L’Africa in guerra su due fronti: il Covid-19 e la nuova invasione di cavallette

Un altro attacco di locuste è “una minaccia senza precedenti per la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza”. E ora la pandemia di Coronavirus è entrata prepotentemente nel continente

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 9 aprile 2020

Mentre il pianeta è nella morsa della pandemia da Covid-19, dopo Asia, Europa, Americhe e Australia, l’Africa sta iniziando ad affrontare il Coronavirus. Ma si trova in maggiore svantaggio rispetto ai Paesi che stanno contrastando l’infezione o, come la Cina, ne sono quasi usciti. Nel momento in cui scriviamo, in Africa – secondo dati OMS-WHO – ci sono 7.671 casi confermati di Coronavirus. Il Sudafrica è la nazione maggiormente colpita con 1.749 contagi e 13 decessi.

Locusta del deserto mentre depone le uova e virus Covid-19
Locusta del deserto mentre depone le uova e virus Covid-19

Non solo strutture sanitarie moderne inesistenti e metropoli sovrappopolate, mancanza di informazioni su come difendersi, carenza di acqua pulita e povertà estrema. Il grande Continente nero deve lottare – ancora – contro gli eserciti di locuste del deserto. A febbraio erano oltre 100 miliardi le cavallette che stavano divorando l’Africa orientale e tra insetticidi e fine del loro ciclo vitale, c’era speranza di una tregua.

I dati della FAO

Secondo dati dell’Organizzazione ONU per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), aggiornati al 4 aprile, c’è stato un peggioramento di una situazione già tragica. La causa sono state le piogge abbondanti cadute a fine marzo sul Corno d’Africa. Hanno permesso la schiusa delle uova e l’abbondante nutrimento delle ninfe con vegetali freschi che ha fatto crescere rapidamente gli ortotteri.

Tra poco un’altra generazione di cavallette sarà pronta per una nuova pesante fase aggressiva. Durante i prossimi mesi è previsto un drammatico aumento del numero delle locuste in Africa orientale, Yemen orientale e Iran meridionale.

La FAO definisce la situazione nell’Africa orientale “estremamente allarmante”. Si stanno formando bande di cavallette e un numero crescente di nuovi sciami in Kenya, Etiopia meridionale e Somalia. In questi tre Paesi ci sono almeno 12 milioni di persone a rischio fame. E altrettante, con problemi di sottonutrizione, in quelli confinanti toccati dalle fameliche invasioni degli ortotteri nei mesi scorsi.

Mappa FAO dell'invasione delle locuste aggiornata a marzo 2020 (Courtesy FAO)
Mappa FAO dell’invasione delle locuste aggiornata a marzo 2020 (Courtesy FAO)

Allarme sicurezza alimentare

“Una minaccia senza precedenti per la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza” – afferma la FAO. ”Coincide con l’inizio delle lunghe piogge e la stagione della semina. Sebbene siano in corso operazioni di controllo a terra e aeree, permetteranno ai nuovi sciami di rimanere, maturare e deporre uova. Alcuni sciami potrebbero spostarsi dal Kenya all’Uganda, al Sud Sudan e all’Etiopia.

Ma, purtroppo, il peggio deve ancora arrivare. “Nel mese di maggio, le uova si schiuderanno” – dice la FAO. “Queste formeranno nuovi sciami a fine giugno e luglio, periodo che coincide con l’inizio dei raccolti”. E questi verranno divorati da miliardi di cavallette togliendo il cibo alle comunità umane.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Crediti foto:
– Locusta del deserto (Schistocerca gregaria)
Di Christiaan KooymanOpera propria, Pubblico dominio, Collegamento

Il Coronavirus attacca 47 Paesi africani: scoppiano rivolte nelle carceri

Guterrez: 3000 miliardi di $ per l’Africa ma il Coronavirus farà milioni di morti

L’emergenza del Coronavirus non ferma i voli di Iran Air in Europa

Guerra alle locuste: in Africa un supercomputer, in Asia 100 mila anatre

Cento miliardi di locuste divorano i raccolti: emergenza in Africa orientale

Dopo il Corno d’Africa l’orda di cavallette divora anche Uganda, Tanzania e Sud Sudan

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.