzo scorso, con 141, 5 contrari e 35 astenuti è passata la risoluzione che condanna invasione russa dell’Ucraina. Diversi Paesi africani si sono astenuti. Eccoli: Sudafrica, Mali, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Angola, Algeria, Burundi, Madagascar, Namibia, Senegal, Sud Sudan, Sudan, Uganda, Tanzania e Zimbabwe. Sono gli Stati legati anche storicamente all’ex URSS che li ha appoggiati durante la lotta di liberazione dal colonialismo. L’Etiopia invece ha votato contro la mozione insieme a Russia, Bielorussia, Siria e Corea del Nord. Bisogna specificare che il Sudafrica, nonostante la sua astensione, ha apertamente condannato l’azione militare della Russia.

Accordi di collaborazione militare con l’Africa

La Russia, con il mediatore Rosoboronexport, è al secondo posto per il commercio di armi dopo gli Stati Uniti. Nel quinquennio 2015-2019 Putin, in Africa, ha firmato 19 accordi di collaborazione militare soprattutto con la vendita di armamenti. “Nel 2019 la Russia ha firmato accordi di cooperazione militare con Burkina Faso, Mali, Sudan e Repubblica del Congo. A livello globale, porta a oltre 100 accordi” – ha dichiarato il gen. Alexander Fomin, viceministro della difesa russo al quotidiano russo Izvestia.

Wagner, la longa manus di Putin

Ma la longa manus di Putin in Africa (e non solo) è il Wagner Group, mercenari che intervengono militarmente nei Paesi che li chiamano. La Russia ha sempre negato ogni responsabilità per le azioni di Wagner dicendo che sono privati e niente hanno a che fare con Mosca. Aiutano i governi a stroncare il dissenso interno senza preoccuparsi dei diritti umani e la Russia in cambio ha le materie prime. Grazie a Wagner i russi possono avere sotto controllo molte delle materie prime africane.

ucraina putin e africa
La Russia di Putin e l’Africa

Uranio, oro e diamanti

I mercenari russi sono anche in Libia, Madagascar, Congo-K, Guinea, Guinea Bissau, Sudan, Sud Sudan, Angola, Botswana, Eswatini, Zimbabwe, Lesotho e Ruanda. Sono stati in Mozambico – chiamati per fermare i jihadisti nel Nord – ma dopo tre mesi hanno lasciato il Paese a causa delle perdite subite. Fonti di Africa ExPress hanno confermato che parte dei mercenari di Wagner, soprattutto da Libia e Centrafrica sono stati mandati a combattere in Ucraina.

Il teatro più importante per Wagner è la Repubblica Centrafricana. Lì sostiene il debole governo del presidente Faustin Archange Touadera indietro con i pagamenti dei contractor da sei mesi. La cosa non piace per niente a Mosca che alza il tiro. Ora afferma che le risorse minerarie, come forma di pagamento, non sarebbero sufficienti. L’arrivo di Wagner ha coinciso con quello di una società legata a Yevgeny Prigozhin, amico di Putin. Prigozhin ha le licenze per l’estrazione di oro e diamanti.

L’ultimo Stato africano che vede l’intervento di Wagner in ordine di tempo è il Mali dove è presente con un migliaio di mercenari. Il loro compito sarebbe l’addestramento dei soldati maliani e la protezione dei funzionari governativi. La loro probabile ricompensa, come in Centrafrica, è l’accesso alle miniere di uranio, oro e diamanti. Con lo smantellamento dei militari francesi, ora, rimangono i russi a controllare la situazione.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
@sand_pin

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

 

Un video reportage eccezionale: la storia dei mercenari russi della compagnia Wagner dall’Ucraina all’Africa

Mosca alla conquista dell’Africa sale al primo posto per la vendita di armi

Mozambico: attacco jihadista, decapitati 20 militari mozambicani e 7 mercenari russi

 

Mali la crisi sprofonda: via i francesi che si ritirano in Niger e in Ciad. Il testimone passa ai russi

 

Il G5 Sahel a Bamako, lancia un nuovo contingente africano contro i jihadisti

In cambio di licenze minerarie Putin invia armi all’esercito centrafricano: l’ONU acconsente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here