Mozambico, respinto attacco jihadista alle porte dei giacimenti di gas dell’ENI

1
162
giacimenti di gas - militari mozambicani
Militari mozambicani a Cabo Delgado

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
29 dicembre 2020

I giacimenti di gas naturale (GNL-LNG) di Cabo Delgado, provincia del nord, sono sotto attacco jihadista. L’assalto è avvenuto a una ventina di km da Palma, dove nella penisola di Afungi c’è la sede di ENI, ExxonMobil e Total. A protezione dell’area dei giacimenti ci sono almeno 500 militari e ne sono stati richiesti altri 300.

Si tratta di un impianto da 18 miliardi di euro, uno dei gioielli del forziere di Maputo. È un’area che, insieme al giacimento di rubini di Montepuez, è strategica per l’economia mozambicana dei prossimi decenni.

 giacimenti di gas - militari mozambicani
Militari mozambicani a Cabo Delgado

L’attacco è stato effettuato a Mute nella notte del 23 dicembre, 40 km a nord di Mocimboa da Praia, zona sotto controllo jihadista da agosto scorso. È il secondo attacco a Mute nel giro di poche settimane. I rivoltosi, secondo il ministro della Difesa mozambicano, Jaime Neto, sono stati respinti dalle Forze Armate Mozambicane (FADM). Il sito portoghese Africa Monitor scrive che le FADM non hanno capacità di risposta e hanno difficoltà nella logistica. A causa della disorganizzazione è difficile anche il trasferimento dei feriti e il trasporto dei caduti in aereo all’ospedale di Pemba.

Dyke Advisory Group e Paramount Group in aiuto del Mozambico

Dopo il fallimento dei russi del Wagner Group, per contrastare la violenza dei gruppi jihadisti di al Sunnah Wa-Jama Maputo si serve di altri mercenari. Da febbraio scorso si appoggia al Dyke Advisory Group (DAG). Interviene in aiuto soprattutto con mezzi aerei: un elicottero Gazelle (un altro Gazelle è stato abbattuto) e un aereo leggero Bat Hawk. Da novembre si è aggiunto Paramount Group, un cartello di società sudafricane che operano nei settori della difesa globale.

giadimenti di gas - blindato Marauder
Blindati Marauder di Paramount Group

Secondo indiscrezioni di Defence Web, da Paramount Group sono arrivati almeno cinque Marauder. Sono mezzi blindati da 17 tonnellate, che trasportano fino a 12 militari e resistono alle esplosioni dirette di 8 kg di TNT. E si parla anche di altri due blindati leggeri. Il Parlamento sudafricano ha autorizzato la spedizione di armamenti al vicino Mozambico ma, a parte i Marauder, non se ne conosce il quantitativo.

Una guerra da 2.500 morti e 560 mila sfollati

La guerra a Cabo Delgado, dall’ottobre 2017, è diventata sempre più cruenta. Si contano tra 2.000 e 2.500 morti, soprattutto tra la popolazione civile. Davanti a questa situazione tragica che sembra peggiorare quotidianalmente, il Parlamento europeo ha proposto l’invio di esperti per valutare gli aiuti. Il presidente mozambicano, Filipe Nyusi, ha però fermato i visti d’ingresso perché non ha gradito le esternazione di Josep Borrell, Alto rappresentante UE per gli Esteri.

giacimenti di gas -campo profughi
Campo profughi a Cabo Delgado

USA e Portogallo offrono aiuto militare

Mentre gli insorti, ora affiliati all’ISIS, continuano ad avvicinarsi ai giacimenti di gas di Palma, USA e Portogallo offrono a Nyusi aiuto nella formazione militare. “Gli Stati Uniti vogliono essere partner privilegiato contro il terrorismo a Cabo Delgado”, ha dichiarato Nathan Sales, coordinatore per l’antiterrorismo del Dipartimento di Stato USA. Lo ha detto durante la visita a Maputo il 3 dicembre ma ha precisato che sul campo di battaglia non ci saranno militari americani.

Anche il ministro della Difesa portoghese, João Gomes Cravinho, era a Maputo pochi giorni dopo Sales. Cravinho ha incontrato il suo omologo mozambicano Jaime Neto al quale ha affermato l’appoggio del Portogallo nella guerra a Cabo Delgado. “Siamo disponibili ad aiutare le autorità mozambicane nel combattere il terrorismo secondo ciò che il Mozambico ritiene necessario”.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Crediti foto:
– Marauder
Di Gulustan – Opera propria, CC BY-SA 3.0, Collegamento

Mozambico: stop esperti UE nonostante 560mila sfollati per guerra nel nord

Mozambico: chiamata alle armi anti-jihadista, ExxonMobil e Total chiedono più militari

Mozambico: attacco jihadista, decapitati 20 militari mozambicani e 7 mercenari russi

Il mercenario Dyck: “Fermiamo jihadismo in Mozambico o colpirà l’intera regione”

Mozambico, jihadisti occupano porto di Mocimboa vicino a giacimenti di gas

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here