Alice Mabota, la prima donna che si candida alla presidenza in Mozambico

Una donna, Maria Alice Mabota, della Coalizione per l’Alleanza Democratica, sfida l’attuale presidente Filipe Nyusi alle prossime elezioni presidenziali del 15 ottobre. È la prima volta che accade nel Paese lusofono

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 25 luglio 2019

Si chiama Maria Alice Mabota. È la prima donna della storia dell’ex colonia portoghese che si candida alla presidenza della repubblica alle elezioni che si terranno il prossimo 15 ottobre. Competizione elettorale nella quale l’attuale presidente, Filipe Nyusi, si presenta per il secondo mandato.

Maria Alice Mabota, prima donna mozambicana che si presenta alle elezioni presidenziali
Maria Alice Mabota, prima donna mozambicana che si presenta alle elezioni presidenziali (Courtesy @CAD.MZ)

“So di essere piccola e che dovrò affrontare ciottoli, pietre e massi” – ha dichiarato in una conferenza stampa. “Il desiderio di cambiare il corso del paese, di rimetterlo sulla via del progresso è molto più forte e non mi permette di arrendermi”.

Bisogna dire che la signora Mabota ha un grande coraggio. Infatti, sfida il FRELIMO (Frente de Libertaçao de Moçambique), partito già filosovietico che ha lottato, e ottenuto, l’indipendenza del Mozambico.

Un monolite di granito, al potere dal 1975, che negli ultimi anni ha ceduto alla corruzione vedendo coinvolti politici ai livelli più alti. Tra questi anche Manuel Chang, ex ministro delle Finanze, attualmente detenuto in Sudafrica, accusato per uno scandalo da 1,9mld di euro.

La neo candidata sfida anche il maggior partito di opposizione, RENAMO (Resistencia National Moçambicana), oggi in parlamento. Prima di diventare un partito, per quasi due decenni è stato protagonista della guerriglia armata antigovernativa finanziata dal Sudafrica dell’apartheid e dagli USA.

Maria Alice Mabota durante una manifestazione contro l'intolleranza
Maria Alice Mabota durante una manifestazione contro l’intolleranza (Courtesy (Courtesy @CAD.MZ))

Alice Mabota, alle presidenziali mozambicane si presenta con la Coalizione per l’Alleanza Democratica (CAD) composta da sei partiti che attualmente sono all’opposizione. Ha fondato la Lega per i diritti umani del Mozambico e ne è stata la prima presidente per più di due decenni.

Dei diritti umani ne fa una bandiera del suo programma elettorale. “Il Paese sta andando indietro in termini dello stato di diritto” ha affermato. Lo confermano le restrizioni dello scorso anno alla libertà di stampa indipendente varate lo scorso 22 agosto. Un bavaglio subdolo, pochi mesi prima delle elezioni amministrative, che impone tasse di licenza e rinnovo annuale elevatissime alle testate libere.

Anche i freelance mozambicani che collaborano per le testate straniere sono costretti a pagare allo stato delle tasse salate per poter lavorare. Mentre alla stampa viene impedito di indagare sul terrorismo jihadista a Cabo Delgado, nel nord del Paese.

La sfida di Maria Alice Mabota e del CAD allo strapotere del FRELIMO al governo da 44 anni potrebbe cambiare molte cose.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Bavaglio alla mozambicana alla stampa costretta a pagare tasse enormi

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.