Proteste in Senegal dopo l’arresto di Sonko In Casamance muore un manifestante

Manifestazioni in Senegal

Africa ExPress
4 marzo 2021

Continuano le tensioni in Senegal dopo l’arresto dell’oppositore del partito al potere e parlamentare del raggruppamento politico Pastef-Les Patriotes (Les Patriotes du Sénégal pour le travail, l’éthique et la fraternité), Osoumane Sonko. Il politico è stato fermato dalla polizia mercoledì scorso mentre si recava in tribunale per essere sentito dal giudice per le indagini preliminari.

Giovedì i giovani hanno organizzato altre manifestazioni in diversi quartieri e in alcune periferie della capitale per chiedere la liberazione immediata del leader e si sono verificati nuovi scontri con le forze dell’ordine, non solo a Dakar, ma anche nel sud del Paese. Le maglie della censura si fanno più stratte: le autorità hanno chiuso due televisioni private perché hanno riportato troppe notizie sull’ affaire Sonko

A Bignona, feudo dell’opposizione della regione “ribelle” di Casamance, un manifestante, Cheikh Ibrahima Coly, è morto durante i disordini. Il prefetto ha fatto sapere ai reporter di Radio France Internationale che un’indagine sull’accaduto è in corso.

Manifestazioni in Senegal

Sonko era stato denunciato a febbraio da un’impiegata di un salone di bellezza per stupro e minacce di morte, accuse che il politiche respinge fermamente. E per concedere l’autorizzazione a procedere, venerdì scorso  l’Assemblea nazionale ha votato a favore della revoca dell’immunità parlamentare. Si è scatenata così l’indignazione dei suoi supporter.

E mercoledì mattina mentre Sonko si recava in Tribunale, centinaia di giovani si sono riversati sulle strade e hanno seguito l’automobile del deputato durante il tragitto da casa sua verso il Palazzo di Giustizia di Dakar. La polizia ha disperso i manifestanti con gas lacrimogeni e ha arrestato il leader di Pastef-Les Patriotes con l’accusa di disturbo alla quiete pubblica e partecipazione a manifestazione non autorizzata.

Ousmane Sonko, deputato senegalese del partito Pastef-Les Patriotes

Secondo il leader dell’opposizione le accuse contro di lui sarebbero state montate ad hoc dal presidente Macky Sall per escluderlo dalle presidenziali previste per il 2024. Bisogna ricordare che Sanko nelle precedenti elezioni del 2019, vinte dal presidente uscente Macky Sall, si era piazzato terzo.

Africa Express
@africexp

Senegal: pace armata in Casamance per annientare i ribelli secessionisti

Giornalista, vicedirettore di Africa Express, ha vissuti in diversi Paesi africani tra cui Nigeria, Angola, Etiopia, Kenya. Cresciuta in Svizzera, parla correntemente oltre all'italiano, inglese, francese e tedesco.