Mali: cadono le prime teste del potere, ma la situazione resta tesa a Bamako

0
77
Karim Keita, deputato e figlio del presidente maliano

Africa ExPress
14 luglio 2020

Karim Keïta, figlio del Capo di Stato maliano, Ibrahim Boubacar Keïta, ha rassegnato le dimissioni come presidente della commissione parlamentare Difesa. La notizia è stata resa pubblica ieri sera. Karim occupa questo incarico da tempo, ben prima delle contestate legislative dello scorso aprile e gli è stato riaffidato dopo la sua rielezione. Il giovane è stato eletto per la prima volta al Parlamento nel 2013. Continuerà a mantenere il suo seggio e resterà nella commissione come semplice membro.

Il giovane Keïta è stato fischiato ripetutamente insieme a altri durante le manifestazioni a Bamako, in particolare nell’ultima di venerdì scorso, sfociata in gravi disordini e scontri tra dimostranti e forze dell’ordine e della  sicurezza.

Karim Keita, deputato e figlio del presidente maliano

I manifestanti avevano usato poster con immagini di Karim che lo riprendono con amici in compagnia di donne in abiti succinti. Il figlio del presidente ha assicurato che viaggi e feste non sono stati a carico del contribuente.

Il rampollo di casa Keïta ha dichiarato che dall’inizio delle contestazioni il Movimento 5 giugno si è accanito contro di lui. Ma si dice convinto che le vere cause di questa rabbia va cercata altrove, è persuaso di essere vittima di un “delitto patronimico”.

Mali, manifestazioni nella capitale

Infatti, dalla creazione del Movimento 5 giugno, Karim è stato spesso criticato dai membri dell’organizzazione che chiedono con veemenza le dimissioni di suo padre e denunciano corruzione, cattiva governance, accaparramento del potere da parte di clan.

Ieri sera sono stati liberati militanti e leader del Movimento, arrestati lo scorso fine settimana, ma la situazione resta sempre tesa a Bamako, la capitale del Paese, teatro dei violenti scontri di questi giorni.

L’ex presidente nigeriano, Goodluck Jonathan è stato nominato inviato speciale di ECOWAS (Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentali) per agevolare il dialogo tra tutte le parti in causa: il presidente maliano, leader dell’opposizione, religiosi, esponenti della società civile.

Africa ExPress
@africexp

Terroristi in azione in Mali: scontri, agguati e bombe situazione sempre più difficile

Dura repressione in Mali: la condanna dell’ONU e dell’Unione Africana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here