Afghanistan: tutta colpa di Biden… E le bugie NATO e Italia?

0
516
Joe Biden, presidente degli Stati Uniti d'America

Speciale per Africa ExPress
Antonio Mazzeo
23 agosto 2021

No, non mi piace proprio il facile tiro al bersaglio contro il presidente Joe Biden, ritenuto da tutti i commentatori internazionali e dagli uomini di governo dei Paesi NATO, l’unico (ir)responsabile della disfatta occidentale in Afghanistan. Mi sembra infatti che in ambito alleato, vertici militari in testa, abbiano trovato il capro espiatorio su cui focalizzare lo sconcerto generale per la ingloriosa fuga dal teatro afgano e la rioccupazione talebana.

Joe Biden, presidente degli Stati Uniti d’America

Un utile idiota (sono “utili” alla narrazione comune le sue stesse idiote dichiarazioni pubbliche per giustificare la debacle USA) che consentono di occultare le altrettanto gravissime (ir)responsabilità dell’Alleanza Atlantica che esce del tutto sconfitta dalla ventennale disavventura in Medio Oriente ben più dell’amministrazione Biden.

Sostegno al Pentagono

Anche se pochi, molto pochi, lo vogliono ricordare, è la NATO che ha gestito in prima persona le missioni di “esportazione della democrazia” e “pacificazione” dell’Afghanistan.

Sono stati gli alleati NATO ad assicurare il pieno sostegno al Pentagono in tutte le operazioni di guerra (anche con l’ausilio dei famigerati droni), mettendogli a disposizione le maggiori installazioni militari in Europa (Ramstein in Germania, Moròn e Rota in Spagna, Aviano e Sigonella in Italia), le stesse oggi utilizzate per “l’ospitalità transitoria” dei cittadini afgani evacuati dalle forze armate statunitensi con la neo-operazione Allies refugee, avviata senza alcun confronto con le organizzazioni internazionali preposte alla protezione dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Una riunione della NATO

Ed è stato in abito NATO che è stata decisa unanimemente la disastrosa exit strategy dal conflitto afgano, oggi ipocritamente attribuita solo a Washington.

Le prove più evidenti delle gravi responsabilità e della totale incapacità del Comando generale della North Atlantic Treaty Organisazion a interpretare politicamente e militarmente quanto stava accadendo in queste settimane nel Paese sono contenute nei suoi più recenti documenti pubblici.

Ore 16.33 del 3 agosto 2021. Da Bruxelles viene emessa una nota stampa che annuncia che “la NATO sta aumentando le consegne di equipaggiamento militare all’Afghanistan mentre l’Alleanza ritira le sue forze dal Paese”. “Quest’anno – prosegue la nota – la NATO ha già donato beni e attrezzature del valore di circa 72 milioni di dollari alle Forze militari nazionali e di sicurezza dell’Afghanistan; esse vanno dalle forniture mediche ai simulatori da combattimento high-tech, alle apparecchiature ospedaliere per i raggi X e a quelle utilizzate per disinnescare le bombe, ai camion antincendio e ai giubbotti antiproiettili”.

Ultima consegna di armi il 2 agosto

L’ultima consegna di materiali alle forze armate afgane, aggiunge il Comando NATO, è stata effettuata il 2 agosto 2021, cioè 13 giorni prima dalla resa di Kabul.

“L’equipaggiamento è stato finanziato grazie all’Afghan National Army Trust Fund predisposto dalla NATO”, si legge ancora nel comunicato. “Al maggio 2021, il totale dei contribuiti elargiti con il Trust Fund a partire del 2007 ammonta a circa 3,5 miliardi di dollari, dei quali 440 milioni corrispondono a beni e attrezzature”.

Tragicamente patetici, specie alla luce di quanto accaduto in queste ultime due settimane, i commenti finali della nota NATO del 3 agosto: “La situazione della sicurezza in Afghanistan resta profondamente impegnativa, così questi beni arrivano in un momento importante – spiega il portavoce della NATO, Dylan White -. Mentre ritiriamo le nostre forze dal Paese, continueremo a sostenere l’Afghanistan, anche con l’equipaggiamento necessario ad aiutare nel miglior modo le forze armate afghane alla propria difesa, ha aggiunto Dylan White.

Il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha ribadito la continuazione del sostegno dell’Alleanza a favore dell’Afghanistan nel corso di un colloquio telefonico con il Presidente Ashraf Ghani lo scorso 27 luglio, spiegando che esso includerà finanziamenti, la presenza di civili e l’addestramento fuori dal paese”. Come dire che nel quartier generale interalleato di Mons e a Kabul – perlomeno sino alla fine di luglio – nessuno aveva la pur minima accortezza di quanto stesse accadendo in Afghanistan.

Non fanno certamente una migliore figura l’Italia e il suo ministro della difesa Lorenzo Guerini (Pd). Quest’ultimo, il 24 giugno 2021, aveva presentato in Senato un report ultratranquillizzante sulla conclusione della missione italiana in Afghanistan.

Guerini a Herat

Utile ripercorrerne alcuni passaggi chiave. Guerini aveva effettuato un paio di settimane prima una visita a Herat, sede del comando d’area NATO a guida italiana, per presenziare all’ammaina bandiera e all’avvio del ritiro del contingente nazionale. “La decisione di concludere la Resolute Support Mission, assunta dal Consiglio Atlantico a Bruxelles lo scorso 15 aprile, non è stata di certo facile, ma ora l’impegno prioritario è garantire il rientro ordinato e sicuro del nostro contingente in patria”, spiegava il ministro.

“Le operazioni stanno procedendo secondo i piani stabiliti, con il rientro del personale e l’afflusso dei materiali dall’Afghanistan verso l’Italia – aggiungeva Guerini -. Insieme agli alleati ci siamo posti anche l’obiettivo di continuare a supportare le istituzioni repubblicane e il popolo afgano, nelle forme e nelle modalità che saranno definite sia in ambito NATO che in una possibile dimensione bilaterale. L’obiettivo dell’impegno alleato nel post-missione sarà quello di preservare al meglio quanto sino a ora conseguito, continuando a contribuire allo sviluppo delle istituzione afgane di difesa e sicurezza affinché il Paese non diventi nuovamente un paradiso sicuro per il terrorismo”.

Tre le componenti elencate da Lorenzo Guerini che avrebbero dovuto caratterizzare il “nuovo concetto di supporto dell’Afghanistan” da parte NATO: la costituzione dell’Ufficio del Rappresentante Civile NATO (incarico assegnato all’Ambasciatore italiano Stefano Pontecorvo); il “sostegno alla funzionalità dell’ospedale e dell’aeroporto di Kabul, la cui sicurezza è prerequisito essenziale per mantenere la presenza della componente diplomatica”; la “formazione, intesa come addestramento e sviluppo capacitivo, fuori dal Paese delle Forze afgane di difesa e sicurezza, con particolare attenzione alle forze speciali, che si sono dimostrate fondamentali per il contrasto ai Talebani e alle formazioni terroristiche”.

I talebani pattugliano le vie di Kabul, Afghanistan

 

“Siamo di fronte a una fase nuova, in cui tutti gli alleati, anche se con diverse sfumature, stanno dando segnali convergenti circa la volontà di proseguire il loro impegno, con modalità coerenti con il nuovo scenario”, aggiungeva Lorenzo Guerini in Senato.

“Essenziale, da parte dei paesi framework NATO, focalizzare l’azione sul piano politico–diplomatico e della cooperazione civile, per sostenere il governo repubblicano e la popolazione afgana. Spetta invece alla forze di sicurezza locali – alle quali era rivolto l’addestramento, la  consulenza e l’assistenza della RSM – il compito di prendere in mano la sicurezza del Paese. Si tratta di 186 mila militari e di 121 mila appartenenti alle forze di sicurezza del Ministero dell’Interno, che sono stati, in larga parte, addestrati ed equipaggiati dalle forze NATO e che, già in questi momenti, stanno mettendo a frutto efficacemente ciò che hanno appreso”.

Freddo cinismo

“Le missioni iniziano, si sviluppano, si adattano al mutamento degli scenari e – l’Afghanistan ne è stata una plastica dimostrazione -, si concludono o, meglio, come in questo caso, evolvono, individuando forme diverse di supporto”, spiegava in fine il ministro italiano con freddo cinismo.

“E’ però essenziale che l’impegno della Comunità Internazionale e il suo focus sull’Afghanistan non vengano mai meno e, oggi in particolare, si concentrino sulla necessità di riprendere i negoziati di pace intra-afgani”.

A oggi, nessuna forza politica e nessun parlamentare ha sentito il dovere di chiedere a Lorenzo Guerini e al governo Draghi una spiegazione per queste false e ipocrite dichiarazioni. Meglio sparare su Joe Biden e così ci salviamo la faccia tutti, ma soprattutto salviamo la faccia e il futuro della NATO…

Antonio Mazzeo
amazzeo61@gmail.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here