Non solo somali: l’Iran addestra pirati per destabilizzare Mar Rosso e Oceano Indiano

0
2151

Africa ExPress
Gibuti, 14 febbraio 2022

A spadroneggiare e depredare i mari non ci sono solo i pirati somali ma anche quelli iraniani. L’Iran sta creando una banda d’élite di pirati per governare i mari. Secondo un rapporto riservato di fonte iraniana, le unità speciale dell’esercito iraniano stanno addestrando mercenari come moderni corsari con lo scopo di effettuare attacchi navali.

Dal rapporto si evince che l’unità della Quds Force ha già addestrato ed equipaggiato centinaia di yemeniti e iracheni per effettuare attacchi, consolidando così una rete segreta di contrabbando di armi. Una notizia emersa casualmente e passata quasi inosservata, perchè i diplomatici sono concentrati a convincere l’Iran a frenare il suo programma nucleare.

L’Iran addestra mercenari come pirati

La forza d’élite iraniana Quds Force rappresenta già un ramo consolidato del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche ed è incaricato di organizzare operazioni extraterritoriali per sostenere le guerre per procura dell’Iran in tutto il Medio Oriente. Ma la sua portata è stata drasticamente influenzata dall’assassinio del suo famoso leader, il generale Qassem Soleimani, ucciso nel gennaio 2020 da un attacco di droni statunitensi mentre era in Iraq.

Ora, le informazioni raccolte dal gruppo dell’opposizione National Council of Resistance of Iran rivelano che Teheran ha costantemente tentato di compensare quella perdita per le sue operazioni in Iraq, Yemen, Siria, Palestina, Libano e diversi Paesi africani.

Gli sforzi per ingaggiare mercenari stranieri in Yemen si sono intensificati subito dopo l’elezione di Ebraham Raisi, attuale presidente dell’Iran, parallelamente all’aumento degli attacchi UAV e missilistici. La nuova forza navale Quds Force ha sede presso l’Accademia di scienze e tecnologia navali Khamenei a Ziba Kenar, sulla costa del Caspio, sotto la supervisione del secondo ammiraglio, Abdolreza Dabestani.

Ma è il generale di brigata Hassan Ali Zamani Pajooh che sovrintende all’obiettivo principale dell’unità: fornire addestramento di commando ai mercenari stranieri, condotto attraverso corsi residenziali di sei mesi completi. Tale addestramento viene integrato da ulteriori training marittimi sulle isole Qeshm e Farah nel Golfo, forniti dalla stessa brigata di commando navale dell’IRGC (acronimo inglese per Islamic Revolutionary Guard Corps n.d.r.) Aba Abdullah responsabile degli attacchi alle petroliere britanniche.

Nel gennaio 2020, più di 200 mercenari yemeniti sono stati addestrati in tattiche di commando, scienza e tecnologia navale. Secondo il rapporto, un contingente di iracheni di dimensioni simili ha iniziato la sua formazione nel luglio dello stesso anno. Alla fine del corso gli iracheni sono stati inviati nella penisola di al-Faw e Bassora per formare una “unità navale” sotto il comando della Forza Quds. Le capacità acquisite dimostrano che il mandato della nuova forza navale Quds va oltre il semplice addestramento.

Utilizzando tattiche di guerra asimmetriche stabilite dall’IRGC, l’unità ha stabilito nuove reti di contrabbando che stanno già fornendo armi e attrezzature “per espandere i conflitti nel Mar Arabico, Bab al-Mandab e nel Mar Rosso”.

Sempre in base al rapporto, questo commando ha già equipaggiato i ribelli huthi dello Yemen con motoscafi, missili, mine e altre armi. Uno dei metodi per trasferire armi allo Yemen è utilizzare Paesi terzi, come la Somalia. Altri includono l’uso di piccole imbarcazioni e l’utilizzo di metodi di contrabbando di droga come parafanghi di grandi dimensioni da sei piedi in cui sono nascosti depositi di armi. I parabordi vengono quindi ancorati sott’acqua in posizioni prestabilite con localizzatori GPS in modo che possano essere recuperati da altre navi.

Alcune armi sono però state intercettate. Nel dicembre dello scorso anno, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato la confisca di due grandi depositi di armi iraniane, inclusi 171 missili terra-aria e otto missili anticarro, destinati ai militanti huthi dello Yemen.

Altresì sono stati sequestrati 1.400 fucili d’assalto AK-47 e 226.600 proiettili. Queste e altre partite di migliaia di lanciarazzi, mitragliatrici, fucili di precisione sono tutti partiti dal porto iraniano di Jask.

Ieri sera, Shahin Gobadi, portavoce della stampa dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano, organizzazione di opposizione, ha dichiarato: “Da quando Raisi è diventato presidente, gli attacchi di missili e droni sono stati accelerati insieme agli sforzi per acquisire armi nucleari e il regime ha intensificato gli atti terroristici marittimi attraverso mercenari stranieri. L’unità della forza navale Quds, che addestra ed equipaggia i delegati iraniani, è una vera minaccia sia per la stabilità regionale che per il trasporto marittimo internazionale. Eppure, invece di ritenere il regime iraniano responsabile delle sue azioni, i Paesi occidentali hanno dato concessioni all’Iran, tendenza che ha incoraggiato Teheran nella sua condotta nefasta nella regione. Indipendentemente da ciò che il leader supremo Khamenei potrebbe fare con i negoziati sul suo programma nucleare, Teheran deve essere ritenuta responsabile della sua guerra per procura nella regione, del suo terrorismo, del suo sviluppo di missili balistici e delle sue eclatanti violazioni dei diritti umani”.

Africa ExPress
@africexp
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here