I 100 anni Henry Kissinger e le sue “imprese” in Afghanistan, Iraq, Libia, Siria e in tutta l’Africa

1
2021

Con questo articolo Angus Shaw, uno dei più competenti
ed esperti giornalisti dell’Africa meridionale,
comincia a scrivere
anche per Africa Express. Angus per parecchi anni
è stato corrispondente dell’Associated Press
da Harare.
Pubblica i suoi articoli sul blog https://www.angus-shaw.com/

Angus Shaw*
Harare, 28 giugno 2023

Povero vecchio Henry Kissinger. Ha appena compiuto 100 anni e si lamenta che non è troppo tardi per punirlo, magari con l’Aja e la galera, per le sue malefatte politiche e belliche, insieme a Tony Blair, George W. Bush e i loro simili per l’Afghanistan, l’Iraq, la Libia e la Siria e il resto di tutte le cose brutte degli ultimi tempi.

Ultimamente, il diplomatico e negoziatore più importante della fine del secolo scorso si è espresso sullo stato del mondo, sull’Ucraina e sulle manovre bellicose della Cina per riprendersi Taiwan.

Una delle più recenti fotografie di Henry Kissinger

L’uomo ci piaceva molto quando è sceso qui per mediare la pace dopo la disordinata partenza degli americani dal Vietnam. Affascinante e simpatico, ma con il cuore duro nel proteggere gli interessi statunitensi che avevano causato tante stragi in tutto il pianeta, pensavamo.

Ian Smith dice a Kissinger: “Ok, sono pronto e disposto a portare a termine questa operazione”. Si trattava di trasferire il potere dalla minoranza bianca alla maggioranza nera

Il suo problema era l’Africa, punto e basta. Non lo capiva affatto. Eravamo un nido di coccodrilli diverso da quello cui era abituato. Mettere le carte sul tavolo, mescolarle e attendere i risultati.

Per dirla con le loro stesse parole, in questo documento redatto, “si mettono nel piatto tante fiches” per ottenere un risultato. Troppo intelligente, abbiamo pensato.

Nella vignetta Henry Kissinger fa l’equilibrista su uno stagno pieno di coccodrilli. Da un lato (a sinistra) compare il primo ministro del Sudafrica, John Vorster, e dall’altro un giovane Ian Smith.

Nada, nada. Non ha funzionato. Ian Smith, ex primo ministro dell’allora Rhodesia e John Vorster, ex presidente sudafricano, erano troppo recalcitranti, così come la controparte. Dopo essersi scottato così tanto in Vietnam, Kissinger aveva lasciato il suo libretto degli assegni al sicuro in un armadio di scheletri da qualche parte a Washington.

Era il 1976 e portò le foto satellitari del terreno su cui stavamo combattendo. Ogni burrone, ogni gola, ogni insediamento, ogni montagna, ogni foresta, ogni cespuglio per l’occultamento di un combattente che ora stava fiorendo dopo le piogge stagionali. Si potevano persino vedere dallo spazio le medaglie sul petto di un generale. Che meraviglia, esclamarono gli americani.

A noi fotografi e scribacchini, membri del cosiddetto Quarto Potere, che seguivamo ogni mossa africana di Henry, sembrava una bolla di sapone.

I suoi uomini dei servizi segreti si portavano acqua e cibo da casa con gli aerei da carico C 130, perché non volevano farsi venire la cacca dal pascolo africano.

Due limousine Lincoln Continental immatricolate a Washington furono trasportate dai suddetti C 130 tra l’ultima e la successiva destinazione del Segretario di Stato.

Pretoria, Lusaka e, sulla via del ritorno a mani vuote, Kinshasa per vedere Mobutu Sese Seko, ex dittatore, e recuperare qualcosa dal viaggio. Mobutu era un tirapiedi della CIA che aveva più soldi in banche straniere dell’intero debito nazionale del suo Paese.

Il poster che pubblicizzava il mach di boxe tra George Foreman e Muhammad Ali (Cassius Clay) organizzato a Kinshasa nel 1974. Ali fu costretto a ritirarsi dal pugilato dopo essersi rifiutato di combattere nella guerra del Vietnam

In Congo, noto come Zaire, l’entourage di Henry ci raccontò la storia forse apocrifa di The Rumble in the Jungle, l’incontro dei pesi massimi tra Muhammad Ali e George Foreman, andato in scena a Kinshasa due anni prima. Si dice che Ali abbia guardato dalla sua lussuosa suite d’albergo le fogne a cielo aperto e le baracche di Kinshasa e abbia scrollato le spalle: “Sono contento che mio nonno abbia preso quella maledetta barca di schiavi”.

Visitando gli “Stati in prima linea” schierati contro i loro vicini governati dai bianchi, Kissinger incontrò i presidenti e i leader della guerriglia che ospitavano.

Il presidente del Botswana Sir Seretse Khama era stato operato in Sudafrica con un pacemaker. Probabilmente il pacemaker era stato messo sotto controllo e gli uomini di Vorster avrebbero potuto ascoltare “l’intera riunione”, commentarono gli americani.

L’apartheid durò altri 20 anni. La mediazione in Medio Oriente ha avuto i suoi alti e bassi che durano ancora oggi.

La politica estera americana promossa da Kissinger ha portato a molti spargimenti di sangue e lacrime, oltre che in Vietnam e in Cambogia: dall’invasione di Timor Est da parte dell’Indonesia, sostenuta dagli Stati Uniti, alle guerre civili alimentate dagli Stati Uniti in El Salvador, Guatemala e Honduras.

Lo sboccato Richard Nixon, il suo capo, ha notoriamente respinto l’idea di essere gentile con le persone in America Latina per conquistare i loro cuori e le loro menti. “Prendeteli per le palle e i loro cuori e le loro menti li seguiranno”, disse Nixon.

Dopo che il Watergate costrinse Nixon a dimettersi, Kissinger dovette dare una lezione al novello presidente di turno Gerald Ford e gli ricordò l’importanza dell’influenza globale dell’America, citando FDR sul dittatore nicaraguense Spinoza che gli piaceva ma non gli piaceva. “Sarà anche un figlio di puttana, ma almeno è il nostro figlio di puttana”.

Il mio album fotografico di Kissinger:

Kissinger nell’ufficio del presidente Nixon
Kissinger sul ponte sulle cascate Vittoria

 

Kissinger con Kenneth Kaunda, allora presidente dello Zambia
Kissinger con Julius Nyerere, allora presidente della Tanzania
Henry Kissinger e Joshua Nkomo, il grande rivale di Mugabe nel movimento nazionalista, che alla fine è stato fregato da Mugabe
Ian Smith che arriva a casa del primo ministro sudafricano John Vorster per incontrare Henry Kissinger
Henry Kisinger in suadente ammirazione di Dolly Parton

A quell’epoca, ricordate, girava una canzone country e western di Maclean che faceva più o meno così…

Vorrei vedere il coyote che mangia un road runner, vorrei vedere Evil Kneival fatto a pezzi, ma soprattutto vorrei vedere le tette di Dolly Parton. Morbide e rotonde, non fanno rumore. Con le mani in tasca, penso solo ai razzi di Dolly.

Angus Shaw*
angusshaw@icloud.com

*Angus Shaw nato 1949 da coloni scozzesi nella Rhodesia, ad Harare, quando si chiamava Salisbury, ha ottenuto risultati accademici modesti e, rimasto orfano in tenera età, è andato a scuola in Inghilterra ma non ha proseguito gli studi avendo bisogno di lavoro e di reddito.
Viaggiando in autostop in Europa come studente dell’Africa meridionale, ha sentito per la prima volta l’odore dei gas lacrimogeni durante la rivolta studentesca del 1968 a Parigi, la prima di molte altre esperienze come reporter in Africa nei 50 anni successivi.
E’ entrato a far parte del Rhodesia Herald nel 1972. Nel 1975 è stato arruolato nelle forze di sicurezza rhodesiane, ma ha disertato per fare un reportage sugli esuli nazionalisti a Lusaka e Dar es Salaam.
In questo periodo ha coperto una dozzina di Paesi africani, principalmente per l’agenzia di stampa statunitense Associated Press dal 1987 fino alla pensione. Nel febbraio 2005 è stato incarcerato per aver fatto un reportage su Robert Mugabe durante il declino dello Zimbabwe. È autore di tre libri: The Rise and Fall of Idi Amin, 1979, Kandaya, 1993, una cronaca del servizio di leva nella guerra per l’indipendenza dello Zimbabwe e Mutoko Madness, 2013, un memoire africano.
È stato insignito del prestigioso premio Gramlin per la stampa statunitense. Angus Shaw vive ad Harare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here