Scoperte in Sudafrica le più antiche impronte di Homo sapiens: 150 mila anni

Per comprendere il periodo delle tracce impresse è stata utilizzata la Luminescenza stimolata otticamente (OSL)

0
3247

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
4 giugno 2023

I nostri antenati di Homo sapiens, 153 mila anni fa vivevano nella punta estrema dell’odierno Sudafrica. Secondo gli esperti si tratta di una scoperta da record tra le tante rinvenute in Africa negli ultimi decenni.

impronta homo sapiens
L’impronta di Homo sapiens scoperta in Sudafrica (Courtesy Chales Helm)

Lo conferma Charles Helm, ricercatore associato presso l’African Center for Coastal Paleoscience alla Nelson Mandela University in Sud Africa.

Lo studio dell’equipe internazionale di Helm, è stato pubblicato sulla rivista Ichnos lo scorso 24 aprile. La preziosa impronta è stata scoperta nel Garden Route National Park. Si tratta di un parco nazionale nella regione della Garden Route delle province sudafricane di Western Cape e Eastern Cape.

Il gruppo di scienziati ha lavorato su sette aree, note come ichnositi. Si trovano a est della punta meridionale del continente africano, a qualche decina di chilometri nell’entroterra della costa.

Luminescenza stimolata otticamente

Per comprendere il periodo delle tracce impresse hanno utilizzato la Luminescenza stimolata otticamente (OSL). “La costa meridionale del Capo è un ottimo posto per applicare la OSL – hanno spiegato gli scienziati -“.

“I sedimenti sono ricchi di grani di quarzo, che producono molta luminescenza. La forte luce, il vento rimuovono i segnali di luminescenza preesistenti rendendo stime affidabili dell’età”.

“Le impronte possono fornire un’indicazione degli esseri umani che viaggiavano su queste superfici come individui o gruppi. Indicano anche prove di alcune delle attività in cui si sono impegnati” – hanno scritto i ricercatori -.

In diverse parti dell’Africa, Asia ed Europa sono state scoperte le impronte più antiche di altre specie di ominidi. L’ultima scoperta sudafricana ora detiene il record della traccia più antica dell’Homo sapiens che si è evoluto in Africa circa 300.000 anni fa.

homo sapiens
Evoluzione dell’Homo sapiens (Courtesy Enciyclopaedia Britannica)

Impronte di ominidi di 3,6 mln di anni

In Africa nel sito di Laetoli, in Tanzania, oltre 40 anni fa i paleoantropologi hanno trovato impronte di 3,66 milioni di anni fa. Ci sono oltre 100 sentieri conservati nelle rocce, nella cenere e nel fango.

Sono tracce lasciate dai nostri antenati ominidi, il gruppo che comprende esseri umani estinti e i nostri antenati strettamente imparentati.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com

Twitter:
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp
le news del nostro quotidiano online.

Antropologa tedesca: “E’ l’Europa, non l’Africa, la culla dell’uomo eurasiatico”

Trovati in Sudafrica i resti di una specie umana vissuta tre milioni d’anni fa

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here