Sudafrica, l’ex presidente Jacob Zuma si barrica in casa per non finire in prigione

Forte della folla di sostenitori accampati a Nkandla, ha dichiarato: “Oggi non ho bisogno di andare in prigione”

Jacob Zuma, ex presidente del Sudafrica

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 7 luglio 2021

Condannato a 15 mesi di prigione per oltraggio alla corte, l’ex presidente sudafricano Jacob Zuma ha fatto sapere che non ha intenzione di entrare nelle patrie galere. La condanna, emessa dalla giudice Sisi Khampepe della Corte costituzionale di Pietermaritzburg, è del 29 giugno. Il magistrato, mentre leggeva la sentenza ha dichiarato che la corte non aveva altra scelta.

Jacob Zuma
Jacob Zuma, ex presidente del Sudafrica

L’ex presidente in contumacia

Zuma, 79 anni, è stato condannato perché, a febbraio, non si è mai presentato a testimoniare davanti alla commissione che lo vede imputato per corruzione. È accusato di aver preso tangenti sulla fornitura di armi della società francese Thales al Sudafrica. Nel 1999, su un affare da $2 miliardi, l’ex presidente avrebbe preso tangenti per $34.000 all’anno per proteggere l’azienda. Il politico ha respinto le accuse definendole “caccia alle streghe politicamente motivate contro di me”.

Aveva cinque giorni di tempo per costituirsi, il termine ultimo era domenica 4 luglio. Tutto il Paese voleva vedere se la polizia sarebbe andata ad arrestarlo nel suo compound a Nkandla nel Kwazulu-Natal o se si sarebbe costituito. Ma Zuma, forte della folla di sostenitori accampati a Nkandla, ha dichiarato: “Oggi non ho bisogno di andare in prigione. Voglio vedere come la polizia riuscirà a passare”. I sostenitori, alcuni dei quali armati, con magliette e striscioni con scritto “Giù le mani da Jacob Zuma” gli facevano da scudo.

Zuma aggressivo e impugna la sentenza

Da Nkandla, Zuma ha aggredito verbalmente i giudici della Corte paragonandoli ai magistrati bianchi dei tempi dell’apartheid. Intanto i suoi avvocati prendono tempo impugnando la sentenza. Hanno chiesto che venga rivista dato che il caso è riferito a fatti risalenti a venti anni fa. Ma visto che la Corte costituzionale è l’organo di giustizia più alto sarà difficile che la annulli. Bisognerà attendere il 12 luglio.

C’è anche un altro problema. L’African National Congress (ANC), al potere dalla presidenza di Nelson Mandela, sulla “questione Zuma”, si potrebbe spaccare ulteriormente creando una crisi istituzionale.

Un tweet che mostra il compound di Jacob Zuma
Un tweet che mostra il compound Nkandla di Jacob Zuma

Un decennio di corruzione

Durante la sua presidenza dal 2009 al 2018 Jacob Zuma, 4° presidente del Sudafrica del dopo apartheid, ha collezionato 783 accuse. Vanno dalla corruzione al riciclaggio di denaro, dall’evasione fiscale ai traffici illeciti. Inoltre per il suo compound di Nkandla è stato condannato per frode. Ha utilizzato circa 13 milioni di euro di denaro pubblico per “mettere in sicurezza” la sua residenza di campagna. L’opposizione ne aveva più volte chiesto l’impeachment senza riuscirci fino a quando l’ANC lo ha costretto alle dimissioni.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sudafrica, presidente Zuma condannato per frode, opposizione chiede impeachment

 

Jacob Zuma si dimette, Cyril Ramaphosa nuovo presidente del Sudafrica

L’Africa oggi, tra fallimento della democrazia e corruzione in crescita

Giornalista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90 in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.