Gli Stati Uniti congelano i beni a finanziatori dell’ISIS in Sudafrica, Congo-K e Mozambico

0
1724

Dalla Nostra Corrispondente
Paolo Rolletta
Maputo, 2 marzo 2022

Ieri, l’Office of Foreign Assets Control  (OFAC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha applicato sanzioni contro quattro individui con sede in Sudafrica, perché ritenuti “facilitatori finanziari dello Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) e dell’ISIS-Mozambico (ISIS-M)”.  Si tratta di Farhad Hoomer, Siraaj Miller, Abdella Hussein Abadigga e Peter Charles Mbaga.

Secondo il Dipartimento del Tesoro USA, i membri e gli associati dell’ISIS in Sudafrica stanno giocando un ruolo sempre più centrale nel facilitare il trasferimento di fondi dal vertice della gerarchia dell’ISIS agli affiliati in tutta l’Africa. I membri dell’ISIS basati in Sudafrica colpiti oggi dalle sanzioni, hanno fornito sostegno a trasferimenti di somme di denaro o hanno servito come leader delle cellule dell’ISIS in Sudafrica.

L’ISIS ha recentemente tentato di espandere la sua influenza in Africa attraverso operazioni su larga scala in aree dove il controllo del governo è limitato. Gli affiliati dell’ISIS in Africa fanno affidamento su schemi locali di raccolta fondi, come furti, estorsioni alle popolazioni locali e rapimenti a scopo di riscatto, oltre al sostegno finanziario della gerarchia dell’ISIS.

Nella nota, diffusa alla stampa, il Tesoro Americano riporta le attività illecite in Sudafrica, nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) e in Mozambico.

Miliziani dell’ISIS, Sudafrica

Tra il 2017 e il 2018, Farhad Hoomer ha contribuito a organizzare e avviare le operazioni di una cellula ISIS a Durban, in Sudafrica. Hoomer, che è il leader di tale raggruppamento ISIS nella città sudafricana, ha fornito alcune delle sue note proprietà residenziali e veicoli registrati a suo nome per sponsorizzare le riunioni e le attività operative della cellula. Hoomer ha affermato di aver reclutato e addestrato membri della cellula e di essere stato in contatto con membri dell’ISIS-Repubblica Democratica del Congo (ISIS-RDC) e sostenitori dell’ISIS in tutto il Sudafrica. Ha raccolto fondi attraverso operazioni di rapimento per riscatto ed estorsione da grandi aziende, che hanno fornito più di un milione di rand sudafricani di entrate per la sua cellula.

Nel 2018, le autorità sudafricane hanno arrestato Hoomer insieme ai suoi soci per il coinvolgimento in un complotto per distribuire ordigni incendiari improvvisati vicino a una moschea e a edifici commerciali.

Siraaj Miller, che guida un gruppo di sostenitori dell’ISIS a Città del Capo, ha fornito assistenza finanziaria all’ISIS addestrando i membri a compiere rapine per raccogliere fondi per l’ISIS. Nel 2018, Miller ha anche assistito all’acquisizione di case come nascondigli temporanei per l’ISIS.

Abdella Hussein Abadigga, invece, reclutava giovani in Sudafrica e li mandava in un campo di addestramento. Abadigga, che controllava due moschee in nel Paese, usava la sua posizione per estorcere denaro ai membri del luogo di culto, per poi inviare il denaro mediante il sistema “hawala” ai sostenitori dell’ISIS in altre parti dell’Africa. Bilal al-Sudani, un leader dell’ISIS in Somalia, considerava Abadigga un collaboratore fidato che aveva contribuiti a migliorare l’organizzazione dei sostenitori dell’ISIS in Sudafrica, inoltre aveva grande capacità di reclutare nuovi membri.

Peter Charles Mbaga ha facilitato i trasferimenti di fondi dal Sudafrica. Mbaga ha cercato di fornire supporto all’ISIS-Mozambico aiutando il gruppo ad acquisire attrezzature in Sudafrica. Mbaga ha anche cercato di acquisire armi dal Mozambico.

Le sanzioni implicano la segnalazione e il blocco dei beni e dei loro interessi diretti o indiretti.

Paola Rolletta
paolarolletta@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here