Mozambico: stop esperti UE nonostante 560mila sfollati per guerra nel nord

Al presidente mozambicano Filipe Nyusi non sono piaciute le critiche dell’Alto rappresentante UE per gli Esteri, Josep Borrell

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
24 dicembre 2020

Ormai gli sfollati a Cabo Delgado, estremo settentrione del Mozambico, sono diventati oltre 560 mila. La conferma è arrivata la scorsa settimana dal Consiglio dei ministri mozambicano. Donne, bambini, vecchi e uomini stanno fuggendo dalla distruzione portata avanti – dall’ottobre 2017 – da gruppi jihadisti affiliati all’ISIS.

In sei settimane i profughi aumentati del 30 per cento

Il governo di Maputo ha confermato che, secondo le stime, le persone in fuga dalla guerra sono aumentate di 125 mila rispetto ad ottobre scorso. Molti rifugiati si sono spostati verso Montepuez, 370 km a sud-ovest di Mocimboa da Praia, centro nevralgico degli insorti islamisti. Molti scappano via mare, in barche di fortuna, portando via tutto cio che possono dalle case abbandonate e saccheggiate. Arrivano con sedie, materassi, pentole e altre suppellettili sapendo che hanno perso le loro abitazioni e non sanno quando potranno tornare nei villaggi.

Cabo Delgado, sfollati fuggiti dalla guerra in arrivo a Pemba
Cabo Delgado, sfollati fuggiti dalla guerra in arrivo a Pemba

Altri sono fuggiti verso Palma, area dei giacimenti di gas naturale, 80 km a nord di Mocimboa. Sono vicino alla penisola di Afungi, sede di ExxonMobil, Total ed ENI, multinazionali energetiche che dal 2022 dovrebbero dare inizio alla produzione di gas naturale. La speranza dei profughi è essere difesi dai militari che proteggono queste aziende straniere, strategiche per il Paese africano.

La maggior parte delle persone in fuga dalla guerra, sono rifugiate a Pemba, capitale provinciale di Cabo Delgado. A parte l’ospedale, secondo testimonianze locali, a Pemba esistono campi squallidi e disorganizzati.

Il Mozambico non rilascia autorizzazione all’ingresso degli esperti UE

Nonostante la situazione tragica che sta vivendo il nord del Mozambico, l’aiuto dell’Unione Europea non riesce a partire per l’ex colonia portoghese. Josep Borrell Fontelles, Alto rappresentante per Esteri dell’UE: “Stiamo solo aspettando l’autorizzazione dal Mozambico. Attendiamo il via libera per inviare una missione di esperti di sicurezza nominati da novembre e pronti a partire”. “Abbiamo problemi in Mozambico: non possiamo muoverci, non possiamo viaggiare” – ha aggiunto.

Rifugiati - Josep Borrell Fontelles, Alto rappresentante per Esteri dell'UE
Josep Borrell Fontelles, Alto rappresentante per Esteri dell’UE, espone il caso Mozambico al Parlamento europeo

Al presidente mozambicano non piacciono le critiche di Borrell

Ma che tipo di problemi ci sono tra Unione europea e Mozambico? Al presidente mozambicano Filipe Nyusi non sono piaciute le critiche di Borrell che ha sottolineato la corruzione e le cause interne della guerra. “Non possiamo dire che tutto ciò che sta accadendo in Mozambico sia semplice estensione del movimento terroristico islamico” – ha dichiarato in sessione plenaria del Parlamento europeo. “In una certa misura questo è vero ma la violenza armata nella nord del Mozambico è stata innescata dalla povertà e dalla disuguaglianza. Nella popolazione c’è mancanza di fiducia in un governo che non riesce a soddisfare i bisogni minimi”.

Al capo dello Stato mozambicano le esternazioni di Borrell non sono andate giù perché tocca una ferita aperta. Secondo gli esperti di politica dell’Africa meridionale è interesse del Mozambico far passare la guerra di Cabo Delgado come un conflitto internazionale e non come un problema locale.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Giornalisti svelano i traffici dei jihadisti in Mozambico: traffico di organi e rubini

Ecco chi sono e cosa fanno i capi dei tagliagole nel nord Mozambico

Giornalisti investigativi in Mozambico scoprono l’account FB usato dai jihadisti

Isis minaccia il Sudafrica: “Se aiutate il Mozambico veniamo da voi”

Covid-19, terrorismo e gas in Mozambico, ExxonMobil taglia investimenti del 30 %

Mozambico: chiamata alle armi anti-jihadista, ExxonMobil e Total chiedono più militari

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: