Botswana: “Riapriamo la caccia agli elefanti”, diventeranno cibo per cani e gatti

In Botswana vivono 130mila elefanti ma secondo il Paese africano non dovrebbero essercene più di 54mila. Sono troppi e quindi la proposta di riaprire la caccia per la gioia dei cacciatori e lo sdegno degli ambientalisti. Ma il governo propone di fare della carne cibo per animali domestici

sandro_pintus_francobollo
Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 10 marzo 2019

Utilizzare la carne del più grande mammifero del pianeta per farne cibo per gli animali domestici. Non è una provocazione ma la proposta del governo del Botswana per risolvere il problema del sovrannumero di pachidermi.

“Dei 415 mila elefanti che popolano l’Africa, 130mila vivono in Botswana ampiamente concentrati nell’area settentrionale – si legge in un tweet postato dal governo del Paese africano -. Il Piano di Gestione degli Elefanti del 2001 aveva raccomandato che ne avremmo potuto mantenere solo 54mila”.

Oltre a ciò, il governo dichiara che la spesa per mantenere un così grande numero di pachidermi richiede una grande quantità di risorse finanziarie. Secondo i dati del governo il divieto di caccia ha creato danni che nel 2014 erano di 4 milioni di pula (335 mila euro), cresciuti nel 2018/2019 a 21 milioni di pula (1,8 milioni di euro).

Il tweet del presidente Mokgweetsi Masisi, lanciato nella rete, che annunciava la possibile reintroduzione della caccia all’elefante riempie di macabra letizia i pochi (ma sempre troppi) appassionati di caccia grossa.

Ha fatto invece imbestialire un vasto pubblico di amanti dell’Africa autentica e del Botswana che si sentono traditi da questo cambio di politica ambientale. Lo sfortunato tweet ha avuto risposte che andavano dallo sdegno alla decisione di non tornare in Botswana, ultimo baluardo del pianeta massacrato per denaro.

Tweet contro la riapertura della caccia agli elefanti in Botswana
Tweet contro la riapertura della caccia agli elefanti in Botswana

Alla notizia della fine del bando della caccia agli elefanti si aggiunge l’accusa dell’Environmental Investigation Agency (EIA), l’Agenzia di Investigazione per l’Ambiente, al Paese africano.

Da leader mondiale della conservazione è diventato un Paese che fa la politica dello struzzo, nascondendo la testa sotto la sabbia. È l’accusa che l’EIA fa al grande Stato dell’Africa Australe il quale finge di non vedere la gravità della situazione riguardo al bracconaggio.

Un atteggiamento sul problema degli elefanti tale da smentire anche il sondaggio aereo condotto nel 2018 da Elephants Without Borders (EWB), che aveva documentato il massacro di svariate decine di elefanti. Le immagini aeree mostravano la carcasse dei pachidermi, senza proboscide e zanne, ammazzati nel Delta dell’Okavango.

Ne erano stati contati 87 nell’arco di due mesi, cinque dei quali in pochi giorni ma l’indagine era stata smentita dal governo dell’ex protettorato britannico che aveva redarguito Mike Chase, presidente di EWB.

Cucciolo di elefante in botswana (Courtesy EWB)
Cucciolo di elefante in Botswana (Courtesy EWB)

Secondo il monitoraggio dell’Illegal Killing of Elephants Program (MIKE) Programma sull’uccisione illegale degli elefanti, dice l’Eia, la strage continua sia in Botswana che in altri Stati del continente. Responsabili dell’eccidio dei pachidermi sono bande di bracconieri pagati dalla criminalità cinese.

Secondo l’EIA, riportare la caccia ai trofei non fermerà il bracconaggio, né introdurrà un commercio legale di avorio e altri prodotti a base di elefante. È pensare che il Botswana è stato membro fondatore dell’Elephant Protection Initiative (EPI), l’Iniziativa di Protezione degli Elefanti.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.