Mozambico, imprenditore cinese froda il fisco per 12mln di euro: 3.000 dipendenti sul lastrico

Oltre alla frode al fisco anche accuse di finanziamento del terrorismo, riciclaggio di denaro sporco. L'imprenditore è un grande contrabbandiere di legname pregiato

0
2666

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
13 febbraio 2023

Finanziamento del terrorismo, riciclaggio di denaro sporco, falsificazione di documenti, cospirazione criminale e crimini ambientali. Oltre a frode allo Stato per un importo di 12,1 milioni di euro (826 milioni di meticais, la moneta locale). Sono alcune delle pesanti accuse che il pubblico ministero ha fatto a Jiye Zhuo, imprenditore cinese.

frode imprenditore cinese 3000 licenziati
La frode di un imprenditore cinese fa perdere l’impiego a 3.000 lavoratori

Succede a Beira nella provincia di Sofala, seconda città del Mozambico, circa mille chilometri a nord della capitale, Maputo. La magistratura mozambicana ha chiuso la Gigante Panda Segurança, società di sicurezza privata di Zhuo, lasciando senza lavoro tremila lavoratori già senza stipendio da due mesi.

Mentre si sono perse le tracce del ricercato, i dipendenti della Panda Segurança, hanno manifestato di fronte all’azienda chiusa.  “Chiediamo che ci vengano pagati i due mesi di stipendio. Speriamo che il proprietario riesca a risolvere questo problema”. Hanno detto ai media locali, probabilmente ignorando la gravità della situazione del loro datore di lavoro.

Tonnellate di legname pregiato esportato illegalmente in Cina

Gli inquirenti hanno scoperto che l’attività principale di Zhuo era il disboscamento e l’esportazione illegale di legname mozambicano in Cina. La polizia forestale ha sequestrato e catalogato migliaia di tronchi di legno pregiato pronti per l’esportazione. Secondo il giornale online Zitamar News i registri delle importazioni mostrano che, raggirando i divieti mozambicani, sono uscite dal Paese tonnellate di legname. Tra il 2019 e 2021 sono partite almeno 497 spedizioni. Tra queste, 242 carichi di Padouk africano (Pterocarpus tinctorius) e Monzo (Combretum imberbe), legnami di alto valore commerciale.

legname sequestrato all'imprenditore cinese
Parte del legname sequestrato all’imprenditore cinese

Le pompe di benzina che finanziano il terrorismo

Nel mese di dicembre scorso anche una stazione di servizio Tian Hai, sempre di proprietà del cittadino cinese è stata chiusa per irregolarità. Gli inquirenti hanno scoperto prove che indicano riciclaggio di denaro sporco e finanziamenti al terrorismo. Le pompe di benzina Tian Hai fanno parte della compagnia cinese Tiger Group. Conta cinque stazioni di servizio nel sud del Mozambico: una a Maputo, una a Catembe e tre nella provincia di Sofala.

L’allarme del presidente

Nell’agosto 2022 il presidente mozambicano, Filipe Nyusi, durante una visita a Beira aveva denunciato l’uso delle stazioni di rifornimento di carburante a Sofala.  “C’è una proliferazione di pompe di benzina nella vostra provincia – aveva detto -. Abbiamo informazioni su persone che usano questi mezzi per finanziare il terrorismo”.

Secondo i media locali Zhuo attraverso le sue false identità è riuscito ad aprire dieci attività commerciali. Ora le altre otto sono sotto osservazione degli inquirenti.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com

Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

 

“Siamo stati venduti a Pechino”: in Namibia, nazionalisti e opposizione si scatenano contro i cinesi residenti

Greenpeace denuncia: la Cina pesca illegalmente nelle acque del West Africa

I cinesi sfruttano le miniere nel nord del Mozambico e distruggono la vita dei pescatori

Il ministro della salute dello Zimbabwe chiede ai cinesi profilattici di taglie più grandi

Mozambico, contrabbando di rubini e avorio dietro i capi jihadisti di Cabo Delgado

Altra mattanza in Mozambico: jihadisti decapitano civili e attaccano le miniere di rubini

Mozambico, 2.800 soldati di cinque Paesi africani contro i jihadisti di Cabo Delgado

Militari, jihadisti e mercenari accusati di crimini di guerra in Mozambico

Isis minaccia il Sudafrica: “Se aiutate il Mozambico veniamo da voi”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here