In Uganda l’invasione di cavallette è una manna: fritte sono un cibo prelibato

Dicono che le nsenene (ortotteri) hanno il sapore dei pomodori secchi, o del popcorn, che sanno di pelle di pollo croccante o che sembrano gamberetti. Sono comunque un piatto tipico dell’Uganda. Mentre il Parlamento litiga sull’uso dei pesticidi, l’associazione cacciatori di locuste fa una proposta ecologica al governo. Risponderà?

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 1° marzo 2020

Pochi sanno che soprattutto nell’area sud-orientale dell’Uganda hanno una pietanza che si chiama “nsenene”. Nsenene significa cavalletta e da tempo immemorabile è una preziosa fonte di proteine e, forse, viene mangiata per vendetta verso chi divora il cibo umano. La cavalletta, nell’ex colonia britannica, viene comunque gustata con piacere.

Vendita delle cavallette (nsenene) in un mercato in Uganda
Vendita delle cavallette (nsenene) in un mercato in Uganda

Fritte o snack sono sempre buone

Le locuste si possono mangiare crude e cotte, lesse o fritte, infilate in spiedino e arrostite. Vengono preparate anche come hamburger o mescolate con pollo, manzo e verdure. Ma anche, e forse soprattutto, apprezzate come croccanti snack da mangiare davanti alla TV. Oppure mentre si passeggia come faremmo noi con un cartoccio di olive ascolane, polenta fritta o di caldarroste.

Il festival della cavalletta

Si trovano, fritte, in vendita al mercato dove è possibile acquistare il contenuto di un bicchiere per 500 shellini ugandesi (0,12 euro). Ma ci sono anche cavallette confezionate speziate o piccanti. Esiste anche il Nsenene Pizza Festival dove vengono proposte le cavallette in diverse preparazioni. Gli ugandesi dicono che “questa prelibatezza sarà presto inclusa nel menu dei ristoranti di fascia alta”.

Confezioni di nsenene speziate e piccanti in Uganda
Confezioni di nsenene speziate e piccanti in Uganda

Chi ha provato a degustare le cavallette dice che il sapore non è male. C’è chi afferma che il loro gusto è simile ai pomodori secchi e chi dice che somigliano ai popcorn. Chi racconta che sanno di pelle di pollo croccante, chi di patatine fritte o che sembrano gamberetti. Per prepararle alla cottura è semplice: lavarle e staccare ali, zampe e metterle in pentola o in padella.

La stagione delle nsenene

In Uganda, aprile, maggio, giugno, ottobre e novembre sono i mesi delle cavallette. Quest’anno invece sono arrivate con qualche mese in anticipo e in grandi quantità. Intanto nel Parlamento ugandese si sta discutendo se utilizzare i pesticidi per la lotta alle locuste. Mentre il governo afferma che le sostanze chimiche utilizzate, tra cui piretroide e fenitrothion, si biodegradano in sette ore, l’opposizione non si fida. Chiede prove e il dibattito va per le lunghe.

Nsenene cucinate, pronte da mangiare
Nsenene cucinate, pronte da mangiare

La proposta dei cacciatori di nsenene

Allora i cacciatori ugandesi di cavallette, attraverso la loro associazione, la Old Masaka Basenene Association Limited (OMBAU), hanno fatto una proposta al ministro dell’Agricoltura. Sono in 500 e chiedono di unirsi alla lotta contro i dannosi ortotteri che hanno invaso il Paese e distrutto i raccolti. Si evita così l’uso di insetticidi pericolosi per l’ambiente e si dà la possibilità di avere un prodotto utile per il consumo umano. Chissà se arriverà una risposta.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

L’Africa orientale invasa dalle cavallette: responsabili i cambiamenti climatici

Cento miliardi di locuste divorano i raccolti: emergenza in Africa orientale

Dopo il Corno d’Africa l’orda di cavallette divora anche Uganda, Tanzania e Sud Sudan

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.