Mozambico: attacco jihadista, decapitati 20 militari mozambicani e 7 mercenari russi

Gli accordi tra Nyusi e Putin non sono sufficienti a fermare la violenza jihadista a Cabo Delgado. Anche sette mercenari russi tra i militari mozambicani uccisi

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
3 novembre 2019

Continua l’azione terroristica jihadista a Cabo Delgado, estremo nord del Mozambico. L’ultima, pesantissima, del 27 ottobre scorso è stata un’imboscata nella provincia di Muidumbe, 170 a sud-ovest di Palma, dove operano ENI e ExxonMobil. Il bilancio è stato di venti morti tra le Forze di Sicurezza mozambicane e cinque militari russi.

Mappa del nord del Mozambico con il punto dell'imboscata jihadista e l'area di sfruttamento LNG ENI (Courtesy Google Maps)
Mappa del nord del Mozambico con il punto dell’imboscata jihadista e l’area di sfruttamento LNG ENI (Courtesy Google Maps)

Al giornale online Carta de Moçambique una fonte ha detto che i jihadisti hanno atteso un convoglio militare mettendo un blocco sulla strada. All’arrivo del mezzo hanno cominciato a sparare lasciando sull’asfalto 25 morti. Il massacro lo  hanno “firmato” decapitando i cadaveri.

Una vera e propria azione militare che indica l’aumento del livello di pianificazione mai avuto fino a questo momento. Secondo il giornale mozambicano i cinque russi sono mercenari del Gruppo Wagner che appoggia il governo del Paese lusofono nella guerra contro i jihadisti.

I dati di Zitamar News, dal 5 ottobre 2017 – data di inizio del jihadismo in Mozambico – al 23 settembre 2019, mostrano 170 attacchi. Le vittime, tra militari e soprattutto civili – molti dei quali decapitati – sono state 436. A queste si aggiungono i 25 dell’ultima imboscata.

Secondo Zitamar News, la violenza jihadista in undici mesi ha fatto 116 attacchi con 310 morti
Secondo Zitamar News, la violenza jihadista negli ultimi undici mesi è stata responsabile di 116 attacchi con 310 morti

Il periodo di maggiore violenza jihadista di Al Sunna wa-Jama’s, chiamati dalla popolazione al Shebab, si è avuto negli ultimi undici mesi. Secondo Zitamar News ci sono stati 116 assalti armati che hanno causato 310 morti. La maggior parte a poca distanza da Palma, dove, off-shore, opera ENI per lo sfruttamento degli immensi giacimenti di gas naturale (LNG).

Lo scorso 22 agosto, a Mosca, il presidente mozambicano Filipe Nyusi ha firmato un accordo con Vladimir Putin per aiuti militari contro il jihadismo. Nella seconda metà di settembre sono arrivati in Mozambico tra 160 e 200 mercenari. E il quotidiano russo indipendente The Moscow Times rivela che, lo scorso 10 ottobre, altri due mercenari russi sono morti durante un altro attacco jihadista. È la prima volta che si sente parlare di morti russi. E probabilmente non sarà l’ultima.

(ultimo aggiornamento 3 novembre 2019, 10:58)

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Ennesimo attacco jihadista in Mozambico pericolosamente vicino all’ENI: 11 morti

Contro il jihadismo in Mozambico mercenari russi a Cabo Delgado

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.