Mozambico, Elezioni 2019: vince il Frelimo, Nyusi presidente al secondo mandato

Il Frelimo ha vinto e Filipe Nyusi ha ottenuto il secondo mandato alla presidenza della Repubblica con il 73 per cento. il Renamo perde il 30 per cento e MDM il 60 per cento. L’opposizione: “Rifiutiamo questi risultati perché non riflettono fedelmente la volontà popolare”

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze 1° novembre 2019

Il risultato era scontato. Filipe Nyusi, che voleva il secondo mandato alla presidenza della Repubblica, ha vinto le presidenziali 2019. Ha raggiunto 4,5 milioni di voti, 1,7 milioni in più rispetto alla sua prima elezione. Ha ottenuto la maggioranza assoluta con il 73 per cento. Il Fronte di Liberazione del Mozambico (FRELIMO), al governo dal 1975 – anno dell’indipendenza – rimane al potere.

Filipe Nyusy, al suo secondo mandato alla presidenza della Repubblica del Mozambico
Filipe Nyusy, al suo secondo mandato alla presidenza della Repubblica del Mozambico

I risultati definitivi delle seste elezioni generali multipartitiche dal 1994, sono stati ufficializzati dalla Commissione elettorale nazionale (CNE). La Commissione ha anche rigettato, con 9 voti contro 8, le richieste di annullamenti per brogli fatte dall’opposizione.

Il FRELIMO, all’Assemblea Nazionale, (il Parlamento) guadagna 40 seggi, passando da 144 a 184 dei 250 totali. Invece l’opposizione perde su tutto. Il secondo partito, Resistenza Nazionale Mozambicana (RENAMO), di Ossufo Momade, perde il 30 per cento dei seggi passando da 89 a 60. Il Movimento Democratico del Mozambico (MDM), di Daviz Simango, perde il 60 per cento dei seggi passando da 17 a 6. Nessuno degli altri partiti è entrato in parlamento.

Vittoria netta del FRELIMO anche nelle dieci province del Paese lusofono. Il partito del neo presidente Nyusi ha conquistato tutti i dieci governatorati. Nell’Assemblea Provinciale guadagna 628 seggi dei 794 totali. Al RENAMO ne vanno 156 e al MDM 10 seggi.

Secondo i dati della CNE è andata a votare poco più della metà degli elettori (50,74 per cento). Un’affluenza inferiore a quella delle amministrative del 2018 ma la più alta dal 1999.

Filipe Nyusy durante la campagna elettorale
Filipe Nyusy durante la campagna elettorale

Grande delusione del leader RENAMO, Momade, che – secondo i dati CNE – ha ottenuto solo il 20 per cento dei consensi. La firma del terzo Accordo di Pace con Nyusi, gli aveva dato la speranza di una maggiore trasparenza ma è andata peggio delle sue previsioni.

Elezioni molto politicizzate secondo il Centro per l’Integrità Pubblica (CIP) che ha monitorato puntualmente lo svolgimento delle elezioni. Ma anche sanguinose e violente. Nei disordini tra le diverse fazioni sono stati registrati 46 morti. Tra questi ben dieci per omicidio. Il capo della polizia ha affermato che uno squadrone della morte composto cinque persone tra le quali quattro poliziotti, ha ucciso un osservatore elettorale.

Il CIP ha denunciato brogli e soprusi riportati dagli osservatori elettorali. Tremila osservatori che avevano il compito di effettuare il conto parallelo delle schede sono stati bloccati dalle autorità provinciali. “Rifiutiamo questi risultati perché non riflettono fedelmente la volontà popolare” hanno dichiarato gli otto rappresentanti di minoranza della Commissione elettorale nazionale.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Mozambico, tra Frelimo e Renamo pace per la terza volta. Ma qualcuno non ci sta

Mozambico, Elezioni 2019. Aumentate le violenze pre-elettorali: 44 morti, 7 omicidi

Mozambico, Elezioni 2019: Renamo chiede annullamento e ripetizione del voto

Mozambico, Elezioni 2019. La competizione si gioca sui social e con fake news

Mozambico (3), enormi giacimenti di gas e rubini. E aumento della corruzione

Mozambico (2), vietato sfidare il governo: meno diritti umani e bavaglio alla stampa

Mozambico (1), verso le elezioni tra minacce dell’ala armata Renamo e jihadismo

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.