Contro il terrorismo jihadista arrivate truppe ruandesi nel nord Mozambico

I media mozambicani sono critici riguardo alla militarizzazione straniera di Cabo Delgado e all’opacità dell’intervento militare del Ruanda e della SADC

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
12 luglio 2021

I primi militari ruandesi sono arrivati a Cabo Delgado, estremo nord del Mozambico il 9 luglio. Raggiungeranno le 1.000 unità “boots on the ground”, cioè sul campo, e saranno dispiegati a Mueda e nella penisola di Afungi. La loro missione è neutralizzare i gruppi jihadisti di Alhu Sunna wa-Jamma e ripristinare la sicurezza e il controllo dello Stato mozambicano a Cabo Delgado.

Partenza militari ruandesi
Partenza dei militari ruandesi da Kigali, Ruanda

Mueda è sede del Comando operazionale del Nord con alcune posizioni delle Forza di Difesa e Sicurezza (FDS). Afungi è l’area dove il colosso petrolifero francese Total vorrebbe estrarre gas naturale (LNG). Gli impianti hanno comportato un investimento di 20 miliardi di dollari, il più corposo di una compagnia straniera in Africa. Durante l’attacco jihadista a Palma dello scorso 23 marzo, per la seconda volta la Total ha fermato i lavori dei cantieri, questa volta a tempo indeterminato.

Da Ruanda e SADC 4.000 militari a Cabo Delgado

Il contingente ruandese sarà composto da 700 uomini e donne delle Forze di Difesa del Ruanda (RDF) e 300 della Polizia Nazionale del Ruanda (RNP). Secondo un comunicato del governo di Kigali, le truppe ruandesi lavoreranno a stretto contatto con le Forze Armate del Mozambico (FADM). E con i militari della Comunità di sviluppo dell’Africa meridionale (SADC) in settori di responsabilità designati.

poliziotti ruandesi
Poliziotti ruandesi, in partenza per il Mozambico

“Il dispiegamento si basa sulle buone relazioni bilaterali tra la Repubblica del Ruanda e la Repubblica del Mozambico secondo accordi del 2018 – c’è scritto nel comunicato – . Si fonda sull’impegno del Ruanda a implementare la dottrina della Responsabilità di Progetto (R2P) e sui Principi di Kigali sulla protezione dei civili”.

Il portavoce militare della Difesa, colonnello Ronald Rwivanga, ha affermato che non c’è una data di ritorno del contingente in Ruanda. “Abbiamo una missione da svolgere e quando sarà compiuta torneremo a casa”.  ha dichiarato l’ufficiale. L’arrivo in Mozambico delle truppe della SADC, invece, è previsto dal 15 luglio. Secondo un documento riservato si tratta 2.916 uomini con elicotteri, droni, pattugliatori marittimi e un sommergibile.

Le critiche dei media mozambicani sull’opacità delle truppe straniere

I media mozambicani sono molto critici riguardo alla militarizzazione straniera di Cabo Delgado e all’opacità dell’intervento militare del Ruanda e della SADC. Non si conosce il costo dell’operazione né la durata dell’intervento e le mansioni delle truppe straniere. Probabilmente non convince troppo nemmeno le FDS. Il presidente mozambicano, Filipe Nyusi, il 9 luglio a Mueda, quando ha annunciato l’arrivo dei militari ruandesi ha specificato: “Lavoreranno con noi. Non sono loro che comanderanno”.

Truppe ruandesi
Truppe ruandesi in partenza per il Mozambico

La questione della sicurezza dei rifugiati politici ruandesi in Mozambico

C’è poi la questione degli oppositori politici ruandesi rifugiati in Mozambico. Il 23 maggio il giornalista ruandese Cassien Ntamuhanga è stato arrestato senza motivo dalla polizia mozambicana a Maputo e consegnato all’ambasciata del Ruanda. Atto che viola la normativa internazionale sulla protezione dei rifugiati politici. Nella comunità ruandese c’è fermento e paura che tocchi loro la stessa sorte. Molti si chiedono se ciò è parte del prezzo che Maputo deve pagare a Kigali.

USA, Portogallo e UE nel training dei militari mozambicani

Di fatto la situazione di Cabo Delgado è diventata drammatica e Maputo, non si è dimostrata in grado di gestirla. Nemmeno con l’aiuto dei mercenari russi del Wagner Group e i sudafricani di Dyck Advisory Group. Dall’ottobre 2017, inizio del terrorismo jihadista nella provincia dell’estremo nord, ci sono stati tra 2.500 e 3.000 morti e tra 730 mila e 1 milione di sfollati. Nei mesi scorsi, sia Stati Uniti che Portogallo hanno mandato personale per l’addestramento delle truppe mozambicane. Ora anche l’Unione Europea ha deciso di partecipare al training dei militari dell’ex colonia portoghese.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mistero su giornalista oppositore ruandese rapito in Mozambico

A difesa della Total contro jihadisti arrivano nel nord Mozambico i soldati ruandesi

Ruanda: muore in prigione in circostanze sospette stella del gospel

Macron: “Accerterò se ci sono responsabilità francesi nel genocidio in Ruanda”

Ruanda, il dilemma di Kagame a 25 anni dal genocidio: crescita o democrazia?

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.