Ergastolo per dieci chili di avorio: le contraddizioni della giustizia in Uganda

Piccolo contrabbandiere arrestato con una decina di chili di avorio è stato condannato all'ergastolo, ma c'è una giustizia giusta

0
946

Speciale per Africa ExPress
Sandro Pintus
5 maggio 2024

Pascal Ochiba, 63 anni, ugandese, è un contrabbandiere di parti di animali. Nel gennaio 2022 è stato “beccato” con pezzi di avorio che pesavano 9,55 kg. Secondo la Wildlife Justice Commission la merce sequestrata valeva 350 euro/kg (dati 2020).

Per l’accusa Ochiba non faceva parte di un gruppo di criminalità organizzata ma la giudice, Gladys Kamasanyu, capo del Tribunale della fauna selvatica dell’Uganda ha emesso una sentenza pesantissima: ergastolo.

Ci viene da pensare che con questo tipo di piccolo contrabbando individuale avrebbe fatto campare la famiglia per diverso tempo. La giudice ha voluto una condanna esemplare: la pena massima prevista dalla legge ugandese.

Una sentenza poco ragionevole

Del caso ne ha scritto su Environmental Investigation Agency (EIA) Shamini Jayanathan, avvocata britannica e direttore di Arcturus Consultancy Ltd. Lo scopo del lungo commento era sottolineare la mancanza di coerenza nelle sentenze.

Secondo Jayanathan, “…senza principi guida che obblighino i tribunali ad applicare criteri oggettivi e ragionevoli, l’effetto deterrente di tali sentenze è limitato”. Questione che in Kenya hanno risolto. Infatti, la condanna a vita in un carcere ugandese per una decina di chili di avorio è una sentenza poco ragionevole

Il caso dell’uccisione del gorilla Rafiki

In Uganda però – e parliamo dello stesso sistema giuridico – c’è stato un altro caso: l’uccisione del gorilla Rafiki, (parola che vuol dire “amico”, in lingua swahili, ndr) uno dei più noti gorilla di montagna.

Un bracconiere, Felix Byamukama, ha confessato di aver ucciso una piccola antilope e un facocero. Attaccato dal gorilla, l’ha ucciso con la sua lancia per difendersi. Un tribunale ugandese, il 30 luglio 2020, lo ha condannato a 11 anni di prigione.

Il regalo dell’avvocato

Ma Pascal Ochiba è stato fortunato. Blair Michael Ntambi, avvocato dello studio legale KTA Advocates di Kampala, ha offerto i suoi servizi gratuitamente. Ha scoperto che Gladys Kamasanyu, giudice del processo, è fondatrice dell’ong Help African Animals-Speak Out For Them (Aiuto agli animali africani-Parliamo per loro). Un chiaro conflitto di interessi.

Una giusta sentenza

Ntambi ha verificato che il suo cliente non era stato rappresentato bene al processo e che la sentenza stessa era manifestamente dura ed eccessiva. Ha quindi presentato appello che è stato accolto ed è stato discusso presso l’Alta Corte di Kampala il 13 marzo 2024. L’accusa aveva chiesto 15 anni ma dopo una trattativa la difesa ha ottenuto 6 anni e mezzo.

“Purtroppo non siamo riusciti a stabilire una giurisprudenza sulla questione della parzialità giudiziaria – ha dichiarato Ntambi dopo la sentenza -. Questo ci ha spinto a occuparci di questo caso pro bono. Rimaniamo impegnati a sostenere un solido quadro giuridico che disciplini il giusto processo in Uganda”.

Giustizia giusta è fatta. Pascal Ochiba e famiglia ringraziano.

Sandro Pintus
sandro.p@catpress.com

X (ex Twitter):
@sand_pin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Arresti in Gabon: smantellata rete di trafficanti di avorio verso il Camerun

Uganda: caccia a 18 vietnamiti per contrabbando di avorio e scaglie di pangolino

No al bracconaggio, Kenya distrugge oltre cento tonnellate di avorio, valore $170mln

L’avorio distrutto e quei cento mila elefanti uccisi in due anni

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here