Guerra a ebola in Guinea e Congo-K: assieme all’OMS anche OIM e MSF

In Congo-K più complicato intervenire perché nelle province di Equateur e Nord Kivu c’è una protratta crisi umanitaria per le azioni dei gruppi armati

sandro_pintus_francobollo

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
23 febbraio 2021

L’annuncio dell’epidemia di Ebola in Guinea il 14 febbraio, mette in allarme anche la Repubblica Democratica del Congo (DRC) per sospetti focolai di febbre emorragica.

La dodicesima epidemia di Ebola

È la dodicesima epidemia che investe l’Africa equatoriale con il letale virus dove in passato ha colpito altri quattro Paesi africani. Ora la prima preoccupazione è fermare la possibilità di contagio in Liberia e Sierra Leone confinanti con la Guinea.

virus ebola
Immagine al microscopio del virus Ebola

Proprio perché il focolaio che ha attivato l’epidemia in Guinea, a Nzerekoré, è a 80km dal confine con i due Paesi, area di intenso traffico transfrontaliero. Ma anche in due province della Repubblica Democratica del Congo (RDC), sono stati confermati casi di Ebola.

E questo desta molta preoccupazione in un continente già pesantemente toccato dal Covid-19. Dopo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS-WHO), per arginare il mortale virus si muove anche l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM-IOM).

“Abbiamo bisogno di una rapida azione di contenimento su tutti i fronti per salvare quante più vite possibile – ha affermato António Vitorino, direttore generale dell’OIM -. Dobbiamo ridurre al minimo gli impatti negativi sulla salute, sul benessere sociale ed economico delle persone. Entrambi i paesi sono già alle prese con Covid-19, la salute e altri servizi essenziali sono al limite”.

OIM nel focolaio Ebola di Nzerekoré

L’OIM ha un ufficio a Nzerekoré e si sta coordinando con il ministero della Salute guineano. In loco c’è un team di sanità pubblica che include due medici e un epidemiologo. All’organizzazione ONU per le migrazioni è stato chiesto di intensificare le attività di sorveglianza sul controllo delle infezioni. Utilizzerà personale nei punti di ingresso lungo i confini utile alla ricerca dei contatti, mappatura della mobilità della popolazione e altre attività critiche.

africa mappa ebola feb2021
Mappa dell’Africa equatoriale con i focolai di virus Ebola aggiornata al 19 febbraio 2021 (Courtesy GoogleMap)

Governo guineano e OIM, dal 2014, lavorano insieme su Ebola rinforzando i punti di ingresso in valichi di frontiera terrestri, aeroporti e porti. L’OIM Guinea attua la sorveglianza in tempo reale sulla comunità con una rete di oltre 9.000 volontari e ha donato attrezzature a oltre 80 centri sanitari.

Anche MSF si prepara al nuovo impatto di Ebola

Intanto, mentre scriviamo, anche Medici Senza Frontiere (MSF) si sta preparando ad affrontare Ebola in Guinea. Sta organizzando un team d’emergenza per supportare la risposta del Ministero della salute alla nuova epidemia. “È ancora presto per fornire un quadro epidemiologico” – afferma Frederik van der Schrieck, capomissione di MSF in Guinea -. Sappiamo che sono stati registrati 7 casi, tutti all’interno di una stessa famiglia che stava partecipando a una festa locale. Tre persone sono morte. Questa volta è diverso rispetto all’epidemia del 2014. Abbiamo vaccini e cure disponibili e dobbiamo usarli”.

In Congo-K  difficili condizioni per la guerra

Diversa la situazione in Congo-K che ha un ambiente operativo difficile a causa del conflitto in corso. Nelle province di Equateur e Nord Kivu c’è una difficile condizione oltre a una protratta crisi umanitaria.

Sono però presenti in prima linea oltre 1.500 operatori. Negli anni hanno condotto 194 milioni di screening sanitari in 169 località critiche nella RDC e nei paesi limitrofi. La mappatura della mobilità della popolazione all’interno e oltre i confini in Sud Sudan, Burundi, Ruanda e Uganda facilita le operazioni sul territorio.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Crediti immagini
– Virus Ebola
Par CDC Global Ebola virus, CC BY 2.0, Lien

Virus ebola riparte in Africa: nuova epidemia in Guinea

Congo-K: all’attacco ebola, coronavirus, incursioni di gruppi armati e corruzione dilagante

Congo-K: Coronavirus, ebola, morbillo, gruppi armati e morti per avvelenamento

Ebola non molla: emergenza mondiale per altri tre mesi in Congo-K

Ebola, oltre 2000 morti in 13 mesi nel Congo-K: Guterres esorta: “Fare di più”

Si espande l’epidemia di ebola in Congo-K, vaccinazioni impedite da gruppi armati

Pronto il vaccino contro il virus ebola. L’Oms lo porta in Congo-K

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.