Corruzione in Kenya primo scoop di WikiLeaks: rivelò il furto di denaro pubblico dell’ex presidente Moi

Il giornalista ha raccontato una guerra multimilionaria, costellata di corruzione, di aziende occidentali e cinesi per accaparrarsi l’uranio in Centrafrica

0
1249

Speciale per Africa ExPress e per Senza Bavaglio e per LEFT
Cornelia Isabel Toelgyes
20 ottobre 2022

“E’ impossibile correggere gli abusi se non sappiamo di averli davanti”. (Julian Assange)

Il giornalista australiano e la sua organizzazione ce li ha forniti. Rivelazioni che hanno innescato la furia delle autorità americane, ma in realtà nessun governo al mondo ama Assange e la sua creatura WikiLeaks.

Nell’agosto 2007 il Kenya ha aiutato WikiLeaks a realizzare il suo primo grande scoop. Riguardava Daniel Toroitich arap Moi, Presidente del Kenya dal 1978 al 2002. A incriminare il politico keniota è stato un dettagliato rapporto redatto dalla società britannica di investigazioni aziendali Kroll & Associates e destinato a John Githongo, giornalista keniota, al quale Mwai Kibaki, successore di Moi, aveva affidato il compito di investigare sulla corruzione nel Paese.

Nel report era evidenziato come l’ex presidente e almeno due dei suoi figli si erano appropriati di centinaia di milioni di dollari appartenenti al governo al fine di trasferirli all’estero.

Quel denaro sarebbe poi stati investito nell’acquisto di una banca in Belgio, di un ranch in Australia e di immobili costosi in varie città del mondo, tra cui New York e Londra.

Il rapporto non è mai stato reso pubblico in Kenya.

Julian Assange

Assange aveva poi consegnato il fascicolo al Guardian, che, il 31 agosto 2007, aveva pubblicato la squallida storia ripresa dai media di tutto il mondo. Si ritiene che il documento sia stato inviato ad Assange da un alto funzionario governativo contrariato dall’incapacità di Kibaki di affrontare la corruzione e, alla fine, dalla sua alleanza con Moi.

Il rapporto aveva scatenato un putiferio in Kenya e messo in luce l’impunità della quale godono i funzionari che svuotano le casse dello Stato. Ironia della sorte, poco dopo l’avvio dell’indagine Kroll, l’amministrazione di Kibaki è stata scossa da una propria truffa multimilionaria che prevedeva l’assegnazione di contratti governativi a imprese fasulle.

Vale la pena ricordare anche lo scandalo dello sfruttamento delle miniere da parte di società occidentali e cinesi, pubblicato su Wikileaks

Il gruppo Areva S.A., multinazionale francese specializzato in energia nucleare ed energie rinnovabili (ora ha cambiato nome, Orano) è stata messa sul banco degli imputati da Wikileaks (febbraio 2016).

I cablo pubblicati da Assange hanno raccontato una guerra multimilionaria, costellata di corruzione, di aziende occidentali e cinesi per accaparrarsi l’uranio e altri diritti minerari in Centrafrica. WikiLeaks ha spiegato come gli attori del conflitto avevano cercato di evitare i costi di bonifica dei territori.

Tra le centinaia di pagine di questa pubblicazione ci sono mappe dettagliate di diritti e contratti minerari, tangenti e rapporti investigativi segreti.

Dopo un proficuo sfruttamento delle risorse, aziende come Areva, hanno abbandonato il Paese, lasciando dietro di sé una contaminazione nucleare senza aver avviato nessuno degli investimenti di bonifica promessi.

Il giornalismo africano ha certamente goduto delle rivelazioni fatte da Assange e i suoi collaboratori. Purtroppo molti giornalisti che hanno tentato di portare alla luce i soprusi dei loro governi, sono stati perseguitati, messi a tacere.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

 

Kenya: morto all’età di 95 anni l’ex presidente Daniel Arap Moi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here