Attacco jihadista di Capodanno a giacimenti gas in Mozambico, Total evacua il personale

L’evacuazione è dovuta alla situazione di pericolo, salita a “livello 4”, a causa degli ultimi attacchi jihadisti troppo vicini agli impianti

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
6 gennaio 2021

La multinazionale petrolifera francese Total ha deciso l’evacuazione del suo personale dai giacimenti di gas naturale di Cabo Delgado, estremo nord del Mozambico. L’evacuazione di tutte le persone che si trovano sul posto per un periodo indefinito, è una scelta obbligata fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. La decisione è stata presa a causa della situazione di estremo pericolo, salita a “livello 4”, per gli ultimi attacchi del 1° e 2 gennaio.

Momenti di una delle battaglie contro i jihadisti a Cabo Delgado
Momenti di una delle battaglie contro i jihadisti a Cabo Delgado e profughi in fuga

L’attacco più ravvicinato ai giacimenti di gas

I jihadisti, presumibilmente di Al-Sunnh wa-Jamma, hanno attaccato la penisola di Afungi, 5km dal campo Total, e ai cancelli del progetto, a 1km dalla pista aerea. È l’assalto più ravvicinato dall’inizio del terrorismo jihadista, oggi affiliato all’ISIS. Si sa che ci sono stati vari scontri e vittime ma non è possibile stabilirne la gravità di questi due attacchi. È confermato che i jihadisti, durante i raid si sono impadroniti di riserve di cibo, assaltando anche la dispensa della task force di difesa Total.

Afungi sotto assedio?

La settimana scorsa, secondo il sito Pinnacle News, gli insorti hanno attaccato i villaggi di Mondlane e Olumbi (distano 7 e 10 km dal campo Total). Quindi hanno cercato di sfondare nel cantiere che ospita i lavoratori Total e società controllate. Il gruppo di terroristi è stato messo in fuga dai militari, bene armati, delle Unità di intervento rapido (UIR).

Mappa dell'area degli ultimi attacchi vicini ai giacimenti di gas dove operano Total, ENI, ExxonMobil
Mappa dell’area degli ultimi attacchi vicini ai giacimenti di gas dove operano Total, ENI, ExxonMobil (courtesy: OpenStreetMap)

La difesa delle Forze speciali di polizia

Le UIR sono forze speciali di polizia, le più addestrate e pagate, assegnate dal governo mozambicano per proteggere gli impianti di Afungi. Purtroppo, dai movimenti dei jihadisti, pare che stiano stringendo sempre più il cerchio attorno ai giacimenti di gas dell’area. Due settimane fa l’attacco a Mute, 20km da Afungi ha allarmato Total, ExxonMobil e ENI che operano ad Afungi. Gli assalti a Monjane e Olumbi hanno aumentato l’inquietudine, fino all’attacco del 1° gennaio che ha fatto scattare l’evacuazione.

Total Albergo galleggiante per la penisola di Afungi
Albergo galleggiante per la penisola di Afungi

Pinnacle News scrive che da due settimane c’è il divieto di navigazione tra Pemba, capitale di Cabo Delgado, e Palma. Nel porto di Pemba, ci sono dodici navi con viveri, attrezzature e perfino un albergo galleggiante destinato ad Afungi. Si stima che dall’inizio del terrorismo jihadista nell’ottobre 2017 ci siano stati 2.500 morti (anche decapitati), soprattutto tra i civili, e 570 mila profughi.

Forze armate francesi a difesa di Total?

Secondo l’analista Joseph Hanlon, docente alla Open University (Regno Unito), lo sgombero del personale degli impianti di Afungi è un segnale preoccupante. “Quando Total decide di evacuare significa chiaramente che ha concluso che il governo non può proteggerlo”, scrive nella sua newsletter settimanale. E chiede: “Total proverà a costringere il governo ad accettare una presenza importante dell’esercito e della marina francese? O potrebbe arrendersi? Potrebbe decidere che le attività di gas Anadarko/Occidental che ha acquistato altrove in Africa sono una scommessa migliore?”.

Progetto dell'area degli impianti Total di Afungi
Progetto dell’area degli impianti Total di Afungi (Courtesy: Total)

Total ha programmato la prima produzione di gas naturale liquefatto (GNL-LNG) per il 2024 con una produzione stimata di 43 milioni di tonnellate all’anno. Il megaprogetto di Cabo Delgado vale 18mld di euro e Total ne detiene una partecipazione del 26,5 per cento acquistato nel settembre 2019 per 3,3mld di euro. Nell’estrazione del gas, off-shore, partecipano anche il gigante petrolifero italiano ENI, che dovrebbe iniziare la produzione nel 2022, e l’americana ExxonMobil.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Mozambico, respinto attacco jihadista alle porte dei giacimenti di gas dell’ENI

Mozambico: stop esperti UE nonostante 560mila sfollati per guerra nel nord

Mozambico: chiamata alle armi anti-jihadista, ExxonMobil e Total chiedono più militari

Mozambico: attacco jihadista, decapitati 20 militari mozambicani e 7 mercenari russi

Il mercenario Dyck: “Fermiamo jihadismo in Mozambico o colpirà l’intera regione”

Mozambico, jihadisti occupano porto di Mocimboa vicino a giacimenti di gas

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.