Etiopia, unica democrazia parlamentare di tutta l’Africa, elegge un presidente donna

Loghino africa express 2Africa ExPress
Addis Ababa, 26 ottobre 2018

Sahle-Work Zewde è stata eletta presidente dell’Etiopia durante una sessione congiunta delle due Camere ed è attualmente l’unica donna ad occupare questa poltrona in Africa. Sahle-Work subentra a Mulatu Theshome, che ha rassegnato inaspettatamente le dimissioni mercoledì scorso. Era in carica dal 2013.

La nuova presidente ha un backround di tutto rispetto.  E’ nata sessantotto anni fa ad Addis Ababa, ha studiato in Francia. Parla perfettamente inglese, francese e, naturalmente l’amarico. E’ un diplomatico di carriera e fino a l’altro giorno ricopriva la carica di rappresentante del segretario generale delle Nazioni Unite presso l’Unione africana e, inoltre era il direttore generale degli uffici dell’ONU in Kenya. In precedenza è stata ambasciatore in Francia, Senegal e Gibuti.

Abiy Ahmed, primo ministro dell'Etiopia e Sahle-Work Zwede, neo-eletto presidente
Abiy Ahmed, primo ministro dell’Etiopia e Sahle-Work Zwede, neo-eletto presidente

Secondo la Costituzione etiopica, la carica del presidente è puramente onorifica; il potere esecutivo è affidato al primo ministro e al consiglio dei ministri.

La Costituzione della Repubblica Federale dell’Etiopia sancisce che il presidente è il capo dello Stato.
Le sue funzioni sono regolamentate dall’articolo 71 del massimo ordinamento giuridico dello Stato. Tra i suoi compiti è prevista l’apertura delle Camere per la loro sessione annuale; dietro consiglio del premier, nomina nuovi ambasciatori e altri funzionari all’estero, accoglie le credenziali dei rappresentanti stranieri nel Paese. Inoltre, sempre dietro indicazioni del capo del governo, consegna onorificenze militari e concede la grazia.

La presidente uscente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf con il direttore di Africa ExPress, Massimo Alberizzi
La presidente uscente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf con il direttore di Africa ExPress, Massimo Alberizzi

Sahle-Work è attualmente la sola donna ai vertici di uno Stato africano, ma non è la prima. Ameenah Gurib-Fakim è stata presidente della Repubblica di Mauritius, ma ha dovuto dimettersi la primavera scorsa perchè coinvolta in uno scandalo finanziario. Mentre la liberiana Ellen Johnson Sirleaf è stata la prima donna africana in assoluto ad essere stata eletta capo di Stato. Ha guidato la Liberia dal 2006 al 2018. Joyce Banda è stata nominata presidente del Malawi nel 2012, dopo l’improvvisa morte del suo predecessore Bingu wa Mutharika. E’ rimasta in carica per due anni.

Africa ExPress

Please follow and like us: