La Nigeria (esperta in Boko Haram) vuole aiutare il Mozambico contro i jihadisti

L’offerta si aggiunge a quella di almeno altri due Paesi: Stati Uniti e Portogallo

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
5 febbraio 2021

“La Nigeria è disposta a condividere con il Mozambico l’esperienza maturata nella lotta al gruppo armato Boko Haram”. Lo ha detto Geoffrey Onyeama, ministro degli Esteri nigeriano durante lo scorso fine settimana a Maputo.

Il ministro della Nigeria, nella capitale mozambicana, ha incontrato anche il premier, Carlos Agostinho do Rosario. Ha affermato che il suo Paese è pronto a sostenere le Forze armate mozambicane (FADM) per contrastare i jihadisti.

Jihadisti in Mozambico
Jihadisti in Mozambico

Almeno tre Paesi offrono aiuto militare

L’offerta si aggiunge a quella di almeno altri due Paesi: Stati Uniti e Portogallo. Per il momento un altro intento di buona volontà visto che non ci sono dettagli su modalità e tempi per questo intervento nigeriano.

Le milizie jihadiste, sono attive dall’ottobre 2017, a Cabo Delgado, al confine con la Tanzania. Un’area estremamente ricca di materie prime tra le miniere di rubini di Montepuez e i giacimenti di gas di Palma dove operano ENI, ExxonMobil e Total. Dall’inizio dell’anno ci sono stati diversi attacchi fino ai cancelli di Total che ha evacuato il personale.

Gli assalti jihadisti del gruppo Al Sunnah wa-Jammà, affiliato allo Stato islamico, si sono ampliati in intensità e armamenti mettendo a dura prova le FADM. Ad agosto scorso hanno occupato il porto strategico di Mocimboa da Praia, città occupata per diverso tempo. Ancora oggi non si capisce se sia stata liberata dalle Forze armate mozambicane appoggiate dai mercenari di Dyck Advisory Group (Dag) e Paramount Group.

Profughi in fuga dai combattimenti a Cabo Delgado, nord del Mozambico
Profughi in fuga dai combattimenti a Cabo Delgado, nord del Mozambico

Duemilacinquecento morti e 560 mila sfollati

Una guerra che fino ad oggi ha causato 2.500 morti, soprattutto civili, anche decapitati, e 560 mila sfollati. In questi giorni a Palma, i mercati alimentari sono vuoti e il governo centrale ha mandato viveri per la popolazione. Ai profughi di Cabo Delgado se ne aggiungono almeno 10 mila causati del ciclone tropicale Eloisa che ha colpito 250 mila persone di cinque province nel centro del Mozambico.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Attacco jihadista di Capodanno a giacimenti gas in Mozambico, Total evacua il personale

 

Mozambico, respinto attacco jihadista alle porte dei giacimenti di gas dell’ENI

 

Ciclone tropicale Eloisa devasta il Mozambico: colpite 250 mila persone

 

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.