Attacco alla democrazia a Maputo: a fuoco il giornale Canal de Moçambique

CPJ: “Esortiamo le autorità del Mozambico a indagare rapidamente e in modo credibile. Speriamo che non sia l’ennesimo esempio di impunità che sta diventando la norma con gli attacchi alla stampa”.

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 26 agosto 2020

Un duro colpo alla libertà di stampa e dannoso per il processo di costruzione e consolidamento dello Stato di diritto democratico in Mozambico”. Così, il Comitato di emergenza per la protezione delle libertà (CEPL) definisce l’attentato incendiario al settimanale indipendente Canal de Moçambique.

Interno della redazione di Canal de Moçambique dopo l'attentato
Interno della redazione di Canal de Moçambique dopo l’attentato

Domenica 23 agosto, alle 20.00, sconosciuti entrati nella redazione del giornale mozambicano, hanno versato benzina sulle scrivanie e i computer, e hanno dato fuoco. Nonostante gli uffici e l’archivio siano stati completamente distrutti, i giornalisti hanno creato la redazione provvisoria nella terrazza, sotto un gazebo.

La redazione provvisoria di Canal de Moçambique dopo l'attentato
La redazione provvisoria di Canal de Moçambique dopo l’attentato

Una testata che non piace al potere

Canal de Moçambique e la testata web CanalMoz, sono note per le inchieste contro la corruzione. Tra queste, le indagini sull’ex presidente della Repubblica , Armando Guebuza, e il figlio dell’attuale presidente, Filipe Nyusi

Il 31 dicembre 2019, Matias Guente, direttore di Canale del Mozambico, è sfuggito a un tentativo di rapimento sulla strada pubblica e il caso non è mai stato chiarito dalle autorità. Nel giugno scorso, Guente e il collega Fernando Veloso sono stati accusati dal procuratore di Maputo di violazione del segreto di Stato. Insomma, pare che Canal de Moçambique non piaccia ai potenti.

Due copertine di Canal de Moçambique con le inchieste sull'ex presidente Guebuza e il figlio dell'attuale capo di Stato, Nyusi
Due copertine di Canal de Moçambique con le inchieste sull’ex presidente Guebuza e il figlio dell’attuale capo di Stato, Nyusi

La solidarietà nazionale e internazionale

C’è stata ampia solidarietà nazionale e internazionale contro l’attentato. Mediacoop, che pubblica il settimanale Savana ha messo uffici e attrezzature a disposizione dei colleghi “affinché le prossime edizioni possano andare nelle mani dei lettori”. La delegazione dell’Unione Europea in Mozambico ha espresso “estrema preoccupazione per l’accaduto. La libertà di stampa e di espressione sono pilastri essenziali di una società”.

Dura presa di posizione, da New York, del Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ ). “L’attacco all’ufficio di Canal de Moçambique è solo l’ultimo capitolo di un ambiente in continuo peggioramento per la stampa indipendente in Mozambico. È un palese assalto alla democrazia e al diritto pubblico di sapere. Esortiamo le autorità del Mozambico a indagare rapidamente e in modo credibile. Speriamo che non sia l’ennesimo esempio di impunità che sta diventando la norma con gli attacchi alla stampa”.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Libertà di stampa: Mozambico scende al 104° posto nella classifica di RSF

 

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.