Propaganda ISIS: “Uccisi 10 militari in Mozambico”ma non c’è nessuna conferma dai governi

Dall'inizio del terrorismo jihadista l’ong Cabo Ligado ha registrato 4.700 morti dei quali oltre 2.000 civili. Ci sono oltre 800.000 sfollati

0
1540

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
7 luglio 2023

“Il distretto di Mocimboa da Praia è stabile e libero da attacchi terroristici”. Questo dichiarava il 26 giugno il ministro mozambicano della Difesa Cristovao Chume ai giornalisti.

Dopo una settimana, il 3 luglio, L’Amaq Press Agency, agenzia di stampa dello Stato islamico (ISIS), pubblicava foto e video di un attacco in Mozambico. È avvenuto a Cabo Delgado, provincia mozambicana sotto attacco jihadista dal 2017. Il luogo è Macomia, 140 km a sud di Mocimboa da Praia.

propaganda mappa del nord Mozambico
Mappa del nord Mozambico con il luogo dell’agguato (Courtesy GoogleMaps)

I tweet sull’attacco

La notizia è stata ripresa via twitter da Daniel Michombero-Batubenga, giornalista freelance congolese, e da Daniele Garofalo analista specializzato in terrorismo e jihadismo.

Mentre il 26 giugno il ministro mozambicano della Difesa Cristovao Chume ha dichiarato ai giornalisti che il distretto di Mocimboa da Praia, nella provincia settentrionale di Cabo Delgado, è stabile e libero da attacchi terroristici.

Realtà o propaganda?

Nei tweet Michombero-Batubenga scrive che a Macomia un gruppo dello Stato islamico ha pubblicato le foto dopo un attacco. Ha causato la morte di una decina di soldati ruandesi. Il gruppo ha rivendicato la responsabilità dell’attacco e diversi altri soldati ruandesi sono stati catturati insieme alle armi.


Contenuto simile il tweet postato da Garofalo. “L’agenzia di stampa Amaq ha rilasciato una dichiarazione e un video di 0:50 minuti. Rivendica il pesante attacco di #IS-MOZ contro i militari #SADC con con morte di ruandesi e mozambicani.

Il giornale online Carta de Moçambique, cita Amaq come fonte e parla di imboscata jihadista dove sono morti 10 militari mozambicani. C’è anche un numero indefinito di feriti e diverse armi andate finite in mano ai terroristi che hanno pubblicato la foto dei documenti dei soldati.

Nessuna conferma è arrivata dal governo mozambicano. Dalle immagini dei tweet non si riconoscono né le armi catturate né le divise dei militari ruandesi.

È possibile che sia propaganda ISIS-Mozambique (Al Sunnah wa-Jammà-ASWJ) classificato dal Dipartimento di Stato USA come “terroristi globali particolarmente pericolosi”.

I militari ruandesi e SADC a difesa del Nord

Dall’ottobre 2018 inizio degli attacchi jihadisti a Cabo Delgado, l’ong Cabo Ligado ha registrato 4.700 morti dei quali oltre 2.000 civili. Gli attacchi di Al Sabbah wa-Jammà hanno causato oltre 800.000 sfollati.

Circa 2.000 militari ruandesi stanno aiutando il Mozambico contro i gruppi jihadisti da luglio 2021. Sono stati chiamati dal presidente mozambicano Filipe Nyusi che ha siglato un accordo bilaterale con l’omologo ruandese Paul Kagame e la mediazione di Emmanuel Macron.

propaganda armi
Armi e materiale militare catturate dopo ì’agguato ISIS-Mozambico

Anche i 16 Paesi della Comunità di sviluppo dell’africa australe (SADC) stanno aiutando il Mozambico a Cabo Delgado dall’agosto 2021. Circa 3.000 soldati sono presenti con la Missione dei Paesi dell’Africa australe in Mozambico (SAMIM). Il contingente maggiore è quello sudafricano con circa 1.800 soldati.

Giacimenti di gas abbastanza sicuri

Oggi, oltre al distretto di Mocimboa da Praia, anche Palma sembra sicura e stanno tornando gli abitanti. Palma è la città dei giacimenti di gas con i cantieri TotalEnergies (ancora chiusi) assediata a marzo 2021 dai jihadisti per una settimana. Off-shore ci sono i giacimenti dove opera ENI che non hanno subito l’impatto jihadista. Il primo carico di GNL è stato spedito in Europa nel novembre 2022.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com

Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Contro il terrorismo jihadista arrivate truppe ruandesi nel nord Mozambico

Destinazione Europa: dal Mozambico partito il primo supercarico ENI di gas naturale

Orrore in Mozambico, 12 bianchi decapitati dai jihadisti durante l’assedio di Palma

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here