Percorsi satanici: l’Inferno di Dante è arrivato in città

L'incendio catastrofico ha ucciso almeno 74 persone nel vecchio quartiere centrale degli affari di Johannesburg. Erano migranti in cerca di una vita migliore corstetti a vivere ai margini della società da un destino crudele

0
1230

Speciale  per Senza Bavaglio
Angus Shaw
Harare, 5 settembre 2023

Tutte le autorità si incolpano a vicenda per l’incendio che ha ucciso almeno 74 persone nel vecchio quartiere centrale degli affari di Joburg. La maggior parte dei morti non sarà mai identificata dalle ceneri dei loro resti lasciati tra le rovine.

L’edificio, abbandonato e inagibile, era stato trasformato in un rifugio per i senzatetto e gli immigrati africani alla ricerca del sacro Graal della prosperità in un’economia più forte della loro.

Tuttavia, le condizioni dello squat (espressione gergale che indica  qualcuno che entra deliberatamente in una proprietà senza permesso e vi abita, ndr) erano deplorevoli. Divisori a maschera che creavano sovraffollamento e oscurità, cablaggi elettrici illegali dall’esterno, acqua portata a mano su per le scale, denaro destinato ai proprietari dei bassifondi.

Il palazzo bruciato a Johannesburg

Nel suo poema epico medievale, Dante descrive una vita ultraterrena all’inferno e quelle che chiama le sette terrazze del peccato – superbia, invidia, ira, accidia, avarizia, gola e lussuria – che ti portano lì.

Dall’esperienza dello Zimbabwe, i connazionali che si dirigono verso il Sud per l’emancipazione economica si danno alla criminalità quando il sogno svanisce. Molti non vengono mai più visti né sentiti dalle loro famiglie.

Gli zimbabwani tra le ceneri non identificate di Albert Street saranno rimpianti solo dalle famiglie che, per caso, sapevano dove erano finiti abusivamente.

Botticelli Il dipinto di Botticelli che raffigura le “terrazze del peccato” di Dante che conducono all’inferno

Le persone migrano verso sud perché i trafficanti gli promettono un lavoro, come cameriere o manovale. Ma poi si vedono negati i documenti di viaggio e sono costretti alla schiavitù moderna, al crimine o alla prostituzione, motivo sufficiente, per vergogna, per non rimanere in contatto con i propri cari. I fuggitivi economici più fortunati inviano denaro a casa in modo informale, tramite gli autisti degli autobus o i viaggiatori abituali che conoscono.

La promessa di una buona sorte è così allettante che i disperati fuggitivi, provenienti anche dalla Somalia, attraversano a nuoto il confine del fiume Limpopo, infestato da coccodrilli, per evitare le formalità. Una volta attraversato il fiume, i clandestini si infilano nel filo spinato e si sottopongono alla sfida delle pattuglie di frontiera con i cani da caccia.

L’erba è più verde dall’altra parte. O forse no? Nigeriani e ghanesi lavorano al mercato della droga e ai bordelli. Funziona così: Tieni, prendine un po’. Ti farà sentire meglio. Una settimana dopo l’anima è assuefatta. Da qui il crimine e la prostituzione per pagare di più.

Interpretazione dell’inferno dantesco del pittore olandese Hieronymus Bosch

L’inferno dantesco (si veda la visione di Hieronymus Bosch qui sopra) non ha ancora finito con i peccati di avidità e di crudeltà. Una prostituta racconta a un’associazione ecclesiastica che l’ha salvata di essere stata violentata in gruppo e lasciata morire in una strada secondaria dopo che il protettore nigeriano aveva pensato che avesse superato la data di scadenza e che usasse più droga di quanta ne avesse bisogno.

Il suo corpo spogliato e insanguinato, a pochi centimetri dalla morte, è stato trovato da un parroco la cui vocazione lo ha condotto nelle peggiori strade secondarie della disperazione, della sporcizia e dei detriti della vita.

Dante Alighieri ci aveva azzeccato. Tanti anni fa.

Angus Shaw
angusshaw@icloud.com
Twitter: @africexp

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Cosa è successo davvero con Wagner in Africa?

Previous articleNiger: via i soldati francesi, urlano i manifestanti davanti a basi militari a Niamey e nella zona delle 3 frontiere
Next articleI tentacoli del regime di Asmara arrivano in Israele: battaglia urbana tra agenti del regime e rifugiati
Angus Shaw
*Angus Shaw nato 1949 da coloni scozzesi nella Rhodesia, ad Harare, quando si chiamava Salisbury, ha ottenuto risultati accademici modesti e, rimasto orfano in tenera età, è andato a scuola in Inghilterra ma non ha proseguito gli studi avendo bisogno di lavoro e di reddito. Viaggiando in autostop in Europa come studente dell'Africa meridionale, ha sentito per la prima volta l'odore dei gas lacrimogeni durante la rivolta studentesca del 1968 a Parigi, la prima di molte altre esperienze come reporter in Africa nei 50 anni successivi. E' entrato a far parte del Rhodesia Herald nel 1972. Nel 1975 è stato arruolato nelle forze di sicurezza rhodesiane, ma ha disertato per fare un reportage sugli esuli nazionalisti a Lusaka e Dar es Salaam. In questo periodo ha coperto una dozzina di Paesi africani, principalmente per l'agenzia di stampa statunitense Associated Press dal 1987 fino alla pensione. Nel febbraio 2005 è stato incarcerato per aver fatto un reportage su Robert Mugabe durante il declino dello Zimbabwe. È autore di tre libri: The Rise and Fall of Idi Amin, 1979, Kandaya, 1993, una cronaca del servizio di leva nella guerra per l'indipendenza dello Zimbabwe e Mutoko Madness, 2013, un memoire africano. È stato insignito del prestigioso premio Gramlin per la stampa statunitense. Angus Shaw vive ad Harare. + + + + + + + + + + + + + + + + + + *Angus Shaw born 1949 to Scottish settlers in Rhodesia, Harare, when he was called Salisbury, achieved modest academic results and, orphaned at an early age, went to school in England but did not continue his studies as he needed work and income. Hitchhiking through Europe as a student from southern Africa, he first smelled tear gas during the 1968 student uprising in Paris, the first of many more experiences as a reporter in Africa over the next 50 years. He joined the Rhodesian Herald in 1972. In 1975 he was drafted into the Rhodesian security forces, but deserted to report on nationalist exiles in Lusaka and Dar es Salaam. During this time he covered a dozen African countries, mainly for the US Associated Press news agency from 1987 until his retirement. In February 2005 he was jailed for reporting on Robert Mugabe during Zimbabwe's decline. He is the author of three books: The Rise and Fall of Idi Amin, 1979, Kandaya, 1993, a chronicle of conscription in Zimbabwe's war for independence, and Mutoko Madness, 2013, an African memoir. He is a recipient of the prestigious Gramlin Prize for the US Press. Angus Shaw lives in Harare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here