Il quotidiano israeliano Haaretz: siamo un Paese traumatizzato e privo di un governo

Benjamin Netanyahu ha aspettato tre giorni prima di rivolgersi al pubblico con un discorso povero che comprendeva, come di consueto, una serie di giri di parole, di autocelebrazioni e soprattutto (anche in questa dolorosa situazione) di ammiccamenti alla sua "base". Africa ExPress pubblica la telefonata di una cooperante italiana da Gaza: "I bombardamenti sono crimini orribili" e accusa il nostro governo di non aver organizzato corridoi umanitari per evacuare gli stranieri

0
1777

EDITORIALE
Haaretz*
Gerusalemme, 13 ottobre 2023

Per la prima volta in oltre 75 anni dall’ esistenza dello Stato, la parola più orribile del dizionario, “shoah”, è diventata realtà.

Cittadini di questa bella e fiorente terra sono stati uccisi nel loro olocausto privato – nelle loro case, nei loro letti, nei loro giardini, nei loro rifugi antiatomici. Lo Stato, fondato nel 1948 sulla base di “non ci sarà mai più un altro olocausto” li ha abbandonati al loro destino.

Guerra Israele – Palestina

Il governo di destra, istituito per garantire sicurezza affinché scoraggiasse il nemico, è stato impegnato, fin dal giorno della sua formazione, a disgregare potere deterrente di Israele, a minare la capacità di combattimento dell’esercito e a dividere la nazione in fazioni di odio e rancore.

Uno degli eserciti più potenti del mondo si è rivelato una tigre di carta. Le armi di intelligence che erano in grado di sventare un terrorista in procinto di compiere un attentato, di assassinare un ingegnere nucleare nel cuore di Teheran e di trasportare un intero archivio nucleare dall’Iran, non hanno funzionato. Tutto questo, naturalmente, non sminuisce l’eroismo dei nostri soldati, ufficiali e poliziotti che sono stati abbandonati a se stessi quella mattina di Sim-chat Torah, per respingere l’assalto dei terroristi.



Testimonianza



Telefonata da Gaza: “Sto assistendo a crimini terribili”

Proponiamo qui la testimonianza inviata oggi, 15 ottobre da Giuditta, una cooperante che lavora nella striscia di Gaza. Un messaggio vocale agghiacciante che ben sintetizza la situazione drammatica che si sta vivendo nella striscia. Per colpire i scellerati di Hamas che hanno commesso indicibili atrocità una settimana fa, si colpisce nel mucchio. Per annientare i terroristi si punisce una popolazione. provocando massacri e dolori? Un comportamento che ricorda tanto la “soluzione finale” di qualche decennio fa. E che avrà un terribile risultato: quello di incrementare un sentimento antisemita.




Allo stesso modo, gli abitanti delle comunità adiacenti a Gaza – gli agenti di sicurezza locali e le squadre di emergenza, altrettanto i comuni cittadini che si sono trovati in mezzo all’inferno nelle proprie case – hanno combattuto fino alla morte per difendere se stessi e le loro famiglie.

Il paragone più frequente è quello della disfatta della guerra dello Yom Kippur. Ma la debacle del 2023 è mille volte più grave. Questa volta le scritte erano sul muro, con gli avvertimenti dei capi dell’establishment della sicurezza. Le informazioni raccolte, indicavano che i Paesi e le organizzazioni nemiche avevano percepito Israele più che mai debole e vulnerabile, avvertendo così il conseguente rischio di un conflitto.

Il capo di Stato maggiore, quello dell’intelligence militare, il ministro della Difesa avevano acceso un milione di luci lampeggianti. Benjamin Netanyahu sceglieva di indossare occhiali rosa e di continuare per la sua strada. Il risultato è un Paese in preda a un trauma collettivo che lo accompagnerà per generazioni. “Cambieremo il Medio Oriente dell’anno passato, ma per le sue azioni e inazioni negli ultimi 13 anni di governo”.

“Mr. Security”, il Jean Claude Van Damme del Medio Oriente, il celebre stratega che ha “abbattuto” o “dissuaso” Hamas decine di volte con le sue parole, ha portato un disastro su Israele di portata storica.

Benjami Netanyahu, primo ministro israeliano

“Con arroganza e occhi ad Est”, ha promesso a teste spalancate, ci ha condotto tutti nelle comunità adiacenti a Gaza in un discorso di pochi minuti che ha riservato loro, due giorni dopo lo scoppio della guerra.

Persone che hanno vissuto l’inferno, che hanno lottato fino all’abisso ignorando tutti gli avvertimenti, le suppliche e gli appelli, anche quelli del presidente degli Stati Uniti a braccetto con i terroristi, che stanno seppellendo in massa i loro cari, sono state messe in attesa per mezz’ora, in attesa di un primo ministro che non ha mai avviato un dialogo con loro – solo un breve e disconnesso monologo.

Poche settimane fa, Netanyahu si è rivolto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dove ha parlato di un Medio Oriente nuovo e prospero – senza accennare ai palestinesi, come se non esistessero affatto. Lo Shabbat Simchat Torah ci ha mostrato che sono ancora qui, vivi e vegeti e che ci stanno massacrando.

Il 29 dicembre 2022 è salito al potere un governo del male. Il 4 gennaio ha inscenato un assalto immotivato al popolo, lasciando la maggior parte di esso in uno stato di shock.

Il 2023 è iniziato con un colpo di Stato giudiziario che ha intaccato il tessuto sociale, l’economia e la sicurezza nazionale di Israele. Quest’anno potrebbe concludersi come il più sanguinoso dal 1973. La colpa è soprattutto di una persona: Netanyahu. Egli dovrà rispondere non solo delle sue azioni e delle sue inazioni dell’anno scorso, ma anche di ciò che fatto e non fatto negli ultimi 13 anni di governo.

“Mr. Security”, il Jean-Claude Van Damme del Medioriente, il celebre stratega che ha “abbattuto” o “dissuaso” Hamas decine di volte con le sue parole, ha portato a Israele un disastro di portata storica. Con arroganza e con gli occhi spalancati, ci ha condotto tutti nell’abisso, ignorando qualsiasi gli avvertimenti, le suppliche e gli appelli, anche quelli del presidente degli Stati Uniti e della sua amministrazione, senza i quali ora saremmo in grave difficoltà.

Il 6 ottobre 1973, Golda Meir informò il pubblico dello scoppio della guerra. Lei, allora, mostrava chiaramente uno spirito distrutto.

Gold Meir, ex primo ministro israeliano

Cinquant’anni dopo sembra una figura simpatica rispetto al primo ministro di oggi. Lui ha aspettato tre giorni prima di rivolgersi al pubblico con un discorso povero che comprendeva, come di consueto, una serie di giri di parole, di autocelebrazioni e soprattutto (anche in questa dolorosa situazione) di ammiccamenti alla sua “base”.

Nessuno può negargli una qualità: anche quando la terra gli brucia sotto i piedi, non perde mai di vista ciò che è veramente importante per lui. Così, ha fatto riferimento a un video che aveva visto online e che mostrava il Magg. Gen. David Zini, capo del Comando di addestramento e del Corpo di Stato maggiore, in piedi con le truppe in un’area disseminata di cadaveri di terroristi che avevano contribuito a uccidere. “Straziante”, ha detto Netanyahu. Zini è certamente un ufficiale coraggioso e un comandante apprezzato.

È anche un “knit-ted”, un uomo della corrente religiosa sionista di destra. Merita un riconoscimento, come migliaia di altri ufficiali e soldati. Non è una coincidenza, tuttavia, che sia stato trasformato nel ragazzo immagine dell’eroismo. Se Netanyahu si fosse preso un minuto per essere all’altezza della situazione, per uscire dalla palude della politica di sempre, per essere il primo ministro di tutti e non solo della sua base, avrebbe aggiunto due o tre frasi su altri eroi. Sarebbe stato un gesto solo a suo vantaggio. Per esempio, ricordiamo il Gen. (ris.) Yair Golan, 61 anni, che ha indossato la sua uniforme e si è precipitato sulla scena per effettuare salvataggi eroici; il Magg. Gen. Noam Tibon, 62 anni, che ha viaggiato verso sud, ha condotto attacchi contro i terroristi e ha salvato la sua famiglia (il Segretario di Stato americano, Antony Blinken, lo ha menzionato nelle sue osservazioni mercoledì scorso); o il Magg. Gen. Yisrael Ziv, 66 anni, che ha preso le armi e ha combattuto ovunque fosse necessario.

Il problema sta nel fatto che negli ultimi nove mesi questi tre hanno criticato pubblicamente la politica di Netanyahu. Hanno parlato a nome della popolazione israeliana che non vota per la destra. Per il primo ministro, solo questo conta. Così è stato e così sarà. Una casa unita “Una casa divisa contro se stessa non può stare in piedi”, disse Abraham Lincoln in un discorso memorabile, citando il Nuovo Testamento, prima della sua elezione a presidente.

Per Netanyahu, la divisione non è un difetto, ma una caratteristica. Dovrebbe fermarsi per un momento per comprendere la nuova realtà che si è creata. Dovrebbe ora riconoscere che la sicurezza per lui e sua moglie, mentre erano in vacanza a Neve Ativ due settimane fa, era migliore di quella degli insediamenti adiacenti a Gaza lo scorso Shabbat.

La casa divisa si sta unendo, non grazie a Netanyahu, ma nonostante lui. Gli eroici generali sopra citati e migliaia di altri, di vario grado, sono volontari in una rete parallela allo Stato. Metà del Paese ha messo da parte in un attimo il trauma collettivo e ha agito per prendere le armi, donare denaro e aiutare in ogni modo possibile. Il governo non si è ancora svegliato dallo shock. Non che conti qualcuno di cui ci si possa fidare. Dai ministri fino ai loro tirapiedi, questo è un organismo incompetente e fallito che si occupa solo di politica spicciola.

Come, ad esempio, il ministro delle Comunicazioni Shlomo Karhi, un caso triste, che non riesce a distogliere lo sguardo dall’obiettivo di aiutare Canale 14. Nel momento in cui fratelli e sorelle aiutavano i riservisti con armi per raggiungere le loro unità perché l’esercito non si era messo in regola. In un secondo tempo allestivano centri logistici per sostenere le truppe e i residenti nel sud, mentre i ministeri e i loro ministri sono diventati silenti e sono scomparsi.

Lo Stato alternativo che i cittadini hanno costruito al posto del fallito Stato ufficiale è un’anomalia sorprendente. Una sorta di anarchia rovesciata, che infonde speranza in un’intera nazione. Si tratta soprattutto di coloro che hanno protestato contro il governo e sono stati etichettati come traditori.

Quando i ministri hanno cominciato ad apparire finalmente sui nostri schermi, la nazione ha capito che era meglio quando si erano nascosti. “Non ho problemi a farmi intervistare. Il mio inglese è fantastico”, ha detto il ministro della Diplomazia pubblica Galit Distal Atbaryan alla corrispondente televisiva Amalya Duek.

Non solo Netanyahu merita il disonore eterno, ma anche i sicofanti del suo partito, che hanno contribuito a distruggere la fiducia dei cittadini nel loro Paese. Per persone come Distal Atbaryan, David Amsalem, May Golan, Karhi e Yariv Levin, persino la pattumiera della storia è un posto troppo onorevole per ricordare i loro nomi. Lo stesso vale per i loro collaboratori, come ha ampiamente dimostrato questa settimana Yossi Shelley.

L’uomo ricopre la carica di direttore generale dell’Ufficio del Primo Ministro, l’organo governativo più importante del Paese. Un tempo ambasciatore di dubbia credibilità, ha conquistato l’affetto dei Netanyahu, riuscendo così a occupare una posizione che nessuna persona con reali qualifiche sarebbe stata disposta a assumere.

Solo due persone capaci hanno l’orecchio di Netanyahu: Tzachi Hanegbi, capo del Consiglio di sicurezza nazionale, e Ron Dermer, che è a tutti gli effetti il ministro degli Esteri. Gli altri sono burocrati di infimo livello. E questo prima di prendere in considerazione i partner della coalizione. Da Zvi Sukkot, l’MK del Sionismo Religioso che ha alimentato le fiamme della violenza dei coloni a Hawara la scorsa settimana, all’MK del Giudaismo United Torah, Yitzhak Pindrus, che ha proclamato “le persone LGBT sono più pericolose per Israele di Hamas e Hezbollah”.

Sarebbe interessante sapere se Pindrus la pensa ancora così. Israele subirà grandi cambiamenti all’indomani di questo trauma nazionale, di cui Pindrus, il ministro degli Alloggi, Yitzchak Gold-knopf e i loro amici possono essere certi: la legislazione che autorizza gli Haredim (letteralmente tradotto: “timorati”, ma in effetti sono ultraortodossi, ndr) a sottrarsi al servizio di leva e che equipara lo studio della Torah al servizio militare, è morta. Queste sfacciate sanguisughe minacceranno di lasciare il governo, mentre l’IDF conterà i suoi morti nei prossimi mesi?

Haaretz*
*Quotidiano israeliano indipendente (“La terra”) fondato a Gerusalemme nel 1919 da un gruppo di immigrati russi. Pubblicato in ebraico e in inglese, è un importante riferimento per politici e intellettuali. Dal 1922 ha sede a Tel Aviv. Nel 2006 ha avuto una diffusione di ca. 80.000 copie al giorno.

Israel: A Country in Trauma, Bereft of Government

For the first time in more than 75 years as a State, the most horrific word in the dictionary, “shoah,” has become a reality. The citizens of this beautiful and flourish-ing land were murdered in their own pri-vate holocaust — in their homes, their beds, their gardens, their bomb shelters.

The State that was established in 1948 on the basis of “there will never be another Holocaust” abandoned them to their fate. The fully-right-wing government, estab-lished to ensure a security posture that would deter the enemy, was busy from the day it was formed with eroding Israel’s de-terrence, undermining the army’s fighting ability and dividing the nation into factions of hatred and bitterness. One of the most powerful armies in the world was found to be a paper tiger.

Guerra Israele – Palestina

The intelligence arms that were capable of thwarting a terrorist on his way to an attack, assassinating a nuclear engineer in the heart of Tehran, and transporting an entire nuclear archive from Iran, failed to function. None of this, of course, detracts from the heroism of our soldiers, officers and police who were left to their own devices that Sim-chat Torah morning to repel the terrorist onslaught. Likewise, the people of the com-munities adjacent to Gaza — the local security officers and emergency squads as well as the ordinary citizens who found themselves plunged into hell amid their private paradises, and fought to the death to defend themselves and their families.

The comparison being made most often now is to the debacle of the Yom Kippur War. But the debacle of 2023 is a thousand times more serious. This time the writing was on the wall with warnings from the heads of the security establishment.

The intelligence being gathered showed that enemy countries and organizations had perceived Israel as weaker and more vulnerable than ever and warned of the consequent risk of a conflagration.

The chief of staff, the head of Military Intelligence, the defense minister had all turned on a million flashing lights. Benjamin Netanyahu chose to put on rose colored glasses and continue on his way. The result is a country in the grip of collective trauma that will stay with us for generations.

“We’ll change the Middle of the past year, but for his actions and inactions in the last 13 years of his rule. “Mr. Security,” the JeanClaude Van Damme of the Middle East, the celebrated strategist who “brought down” or “deterred” Hamas dozens of times with his words, brought disaster on Israel of a historic scale. With arrogance and eyes East,” he promised the heads wide shut, he led us all into of the Gaza adjacent communities in a talk for a few minutes that he set aside from his schedule for them, two days after the war broke out.

People who went through hell, who fought hand to the abyss while ignoring all the warnings, entreaties and pleas, even those from the president of the United States hand with terrorists, who are burying their loved ones en masse, were put on hold for half an hour, waiting for a prime minister who never entered into a dialogue with them – just a short and disconnected monologue.

A few weeks ago, Netanyahu addressed the United Nations General Assembly where he also spoke of a new and prosperous Middle East — without Palestinians in the equation, as if they didn’t exist atall. On Shabbat Simchat Torah, they showed us that they’re still here, alive and kicking and slaughtering.

On December 29, 2022, a government of evil came to power. On January 4, it staged an unprovoked assault on the people and left the majority of them in a state of shock. The year 2023 began with a judicial coup that struck blows against Israel’s social fabric, the economy and national security. It may now end as our bloodiest year since 1973. The blame lies mainly on the shoulders of one person — Netanyahu. He will have to answer not only for his actions and inactions of the past year, but for his ac-tions and inactions in the last 13 years of his rule.

Benjami Netanyahu, primo ministro israeliano

“Mr. Security,” the Jean-Claude Van Damme of the Middle East, the celebrated strategist who “brought down” or “deterred” Hamas dozens of times with his words, brought disaster on Israel of a historic scale. With arrogance and eyes wide shut, he led us all into the abyss while ignoring all the warnings, entreaties and pleas, even those from the president of the United States and his administration, without whom we would now be in dire straits.

On October 6, 1973, Golda Meir informed the public about the outbreak of war. She was clearly a broken spirit. Fifty years later, she seems like a likable figure compared to today’s prime minister. He waited for three days before he emerged to address the public in a poor speech that included, as usu-al, a collection of spin, self-aggrandizement and above all (even in this painful situation) winks to his “base.” No one can deny him this quality: Even when the ground is burning under him, he never loses sight of what is really important to him.

Gold Meir, ex primo ministro israeliano

Thus, he referred to a video he had seen online showing Maj. Gen. David Zini, head of the Training Command and General Staff Corps, standing with troops in an area littered with the corpses of terrorists they had helped kill. “Heartwrenching,” Netanyahu said.

Zini is certainly a coura-geous officer and a valued commander. He is also “knit-ted,” a man of the right-wing religious Zionist stream. He deserves recognition, like thousands of other officers and soldiers. It’s no coinci-dence, however, that he was made into the poster boy for heroism.

If Netanyahu had taken a minute to rise to the occasion, to climb out of the swamp of politics as usual, to be the prime minister of everyone and not just of his base, he would have added two or three sentences about other heroes. It would have been only to his benefit.

For instance, recall Gen. (res.) Yair Golan, 61, who donned his uniform and rushed to the scene to perform heroic rescues; Maj. Gen. Noam Tibon, 62, who traveled south, led attacks on terrorists and rescued his family (U.S. Secretary of State Antony Blinken men-tioned him in his remarks on Wednesday); or Maj. Gen. Yisrael Ziv, 66, who took up arms and fought wherever needed.

The problem is that over the last nine months, the three of them have publicly criticized Netanyahu’s policies. They spoke for a huge part of the country that does not vote for the right. For the prime minister, only this matters. So it was and so it will be. A house united “A house divided against itself cannot stand,” Abraham Lincoln said in a memorable speech, quoting from the New Testament, before his election as president. For Netanyahu, divisiveness is not a bug, it’s a feature.

He should stop for a movement and breathe the new reality that has been created. He should now recognize that the security for him and his wife, while they were va-cationing in Neve Ativ two weeks ago, was better than that for the settlements adjacent to Gaza last Shabbat.

The divided house is uniting, no thanks to Netanyahu, but in spite of him. The heroic generals cited above and thousands of others of varying ranks, are volunteering in a parallel network to the state. Half the country put aside the collective trauma in a flash and acted to take up arms, donate money and help in any way possible.

The government has not yet woken up from the shock. Not that it numbers anyone we can put our trust in. From the ministers down to their flunkies, this is an incompetent, failed body that is all about petty politics. Like, for example, Communications Minister Shlomo Karhi, that sad case, who cannot even take his eyes off the goal of helping Channel 14.

At a time when Brothers and Sisters in Arms were helping reservists reach their units because the army had not gotten its act together, and later set up logistics centers to support the troops and the residents in the south, the ministries and their ministers went si-lent and disappeared.

The alternative state that the citizens have built in place of the failed official state is an astonishing anomaly. A kind of inverted anarchy, which inspires hope in an entire na-tion. Inthe main, they are the people who protested against the government and were la-beled traitors.

When the ministers finally began appearing on our screens, the nation understood it was better when they had been in hiding. “I have no problem being interviewed. My English is fantastic,” said Public Diplomacy Minister Galit Distal Atbaryan told television correspondent Amalya Duek.

Not only does Netanyahu deserve everlasting disgrace, so do his party sycophants who helped de-stroy the public’s trust in their country. For people like Distal Atbaryan, Da-vid Amsalem, May Golan, Karhi and Yariv Levin, even the dustbin of history is too honorable a place for the memory of their names. The same applies to the appointees under them, as Yossi Shelley amply demon-strated that this week.

The man holds the post of director general of the Prime Minister’s Office, the most important government body in the country. Once an am-bassador of dubious credibility, he won the affection of the Netanyahus and from there reached a position that no person with real qualifications was willing to take.

Only two capable people have Netanyahu’s ear — Tzachi Hanegbi, head of the National Security Council, and Ron Dermer, who is for all intents and purposes the foreign minister. The rest are bureaucrats of an inferior sort. And that is before tak-ing into consideration the coalition partners. From Zvi Sukkot, the Religious Zionism MK who fanned the flames of settler vio-lence in Hawara last week, to United Torah Judaism MK Yitzhak Pindrus, who informed us that “LGBT people are more dangerous to Israel than Hamas and Hezbollah.”

It would be interesting to know whether Pindrus still feels that way. Israel will undergo great changes in the aftermath of this national trauma, one of which Pindrus, Housing Minister Yitzchak Gold-knopf and their friends can be sure of: The legislation entitling Haredim to evade conscription and equating Torah study with army ser-vice is dead in the water. Will these brazen leeches issue threats to quit the gov-ernment, as the IDF counts its dead over the months ahead?

(Haaretz Octobre 13th 2023)

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Trent’anni gli accordi di Oslo fra Israele e Palestina: ora sono carta straccia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here