Cavallette in Africa, a rischio mezzi di sussistenza di 39mln di persone

L’Agenzia ONU per l’alimentazione e l’agricoltura: “Per continuare a combattere le locuste del deserto occorrono 150 milioni di USD”

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
26 febbraio 2021

L’invasione delle cavallette nel continente nero questa volta sembra non finire più. Soprattutto nel Corno d’Africa la situazione sta peggiorando nonostante i pesanti interventi per fermare i famelici insetti.

Le locuste del deserto (Schistocerca gregaria) ormai da oltre un anno continuano l’invasione dal Corno d’Africa fino all’Oceano Atlantico attraversando tutto il Sahel. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) la prossima generazione di cavallette porterà ulteriori danni ai raccolti. L’area maggiormente colpita continua ad essere il Corno con il Kenya che ha la maggiore affluenza di sciami. Il picco maggiore si è registrato il 1° febbraio scorso.

sciami di cavallette in Africa
Mappa degli sciami di cavallette in Africa dal 1 gennaio al 25 febbraio 2021 (Courtesy FAO)

La FAO dà l’allarme

L’Agenzia ONU per l’alimentazione e l’agricoltura avverte che in Etiopia, Yemen, Somalia, Sudan e Kenya sono a rischio fame. In questi quattro Paesi le locuste possono minacciare i mezzi di sussistenza di oltre 39 milioni di persone. Negli ultimi mesi, nel Corno d’Africa, questi parassiti sono stati combattuti su un totale di 1,3 milioni di ettari. Ma nonostante gli sforzi, a causa dell’habitat favorevole per il cambiamento climatico, l’impatto di questi ortotteri non si ferma.

Le previsioni FAO parlano di condizioni meteo più secche del normale nelle aree di nidificazione primaverile del Corno d’Africa e Africa nord-occidentale. Nei giorni scorsi però nel Kenya settentrionale e nell’Etiopia meridionale è piovuto moderatamente. Piogge che potrebbero essere sufficienti per consentire agli sciami presenti in entrambi i paesi di maturare e deporre le uova.

Questo significa avere un’altra generazione di cavallette affamate e divoratrici. Solo la mancanza di pioggia a marzo e aprile porterebbe una stagione secca che potrebbe limitarne la riproduzione. Alcuni piccoli sciami si sono spostati dal Kenya meridionale al nord-est della Tanzania, dove sono stati segnalati vicino al monte Kilimangiaro.

cavallette Africa map FAO 23feb2021
Mappa degli sciami di cavallette in Africa 17-23 febbraio 2021 (Courtesy FAO)

Servono ancora 150 milioni di dollari

Per continuare a combattere le insaziabili locuste del deserto, la FAO ha lanciato un appello: raccogliere 150 milioni di USD. Una cifra che serve per sostenere la risposta contro le cavallette in dieci paesi. Il finanziamento è urgentemente necessario per le operazioni di controllo e il sostegno ai mezzi di sussistenza.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

 

L’Africa orientale invasa dalle cavallette: responsabili i cambiamenti climatici

Cento miliardi di locuste divorano i raccolti: emergenza in Africa orientale

Kenya, scienziati: per eliminare le locuste, portarle al cannibalismo o mangiarle col kebab

Covid aumenta e cavallette continuano a divorare il Corno, a rischio anche Africa occidentale

In Uganda l’invasione di cavallette è una manna: fritte sono un cibo prelibato

Cavallette, l’invasione si allarga verso il Congo-K a oriente fino all’Iran

Guerra alle locuste: in Africa un supercomputer, in Asia 100 mila anatre

Dopo il Corno d’Africa l’orda di cavallette divora anche Uganda, Tanzania e Sud Sudan

 

L’Africa orientale invasa dalle cavallette: responsabili i cambiamenti climatici

 

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: