Gambia vs Myanmar alla Corte Internazionale di Giustizia per genocidio Rohingya

I rohingya, in Myanmar, erano un milione di persone. Secondo l’ONU sono una delle minoranze più perseguitate della Terra. Espulsi dall’ex Birmania vivono in campi profughi. Un ministro del Gambia accusa il Paese asiatico di genocidio e lo denuncia alla Corte Internazionale di Giustizia

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze 22 ottobre 2019

“Ho sentito puzza di genocidio a miglia di distanza quando ho visitato il campo profughi rohingya di Cox’s Bazar. È stato tutto troppo familiare per me, dopo un decennio di interazioni con le vittime degli stupri di massa del Ruanda, omicidi e genocidi”. Sono granitiche e senza appello le parole di Abubacarr Marie Tambadou, procuratore generale e ministro della Giustizia del Gambia.

Campo profughi rohingya a Cox's Bazaar
Campo profughi rohingya a Cox’s Bazaar

Abubacarr ha così accusato l’ex Birmania di genocidio contro la minoranza musulmana rohingya. “Posso confermare che il 4 ottobre ho incaricato i nostri avvocati di portare il caso alla Corte Internazionale di Giustizia (CIG)” – ha dichiarato.

Secondo il ministro gambiano i crimini commessi contro il popolo rohingya sono il fallimento della comunità internazionale nella prevenzione del genocidio. “Tutto ciò succede – ha affermato –  75 anni dopo la promessa fatta dopo i processi di Norimberga, che non sarebbe mai più accaduto”.

La decisione di portare il Myanmar alla CIG è stata presa lo scorso 18 ottobre all’Aja. Un incontro a porte chiuse su “Giustizia e responsabilità per i rohingya”, tenuto all’International Institute of Social Studies dell’Università Erasmus. Il conclave è stato convocato dalla Asia Justice Coalition e dal Centro di pace e giustizia della BRAC University di Dhaka.

Mappa con la posizione del campo profughi rohingya di Katupalong al confine tra Myanmar e Bangladesh (Courtesy Google Maps)
Mappa con la posizione del campo profughi rohingya di Katupalong, al confine tra Myanmar e Bangladesh (Courtesy Google Maps)

Oltre cento specialisti hanno discusso di questioni di giustizia e responsabilità per i crimini contro l’umanità commessi contro i rohingya. Tra questi erano presenti alti funzionari governativi, importanti avvocati internazionali per i diritti umani, attivisti per i diritti umani e leader della comunità rohingya.

L’Asia Justice Coalition è una rete di organizzazioni che promuove la giustizia e la responsabilità per gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani in Asia. Fanno parte dell’Asia Coalition anche la Burmese Rohingya Organization, Centre for Peace and Justice, Asia Justice and Rights, Amnesty International, Human Rights Watch e International Commission of Jurists.

Il campo di Katupalong, nell’area di Cox’s Bazaar, in Bangladesh, al confine con il Myanmar accoglie oltre 420mila profughi rohingya. Nel 2015 il Gambia, piccolo Stato occidentale africano a maggioranza musulmana, si era offerto di accogliere i profughi rohingya.

Posto sanitario del campo profughi rohingya di Katupalong
Posto sanitario del campo profughi rohingya di Katupalong

I rohingya, in Myanmar, erano un milione di persone e secondo l’ONU sono una delle minoranze più perseguitate della Terra. Secondo una legge varata in Myanmar nel 1982, questa etnia non fa parte delle 135 riconosciute quindi non hanno cittadinanza birmana. Durante le repressioni del 2016/2017, sono stati espulsi dall’ex Birmania verso il Bangladesh. Qui vivono 650mila profughi di questa etnia musulmana.

Oggi, il gambiano Abubacarr Tambadou, con la sua esperienza sul genocidio in Ruanda, chiede il conto al Myanmar. E lo fa attraverso la Corte Internazionale di Giustizia, la massima istituzione giuridica dell’ONU.

Nel frattempo la Corte Penale Internazionale (CPI), contro il Myanmar sta indagando, per crimini contro l’umanità e deportazione del popolo rohingya. Lo stesso tribunale, nel 2016, ha condannato l’ex vice-presidente della Repubblica Democratica del  Congo, Jean-Marie Bemba, a 18 anni di galera per genocidio.

(ultimo aggiornamento 22 ottobre 2019, 16:25)

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

Il governo del Gambia vuole accogliere i rifugiati rohingya birmani

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.