Botswana, giudice vieta di seppellire anziano boscimano nella terra degli avi

“Separare le nostre anime e i nostri spiriti è come togliere un bambino appena nato alla madre", ha dichiarato Moeti, nipote del defunto

0
255
boscimano pitseng
Documento di identità di Pitseng Gaoberekwe che non può essere seppellito nella sua terra ancestrale (Courtesy Survival International)

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 28 aprile 2022

Pitseng Gaoberekwe era un cacciatore boscimano del Botswana ed è morto nel dicembre scorso a 75 anni, un’età avanzata per un bushman. Ma non può essere sepolto, come suo ultimo desiderio e suo diritto, nel Central Kalahari Game Reserve, terra ancestrale dei boscimani.

La sentenza del giudice

Il giudice, Itumeleng Segopolo, il 25 aprile ha negato il permesso di sepoltura alla famiglia. Secondo la sentenza, i congiunti devono recuperare il corpo entro 10 giorni e seppellirlo al di fuori della riserva. Pena: l’arresto. La denuncia dell’ennesimo caso di violazione dei diritti dei boscimani viene da Survival International, ong che difende i popoli indigeni.

boscimano pitseng
Documento di identità di Pitseng Gaoberekwe che non può essere seppellito nella sua terra ancestrale (Courtesy Survival International)

Il defunto non può raggiungere i suoi antenati

Secondo la cultura del popolo nomade, il defunto deve tornare dai suoi antenati e può farlo se viene sepolto nella terra dei suoi avi. “Separare le nostre anime e i nostri spiriti è come togliere un bambino appena nato alla madre – ha dichiarato Moeti, nipote del defunto, a Survival -. Crediamo che i tribunali del Botswana siano fedeli al governo e quindi non ci aspettiamo giustizia”.

“Questa sentenza è una violazione dei nostri diritti indigeni, riconosciuti dalla legge e dai trattati internazionali. Abbiamo diritti sulla nostra terra ancestrale e nessuno può toglierceli, a prescindere da ciò che dice il governo. Era la nostra terra ben prima di diventare una riserva faunistica.”

boscimano Botswana Africa australe
Mappa dell’Africa australe. In Botswana è indicato il Central Kalahari Game Reserve, terra atavica dei boscimani (Courtesy OpenStreetMap)

La dura lotta dei boscimani

È una dura lotta quella dei boscimani contro il governo del Botswana che calpesta i loro diritti. Se cacciano vengono considerati bracconieri e arrestati come è accaduto anche a Pitseng Gaoberekwe. Accade nonostante la storica battaglia giudiziaria di sedici anni fa vinta dal popolo di cacciatori-raccoglitori.

Il 13 dicembre 2006 i giudici hanno stabilito che lo sfratto dei boscimani dal Central Kalahari Game Reserve è stato illegale e anticostituzionale. Quindi avevano il diritto di ritornare a vivere nella loro terra. Inoltre coloro che hanno intentato la causa avevano il diritto di cacciare e raccogliere liberamente nella riserva, senza chiedere il permesso di entrarvi. La sentenza del 25 aprile, secondo molti boscimani ha l’aria di essere una vendetta per la sconfitta del 2006.

“La sentenza va contro la storica decisione della Corte Suprema del 2006 – ha dichiarato Fiona Watson di Survival International -. Condanniamo il governo e questa sentenza sbagliata e faremo tutto il possibile affinché la famiglia di Pitseng abbia giustizia”

boscimano accende fuoco
Due boscimani intenti ad accendere il fuoco Deception Valley, Botswana (Courtesy Ian Sewell, CC BY-SA 2.5, Collegamento)

Chi sono i boscimani

I san i koisan sono un’etnia di cacciatori-raccoglitori che conta circa 90 mila persone meglio conosciuti come boscimani (dall’inglese bushmen, “uomini della boscaglia”. Vivono nell’area del deserto del Kalahari tra Botswana, Sudafrica e Namibia. Secondo prove archeologiche questo popolo abita l’Africa meridionale da 22.000 anni. Boscimani e pigmei sono considerati i discendenti della Eva mitocondriale. Vissuta tra 99.000 e 200.000 anni fa è considerata l’antenata comune di tutti gli esseri umani.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Botswana, elicottero della polizia spara su boscimani che cacciano e precipita

La culla dell’umanità è in Botswana: lo sostengono ricercatori australiani

Emergenza siccità in Africa australe: morti 300 elefanti, 600 saranno trasferiti

Botswana: “Riapriamo la caccia agli elefanti”, diventeranno cibo per cani e gatti

Strage di elefanti in Botswana? E’ una bufala denunciano il governo e Survival

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here