Strage continua: tra due decenni in Africa non ci saranno più elefanti

WWF: ogni anno si stima che 20 mila elefanti vengano massacrati per l’avorio

1
2142

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
8 giugno 2023

“Ogni 26 minuti un elefante viene ucciso da un bracconiere”. È la stima, messa nero su bianco, del Fondo mondiale per la natura (WWF). L’Ong ambientalista lancia un grido d’allarme sulla situazione catastrofica che sta vivendo l’elefante africano.

Secondo il WWF, ogni anno si stima che 20 mila elefanti vengano massacrati per l’avorio. Una strage che non ha mai fine soprattutto a causa del bracconaggio. Con questi numeri, tra due decenni, l’elefante africano sarà estinto.

elefanti si foresta ed elefanti di savana
Da sinistra: elefanti di foresta che cercano sali minerali, ed elefanti di savana, mamma con cucciolo

Cento anni fa erano 12 milioni

Gli elefanti, nel grande continente africano, un secolo fa erano stimati in 12 milioni di esemplari. Oggi se ne contano 415 mila. In cento anni è stato perso il 95 per cento del più grande animale terrestre del pianeta.

Le due specie africane

In Africa ne esistono due specie: l’elefante di savana (Loxodonta africana) e l’elefante di foresta (Loxodonta cyclotis).

Il primo è classificato come “specie in pericolo”; situazione peggiore per l’elefante di foresta inserito tra le specie in “pericolo critico”. Significa che è considerato a elevato rischio di estinzione a breve termine.

Il conflitto uomo-elefante

Se la principale minaccia è il bracconaggio alimentato dal mercato nero dell’avorio, non si deve sottovalutare il conflitto uomo-elefante.

La deforestazione, portata avanti dalle comunità locali per avere terra coltivabile, causa la diminuzione dell’habitat dei pachidermi. Questi invadono le coltivazioni umane e ne mangiano i prodotti causando un antagonismo infinito per la sopravvivenza di entrambi.

Questo conflitto, in Kenya tra il 2010 e il 2017, ha portato alla morte di 200 persone. Per difendere i villaggi sotto assedio di pachidermi cosiddetti “problematici”, ogni anno sono uccisi dalle autorità tra 50 e 120 elefanti.

elefanti mappa con la posizione del parco
Mappa con l’indicazione del parco Ntokou Pikounda, in Congo-B (Courtesy GoogleMaps)

Il progetto “Una foresta per gli elefanti”

A maggio scorso è terminata la campagna di raccolta fondi del WWF per la realizzazione del progetto “Una foresta per gli elefanti”. Un progetto nel territorio del Tridom, area di foresta pluviale tra Gabon, Camerun e Repubblica del Congo, dove si trova il parco di Ntokou Pikounda.

Secondo il WWF è l’ultimo avamposto per la conservazione degli elefanti di foresta per “azioni di studio e monitoraggio e il rafforzamento del sistema antibracconaggio”.

Il WWF e le denunce contro la conservazione

Da diversi anni Survival International, ong per i diritti dei popoli indigeni, denuncia la “conservazione” del WWF.

In alcune aree dove il WWF fa conservazione tra Camerun e Congo abitanti picchiati ed espulsi con la forza dai ranger a difesa del parco progettato dal WWF.

Ai pigmei viene vietato di cacciare e raccogliere frutta nelle loro foreste ancestrali che li ospitano da millenni. In nome della “conservazione”.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com

Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp
le news del nostro quotidiano online.

Crediti foto:
– Elefante di foresta
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=31315636
By U.S. Fish and Wildlife Service HeadquartersForest elephant group 2 Uploaded by Dolovis, Public Domain, Link

– Elefante di savana
By Benh LIEU SONG / Benh LIEU SONGFlickr: Elephants Family, CC BY-SA 2.0, Link

A Nairobi, dove si curano elefantini orfani vittime del bracconaggio

L’avorio distrutto e quei cento mila elefanti uccisi in due anni

Mozambico: contro il bracconaggio elefanti nati senza zanne

Botswana: “Riapriamo la caccia agli elefanti”, diventeranno cibo per cani e gatti

Diritti umani dei pigmei violati in Camerun, Survival: WWF sapeva degli abusi ma ha taciuto

Congo-K: per scacciare i pigmei dal parco ancora omicidi, stupri, mutilazioni, bambini bruciati vivi e violenze

Pigmei, ragazzo ammazzato da ranger pagati da Fondazione dello zoo di New York

ONU condanna progetto WWF per abusi su larga scala contro i pigmei in Congo-B

1 COMMENT

  1. Articolo interessante anche se il suo titolo risulta un po’ sensazionalistico. Siamo afflitti da decenni da previsioni catastrofiche di ogni tipo, al limite della profezia, poi non verificatesi.
    Bene preoccuparsi per gli elefanti ma la notizia peggiore che emerge da questo articolo è che i popoli indigeni vengano ancora vessati, deportati e addirittura uccisi in nome di ideologie di popoli che si pretendono superiori e che in passato hanno giustificato gli abusi in nome della razza e oggi li ripetono in nome dell’animalismo e dell’ambientalismo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here