Niger: la giunta si rafforza e si prepara a un possibile intervento regionale

0
822

Associated Press
Chinedu Asadu
Abuja, 29 agosto 2023

I soldati ammutinati che hanno rovesciato il presidente nigerino Mohamed Bazoum, eletto democraticamente, hanno annunciato nel fine settimana una serie di misure che, secondo gli analisti, mirano a rafforzare la loro presa sul potere e a prepararsi a difendersi da qualsiasi tentativo militare da parte dei leader regionali di reintegrare Bazoum.

Tchiani, capo dei golpisti

La giunta militare guidata dal generale di brigata Abdrahmane Tchiani ha ordinato alle forze armate nigeriane di entrare in stato di massima allerta per “minacce di aggressione al territorio nazionale” e ha chiesto ai governi a guida golpista dei vicini Mali e Burkina Faso di inviare truppe per aiutarli a difenderli.

Ha inoltre imposto all’ambasciatore francese di partire entro lunedì e ha organizzato una manifestazione per raccogliere consensi e costringere le truppe francesi a lasciare il Paese.

A Parigi presidente Emmanuel Macron ha dichiarato lunedì che il suo ambasciatore rimarrà in Niger. Macron ha parlato con fermezza contro i leader del colpo di Stato, insistendo sul fatto che la Francia non è nemica del Niger.
“La nostra politica è quella giusta. Dipende dal coraggio del presidente Mohamed Bazoum, dall’impegno dei nostri diplomatici e del nostro ambasciatore in loco, che rimane nonostante le pressioni”, ha detto Macron a un incontro di diplomatici francesi a Parigi.

Emmanuel Macron, il presidente francese

Seidik Abba, ricercatore nigeriano e presidente del Centro internazionale di riflessione e studi sul Sahel, con sede a Parigi, ha affermato che la giunta sta cercando di rafforzare la propria posizione e di respingere i tentativi del blocco regionale dell’Africa occidentale, l’ECOWAS, di fare pressione sul governo militare affinché revochi il colpo di Stato.

“Il rischio di una guerra (tra il Niger e il blocco regionale) è ancora piuttosto alto”, ha dichiarato Nate Allen, professore associato presso l’Africa Center for Strategic Studies. Ha detto che la giunta si sta allineando con i regimi del Mali e del Burkina Faso in “un forte orientamento anti-occidentale e pro-autoritario”.

L’ECOWAS ha dichiarato di dover annullare il colpo di Stato in Niger per “fermare la spirale dei colpi di Stato” in Africa occidentale. In un incontro sabato con Molly Phee, il più alto diplomatico statunitense per gli affari africani, il presidente del blocco, il capodivisioni Stato nigeriano Bola Tinubu, ha accusato la giunta nigerina di cercare di “guadagnare tempo” dopo il fallimento dei colloqui per reintegrare Bazoum, che rimane in carcere.

“Il consenso dell’ECOWAS è che non permetteremo a nessuno di guadagnare tempo in modo insincero”, ha dichiarato Tinubu, aggiungendo di aver frenato il blocco “nonostante la sua disponibilità a tutte le opzioni” che potrebbero includere un intervento militare in Niger.

Prima dell’estromissione di Bazoum, avvenuta il mese scorso, il Niger, ex colonia francese, era considerato l’ultimo grande partner dell’Occidente contro la violenza jihadista nella regione del Sahel, al di sotto del deserto del Sahara, dove si respira un sentimento antifrancese.

La rottura dei legami con i francesi, avvenuta dopo i colpi di stato militari in Mali e Burkina Faso, mostra “un nuovo ordine mondiale che sta emergendo nel Sahel e in un certo senso segna la fine dello stato post-coloniale in molti di questi Paesi” colonizzati dalla Francia, ha affermato Abba, ricercatore del Sahel.

Tinubu, leader dell’ECOWAS e presidente della Nigeria

L’ECOWAS non ha fornito dettagli su come si configurerebbe un intervento militare, se non che sarebbe guidato da una cosiddetta forza di attesa. Il Mali e il Burkina Faso sono entrambi alle prese con problemi di sicurezza interna, mentre la Nigeria, anch’essa alle prese con violenze sanguirarie, costituisce circa la metà dei circa 450.000 effettivi militari dei restanti 11 Stati membri del blocco. Anche la Guinea è tra i Paesi che si sono schierati con il Niger.

Il blocco si trova in una posizione difficile a causa dell’alleanza Niger-Mali-Burkina Faso e dei suoi interventi passati spesso dipendenti dal sostegno internazionale, ha detto Allen dell’Africa Center for Strategic Studies.

I leader del colpo di Stato in Niger “hanno intenzione di rimanere al potere a lungo – è il parere di Allen – . Questo è uno schema tipico che abbiamo visto nei regimi militari… non si accontentano di rimanere al potere per un periodo breve, vogliono restare in sella per un periodo di tempo molto lungo”.

Chinedu Asadu

La scrittrice dell’Associated Press Angela Charlton a Parigi ha contribuito a questo articolo.

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here