Survival accusa il Wwf: non vuole coinvolgere i pigmei nella tutela delle foreste

sandro_pintus_francobolloSpeciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
Firenze, 8 settembre 2017

Nemmeno la mediazione dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) è servita. Riguardo alla situazione dei pigmei Baka il WWF (Fondo mondiale per la natura) si è rifiutato perfino di impegnarsi a garantire l’ottenimento del consenso degli indigeni del Camerun sulla gestione futura delle aree di conservazione create nelle foreste indigene dall’associazione ambientalista.

Pigmei © Selcen Kucukustel/Atlas
Pigmei – Survival International © Selcen Kucukustel/Atlas

Lapidario il commento di Stephen Corry, antropologo e direttore generale di Survival International: “Un risultato sconcertante ma non certo sorprendente”. E sorprendente lo è senza dubbio viste le magagne denunciate da Survival sull’atteggiamento del WWF verso i popoli della foresta nel bacino del fiume Congo.

Le organizzazioni per la conservazione dovrebbero assicurarsi che vi sia il ‘consenso libero, previo e informato’ per le terre che vogliono controllare – ha dichiarato Corry – Questa è stata la politica ufficiale del WWF negli ultimi venti anni.  Ma questo consenso non viene mai ottenuto nella pratica, e il WWF non si è voluto impegnare per assicurarlo in futuro nell’ambito del suo lavoro.  Adesso è chiaro che il WWF non ha alcuna intenzione di cercare, tanto meno assicurare, il consenso formale delle comunità a cui ruba le terre in collusione con i governi. Dovremo trovare altri modi per spingere il WWF a rispettare la legge, e la sua stessa politica.

Da diversi decenni, le popolazioni pigmee Baka, Bayaka, Batwa e altre etnie come Fang, Djem, Nzimédi, subiscono pesanti minacce e umiliazioni. Sono continuamente vessati e intimiditi dalle squadre anti-bracconaggio finanziate attraverso i progetti di conservazione del WWF.

Mappa del Camerun. Nel cerchio l'area nella quale vivono i pigmei Baka
Mappa del Camerun. Nel cerchio l’area nella quale vivono i pigmei Baka

Le guardie forestali continuano a usare violenza gratuita soprattutto verso i pigmei: vengono picchiati, torturati, arrestati. Tra di loro ci sono stati dei morti – anche bambini – a causa delle violenze subite.

I Baka vivono tra Camerun, Gabon e Africa centrale sin dal dal 1500 a.C. e oggi sono circa 30mila persone. Per loro la foresta non è solo fonte di cibo ma anche un luogo sacro e di sepoltura dei loro morti e degli antenati ma anche base fondamentale della loro cultura e religione.

Djami è un Baka. La sua comunità è stata sfrattata illegalmente dalle terre ancestrali per far spazio a un parco nazionale. Anche sua figlia di 10 anni è stata picchiata: “Le squadre anti-bracconaggio uccidono le persone. Hanno ucciso Lapo e Mimbo che non avevano fatto nulla. Sono morti a causa dei pestaggi – racconta in un video girato da Survival -.  Ci fanno soffrire senza alcuna ragione, ecco perché vogliamo che le squadre non vengano più qui. Senza motivo hanno picchiato anche mia figlia che è solo una ragazzina e l’hanno percossa nel nome della protezione degli elefanti. Né io ne lei uccidiamo elefanti”.

Secondo Survival, dagli anni ‘90, la loro situazione sanitaria è peggiorata a causa dell’impossibilità di procurarsi il cibo nella foresta e ad avere accesso ai loro luoghi sacri.

Gli uomini delle squadre anti-bracconaggio sono diventati i carnefici di queste popolazioni di cacciatori-raccoglitori che rischiano di scomparire per sempre, nonostante siano coloro che custodiscono la foresta e ne siano i migliori conoscitori.

Dai guardaparco viene loro impedito di cacciare e raccogliere frutta e erbe per nutrire le loro famiglie nei territori che gli appartengono da migliaia di anni. Le loro abitazioni e i loro villaggi vengono distrutti in nome della conservazione di aree della foresta pluviale, progetti gestiti dal Fondo mondiale per la natura. E nessuno ha mai chiesto il loro coinvolgimento nei progetti di conservazione del Wwf.

Survival, come movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni, ha lanciato pesanti accuse anche contro la Wildlife Conservation Society (WCS) – organizzazione legata agli Zoo del Bronx e di New York.

Secondo Survival, WWF e Wcs sono in partnership con diverse compagnie del legname. Tra queste aziende che hanno la concessione sul taglio degli alberi delle foreste pluviali troviamo Rougier, Cib e Sinfocam.

Camion con tronchi di legno pregiato – Foto © Margaret Wilson/Survival
Camion con tronchi di legno pregiato – Foto © Margaret Wilson/Survival

Mentre WWF e Wcs con Rougier, Cib e Sinfocam e altre compagnie con l’alibi della conservazione sfruttano le foreste e fanno il possibile per espellere illegalmente le popolazioni dai loro territori, Survival propone un Manifesto per un nuovo modello di conservazione.

Si tratta di un appello  che mette al centro i diritti dei popoli indigeni e tutti possono aderire. Sono già state superate le 15mila firme tra cui anche quelle del filosofo e teorico della comunicazione, Noam Chomsky; l’ambientalista e attivista politico britannico, George Monbiot; lo scrittore britannico e consulente per la sostenibilità, Tony Juniper; sir Tim Smit co-fondatore dell’Eden Project e Greenpeace.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com
Twitter: @sand_pin

Please follow and like us:

Giornalista pubblicista dal 1979 ha iniziato l'attività con Paese Sera. Poi, negli anni '80/'90, in Africa Australe con base in Mozambico e in seguito in Australia e in missioni in Medio Oriente e Balcani. Ha lavorato per varie ong, collaborato con La Repubblica, La Nazione, L'Universo, L'Unione Sarda e altre testate, agenzie e vari uffici stampa. Ha collaborato anche con UNHCR, FAO, WFP e OMS-Hedip.