Potenza del denaro: tra Israele ed Emirati scoppia la pace nel nome del business

Per la prima volta un premier israeliano va in visita agli Emirati del Golfo Persico

bin Zayed e Bennett
Il premier israeliano, Naftali Bennett e il principe ereditario emiratino, Mohamed bin Zayed

Insandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 17 dicembre 2021

Il premier israeliano Naftali Bennett e il principe ereditario emiratino Mohammed bin Zayed daranno ufficialmente il via agli affari. L’incontro è in agenda per domenica 19 dicembre ad Abu Dhabi. La visita del primo ministro Bennett è storica: è il primo incontro di un premier di Israele negli Emirati.

bin Zayed e Bennett
Il premier israeliano, Naftali Bennett e il principe ereditario emiratino, Mohamed bin Zayed

EAU terzo Paese arabo con contatti ufficiali con Israele

La notizia è stata confermata al New York Times da fonti provenienti da funzionari israeliani. Bennett, quindi, conferma i contatti dell’autunno scorso con gli Emirati del Golfo e li approfondisce. Gli Emirati Arabi Uniti diventano così, dopo Egitto (1979) e Giordania (1994), il terzo Paese arabo che ha stabilito relazioni ufficiali con Tel Aviv.

L’invito di bin Zayed arriva dopo la promessa di Israele di rinviare l’annessione di aree occupate della Cisgiordania. Promessa che offre ad Abu Dhabi l’occasione di apertura verso lo storico nemico del mondo arabo, unito per la causa palestinese.

Il meeting è però legato anche alla preoccupazione dell’Iran nuclearizzato che, secondo il NYT, agli Emirati desta maggior timore della soluzione del conflitto israelo-palestinese.

Un business bilaterale in crescita

Il pacchetto degli scambi commerciali tra Israele ed Emirati è sostanzioso ed è aumentato il volume d’affari. I due Paesi  hanno firmato accordi di partenariato che includono compagnie aeree, banche, università, aziende tecnologiche. Secondo l’autorevole quotidiano newyorkese nei primi sette mesi del 2021 il commercio bilaterale aveva un valore di 600 milioni di dollari. Un salto di 550 milioni di dollari in più rispetto all’anno 2020. Gli Emirati hanno messo sul piatto un fondo d’investimento per progetti in Israele. Valore: 10 miliardi di dollari.

bin Zayed Abu Dhabi
Skyline di Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti

Manovre militari congiunte per mostrare i muscoli all’Iran

Da non dimenticare anche che l’esercito israeliano, quello emiratino e il Baharain, lo scorso 10 novembre, hanno condotto esercitazioni congiunte per cinque giorni. I tre Paesi – e gli Stati Uniti – sono in allarme anche per gli attacchi alle navi del Mar Rosso e del Golfo Persico. Il maggiore degli indiziati  rimane l’Iran degli ayatollah.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Crediti immagini:
– Mohamed bin Zayed
Shealah CraigheadForeign Leader Visits
Pubblico dominio

-Prime Minister Naftali Bennett official portrait
Avi Ohayon / Government Press Office (Israel) CC BY-SA 3.0

– Abu Dhabi
Wadiia – Own work CC BY-SA 4.0

Joint-venture israelo-marocchina produrrà droni kamikaze nel regno africano

La caduta di Netanyahu potrebbe ridare fiato ai moderati arabi e israeliani

Il padre del programma nucleare di Teheran assassinato in un’imboscata in Iran

 

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.