Come si presenterebbe la minaccia dell’ECOWAS di usare la forza per ripristinare la democrazia in Niger?

0
1410

Associated Press
Chinedu Asadu
Abuja, luglio 2023

La posizione del blocco regionale dell’Africa occidentale noto come ECOWAS in merito al golpe militare in Niger è chiara: “Saremo al fianco del nostro popolo nel nostro impegno per lo stato di diritto”, ha dichiarato il suo presidente, il capo di Stato nigeriano Bola Tinubu, alla riunione dell’organismo di questa settimana.

Il blocco di 15 nazioni ha convocato i suoi capi della Difesa per discutere la minaccia di “prendere tutte le misure necessarie compreso l’uso della forza” se il presidente nigeriano Mohamed Bazoum non verrà reintegrato entro una settimana.

Secondo un diplomatico occidentale a Niamey, che non ha voluto essere identificato per motivi di sicurezza, l’ECOWAS è decisa a ricorrere alla forza militare dopo il fallimento delle sanzioni economiche e di viaggio utilizzate contro gli autori del colpo di Stato.

In contingente italiano (da 350 a 500) militari è concentrato nella capitale Niamey

Non è chiaro come il blocco possa mettere in atto la sua minaccia, data la mancanza di coordinamento per fornire sicurezza a livello regionale e formale con il Dipartimento di Stato americano in Niger, ha dichiarato Aneliese Bernard, direttore di Strategic Stabilization Advisors.

“Non c’è abbastanza fiducia tra i membri dell’ECOWAS e questa mancanza di fiducia è ciò che impedirà qualsiasi tipo di risposta coordinata”, ha sottolineato Bernard.

Ma ecco cosa possiamo dire su come potrebbe svolgersi un’opzione militare di questo tipo:

L’ECOWAS È GIÀ INTERVENUTA
MILITARMENTE NEI PAESI MEMBRI?

È la prima volta negli ultimi anni che l’ECOWAS prende in considerazione l’uso della forza per intervenire e ripristinare la democrazia in Paesi in cui i militari hanno preso il sopravvento.

Tra la recrudescenza dei colpi di Stato in Africa occidentale e centrale, quattro nazioni della regione sono guidate da governi militari, ma il blocco ha cercato senza successo di riportare la democrazia in questi luoghi.

La sua reazione già adottata sono state le sanzioni economiche, che spesso non hanno sortito alcun effetto, se non quello di spremere la popolazione, già alle prese con un alto tasso di povertà e fame.

Tuttavia, nella storia recente l’ECOWAS ha fatto ricorso alla forza per ristabilire l’ordine nei Paesi membri, da ultimo nel 2017 in Gambia dopo il rifiuto del presidente di lunga data, Yahya Jammeh, di andarsene dopo aver perso le elezioni.

Ma anche in quel caso, la mossa aveva comportato sforzi diplomatici guidati dagli allora presidenti di Mauritania e Guinea, mentre Jammeh sembrava agire da solo dopo che l’esercito gambiano aveva giurato fedeltà al vincitore delle elezioni, Adama Barrow.

L’ECOWAS ha anche gestito un’operazione regionale di mantenimento della pace nota come ECOMOG, guidata dalla Nigeria negli anni Novanta e nei primi anni Duemila per contribuire a ristabilire l’ordine in diversi Paesi, dalla Liberia, quando le forze furono dispiegate per la prima volta nel 1990 durante la mortale guerra civile, alla Sierra Leone nel 1997, quando il governo democraticamente eletto di Ahmed Tejan Kabbah fu rovesciato.

UN INTERVENTO MILITARE
IN NIGER PUÒ FUNZIONARE?

L’esercito del Niger, privo di sbocchi sul mare e che dipende da vicini come la Nigeria per la fornitura di elettricità e il Benin per le operazioni portuali, potrebbe non essere in grado di resistere a lungo a una forza congiunta dell’ECOWAS, ha dichiarato Bacary Sambe, ricercatore sui conflitti presso il think tank senegalese Timbuktu Institut.

Secondo gli analisti, il successo di un intervento militare di questo tipo dipenderebbe anche dalla capacità dell’ECOWAS di coordinarsi tra i suoi membri e con organismi esterni come l’Unione Africana. Ma ci sono già segnali di una mancanza di sinergia: L’ECOWAS ha dato alla giunta nigerina una scadenza di una settimana, più breve dell’ultimatum di 15 giorni che l’Unione Africana ha dato loro per tornare nelle caserme.

Foto scattata durante la dimostrazione antifrancese a Niamey

Ci sono anche limitazioni economiche per quanto riguarda la logistica e il finanziamento di una forza di questo tipo, lasciando aperto uno spiraglio per il sostegno occidentale, ha affermato Kabir Adamu, fondatore di Beacon Consulting, una società di consulenza sulla sicurezza con sede ad Abuja.

“Un intervento militare sarebbe un po’ difficile, ma ci sono altre opzioni nel mondo occidentale e in Francia. Nel caso della sfida finanziaria, questa può essere affrontata con il sostegno di altri Paesi, così come la sfida tecnica”, ha detto Adamu.

I 15 Paesi membri dell’ECOWAS la comunità economica dell’africa Occidentale

La resistenza minacciata da altri Paesi gestiti da regimi militari – Mali, Burkina Faso e Guinea – potrebbe complicare ulteriormente la risposta dell’ECOWAS. I quattro Paesi condividono confini che potrebbero rendere più facile per loro fare squadra attraverso la regione del Sahel, nella vasta distesa arida a sud del deserto del Sahara, che va dalla Guinea da un lato al Niger dall’altro.

Nove dei primi 20 Paesi con le migliori forze armate in Africa appartengono alle restanti democrazie dell’Africa occidentale, secondo il Global Fire Power, che classifica la forza militare. Solo la Nigeria, al quarto posto, è tra i primi cinque, mentre il Mali, al 21° posto, è il più alto in classifica tra i quattro Paesi che hanno recentemente subito un colpo di Stato.

QUANTA INFLUENZA ESTERNA DA PARTE
DELL’OCCIDENTE E DELLA RUSSIA POTREMMO VEDERE IN NIGER?

Un intervento militare guidato dall’ECOWAS in Niger e la conseguente resistenza del Mali, del Burkina Faso e della Guinea potrebbero tenere l’Occidente e altre parti dell’Africa nel “mezzo di una battaglia geopolitica tra l’Occidente e la Crimea”, ha spiegato Adamu.

I Paesi dell’Africa Occidentale, non tutti fanno parte dell’ECOWAS

Il colpo di Stato in Niger potrebbe estendere il raggio d’azione del gruppo militare privato russo Wagner in Africa occidentale, dove è emerso come partner privilegiato per la sicurezza, dal Mali, dove ha aiutato a combattere i gruppi jihadisti, al Burkina Faso, dove il regime ha salutato la Russia come “alleato strategico” dopo aver estromesso le truppe francesi a febbraio.

Il capo di Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha accolto la presa di potere militare come “la lotta del suo popolo (il Niger) contro i colonizzatori”, riferendosi alla Francia, che insieme agli Stati Uniti ha migliaia di truppe in Niger, visto come l’ultimo alleato occidentale rimasto nel Sahel.

“La giunta militare (in Niger) non può guardare alla Russia (ma) dipende da quanto lontano vuole andare”, ha commentato Adamu.

Chinedu Asadu

Sam Mednick a Niamey, Niger, e Baba Ahmed a Bamako, Mali, hanno contribuito.

Niger, a colloquio con gli schiavi: ”Cos’è la libertà”?

Niger, quando gli schiavi non vogliono essere liberati

Niger, a colloquio con gli schiavi: ”Cos’è la libertà”?

Niger, quando gli schiavi non vogliono essere liberati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here