Un gruppo di giornalisti investigativi svela i nomi dei capi jihadisti in Mozambico

Sono tre i nomi di spicco rivelati da un’indagine del Centro de Jornalismo Investigativo del Mozambico (CJI Moz). I jihadisti di Ahlu Sunnah Wa-Jammá hanno coperture nelle Forze di difesa e sicurezza mozambicane (FDS). Dove sono finite le armi comprate dal figlio dell’ex presidente e le uniformi sparite?

sandro_pintus_francobolloQuesta è la prima puntata. La seconda di questo reportage è stata pubblicata qui. La terza qui
Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
15 ottobre 2020

Secondo il CJI si chiamano Bonomado Machude Omar, alias Ibn Omar, Abdala Likonga, alias Alberto Shaki, e André Idrissa. Sono il vertice locale dei tagliagole jihadisti che, dall’ottobre 2017, stanno massacrando Cabo Delgado, la provincia più settentrionale e più povera del Mozambico.

Lo svela un’indagine del Centro de Jornalismo Investigativo del Mozambico (CJI Moz). Secondo Joseph Hanlon, esperto di Africa Australe e docente alla Open University (Regno Unito) le indagini sono molto importanti per comprendere le radici del terrorismo. Un terrorismo che fino ad oggi, a Cabo Delgado, ha causato almeno 2.000 morti e 300 mila profughi.

Jihadisti armati con la bandiera dello Stato islamico davanti alla caserma di polizia di Quissanga
Jihadisti armati con la bandiera dello Stato islamico davanti alla caserma di polizia di Quissanga

Un ampliamento dello studio voluto dal presidente Nyusi

L’investigazione amplia lo studio sull’estremismo islamico in Mozambico di João Pereira e Salvador Forquilha, dell’Università E. Mondlane di Maputo, con il leader religioso islamico Saide Habibe. Un’indagine, voluta dal presidente mozambicano Filipe Nyusi, che per la prima volta nomina il gruppo jihadista: Ahlu Sunnah Wa-Jammá.

Il CJI ha identificato Ibn Omar come autore di un video del marzo 2018, diventato virale. Da quella registrazione è considerato come un leader jihadista del gruppo, chiamato dalla popolazione al-Shebab, gioventù in arabo, nome usato dai militanti islamici somali.

CJI mappa di Cabo Delgado e parte del Niassa
Mappa di Cabo Delgado e parte del Niassa

Chi protegge i jihadisti e chi li finanzia

Ibn Omar ha molti amici, secondo le fonti CJI. Primi tra tutti le Forze di difesa e sicurezza mozambicane (FDS), le stesse che combattono i jihadisti a Cabo Delgado. Poi ci sono parte dei cittadini dei distretti colpiti dall’insurrezione jihadista, nei distretti di Pemba. Ma anche nelle province del Niassa, a ovest di Cabo Delgado e della capitale Maputo. C’è chi dice che l’appoggio verso l’insurrezione si estenda anche in altre province.

“Quando l’esercito mozambicano entra o esce da un distretto, Ibn Omar viene informato dalla sua rete di fonti sparse in tutta la provincia. In sintesi, ha sia militari che civili che gli danno informazioni sui movimenti delle Forze armate di difesa”, si legge.

“Qualcuno della catena logistica è coinvolto in questa macabra impresa e contribuisce fornendo uniformi militari all’insurrezione – ha raccontato la fonte CJI. Questo è un business che coinvolge tante situazioni”.

CJI Profughi in fuga via mare da Mocimboa da Praia a causa degli attacchi jihadisti
Profughi in fuga via mare da Mocimboa da Praia a causa degli attacchi jihadisti

Le duecento armi leggere e varie uniformi sparite

Durante la seconda presidenza di Armando Guebuza (2009-2014), quando l’attuale presidente, Filipe Nyusi, era ministro della Difesa, sono sparite 200 armi un numero indefinito di uniformi. Le aveva acquistate il figlio di Guebuza, Mussumbuluko, si legge nell’indagine. Nessuno sa dove siano andate a finire. Oggi Mussumbuluko è in prigione in attesa del processo. Ma non per le armi bensì per uno scandalo da 1,9 miliardi di euro che ha scoperchiato il pentolone della corruzione ad altissimi livelli politici.

I jihadisti spioni dormienti di Cabo Delgado

“Dal 2007 somali, senegalesi, tanzaniani e altri sono entrati in Mozambico. Alcuni di loro sono jihadisti venuti per spiare la fragilità dello Stato mozambicano rimanendo ‘dormienti’. Ma anche capire la possibilità di condurre attacchi nel nord del Paese, dove la maggioranza della popolazione è musulmana”, scrive CJI.

Alcuni di loro sono diventati commercianti e si sono mischiati con la popolazione. Finanziano l’insurrezione attraverso le loro attività commerciali come negozi, aziende, distributori di benzina. Un lavoro lento e paziente che il governo mozambicano non è stato in grado di scoprire. O, forse, non ha voluto vedere.

(1/4 – continua)

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Giornalisti investigativi in Mozambico scoprono l’account FB usato dai jihadisti

Ecco chi sono e cosa fanno i capi dei tagliagole nel nord Mozambico

Frode da 1,9 mld: USA e Mozambico chiedono a Pretoria l’estradizione dell’ ex ministro mozambicano

Mozambico, contrabbando di rubini e avorio dietro i capi jihadisti di Cabo Delgado

Giovani jihadisti mozambicani addestrati all’estero da milizie pagate da al Shebab

Cabo Delgado, soldati mozambicani freddano donna: dopo le bastonate, mitragliata 36 volte

USA chiedono a Zimbabwe intervento militare contro i jihadisti in Mozambico

SADC a guida mozambicana: fermare terrorismo jihadista in Africa Australe

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.