Emergenza in Mozambico, violenza domestica aumentata del 71 per cento

Nel 2009 è stata varata una legge che dovrebbe proteggere le donne ma, in un anno, i casi di violenza sono aumentati del 71 per cento

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 25 agosto 2019

Nell’ex colonia portoghese è ormai emergenza sulla violenza in famiglia: i casi sono aumentati di 33 mila in un anno. Nel 2018 c’è stato un incremento inaspettato del 71 per cento. Ma il numero è in difetto, visto che molte donne non denunciano per paura di ritorsioni.

l’iniziativa Maputo città sicura, libera da violenza sessuale

Lo ha dichiarato Nazira Abdula, ministra mozambicana della Salute, alla presentazione del “Piano di azione e risposta contro la violenza di genere 2019-2022”. “Nonostante i progressi fatti e la presa di coscienza sociale per combatterle – ha affermato la ministra – molte donne non denunciano le violenze subite”.

Una delle ragioni del silenzio è la dipendenza economica della vittima con il suo aggressore. La maggior parte degli abusi sono consumati tra le mura domestiche e il carnefice è il marito o compagno della vittima.

In Mozambico esiste la legge n. 29, varata il 29 settembre del 2009. È la normativa sulla violenza contro le donne nel contesto familiare creata per prevenire e proteggere le donne vittime e sanzionare i carnefici.

Rapporti sessuali non consenzienti; rapporti sessuali con trasmissione di malattie; violenza semplice e grave; violenza psicologica e morale; violenza patrimoniale e sociale. Sono questi i crimini puniti della legge n.29/2009 ma quelli più brutali per le vittime sono le violenze sessuali.

Manifesto che invita le donne mozambicane a denunciare coloro che hanno fatto violenza
Manifesto che invita le donne mozambicane a denunciare coloro che hanno fatto violenza

Nel luglio scorso le donne di uno dei quartieri della capitale, Maputo, ha organizzato la manifestazione “Unidos Contra Violência Sexual” (Uniti contro la violenza sessuale). L’iniziativa, nata nell’ambito del progetto “Maputo città sicura”, ha come scopo la sensibilizzazione riguardo alla violenza sessuale attraverso il calcio, sport tipicamente maschile.

Organizzata con l’appoggio della WLSA-Moçambique (Donne e Legge in Africa Australe) e Fondazione MASC (Meccanismo di Aiuto alla Società Civile) ha avuto grande successo. Con tanti applausi, sul campo sportivo, si sono affrontate quattro squadre locali per quattro sabati consecutivi.

Quando si dice che lo sport fa meglio della diplomazia e, in questo caso, della legge.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter_bird_logo@sand_pin

Giornalista pubblicista dal 1979, ha iniziato l'attività con Paese Sera. Negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.