Camerun: esplode nel silenzio generale la violenza nelle zone anglofone

Speciale Per Africa ExPress
Cornelia I. Toelgyes
21 giugno 2021

Le poche notizie che giungono dalla due regioni anglofone (Nord-Ovest e Sud-Ovest) del Camerun sembrano dei veri e proprio bollettini da guerra.

In meno di una settimana sono stati uccisi almeno 10 militari dell’esercito di Yaoundé nelle due regioni. Secondo il governo, i soldati sarebbero morti in diversi attacchi perpetrati dai separatisti anglofoni dell’AMF, Ambazonian Military Force.

E venerdì scorso, 6 funzionari del governo sono stati fermati nel villaggio di Massolè, nella regione del Sud-Ovest. Uno di loro è stato ucciso, come è stato confermato da Lawrence Nwafua, prefetto di Ndian, mentre altri 5 sono stati presi in ostaggio dai secessionisti.

Il conflitto nelle due zone anglofone del Camerun inizia alla fine del 2016, dopo la decisione del presidente-dittatore Paul Biya di voler spostare gli insegnanti francofoni nelle scuole anglofone. Da allora ci sono continui scontri tra ribelli indipendentisti e l’esercito regolare. I separatisti, che vorrebbero trasformare le due regioni in uno Stato autonomo chiamato “Ambazonia”, denunciano da anni la loro marginalizzazione da parte del governo centrale e della maggioranza francofona.

Miliziano armati dell’AMF posano per una foto durante una perlustrazione della giungla nel sud-ovest del Camerun (foto Courtesy FP Insider)

Solamente in 2 delle 10 province del Camerun si parla inglese. All’inizio del ‘900 il Paese era una colonia tedesca. Dopo la prima guerra mondiale nel 1919, è stata divisa tra Francia e Gran Bretagna, secondo il mandato della Lega delle Nazioni. La parte francese, molto più ampia, aveva come capitale Yaoundé, mentre quella inglese era stata annessa alla Nigeria, si estendeva fino al Lago Ciad e aveva per capitale Lagos. Gli inglesi erano poco presenti in questa regione, la loro attenzione era concentrata sui territori dell’attuale Nigeria.

Il conflitto ha causato 3.500 vittime, oltre 775.000 hanno lasciato le loro case (712.000 sono sfollati, altri 66.000 hanno chiesto asilo nella vicina Nigeria). Secondo OCHA (acronimo inglese per Office for the Coordination of Humanitarian Affairs), attualmente 1,6 milioni di persone necessitano assistenza umanitaria urgente.

Apah Julet, che è stata ferita dai soldati militari del Camerun nel 2016, Ha una grande cicatrice sulla gamba sinistra e piange assieme ad altre donne del suo villaggio di Bombe, che hanno perso mariti, figli e fratelli il 12 febbraio. Tengono in mano le loro foto e protestano per avere giustizia. (Courtesy FP Insider)

Le autorità di Washington sono seriamente preoccupate per il prolungarsi del conflitto interno in Camerun e per questo motivo il segretario di Stato, Antony Blinken, all’inizio del mese ha annunciato restrizioni di visto per le persone direttamente coinvolte, senza specificare nomi e cognomi.

Paul Biya, dittatore del Camerun

Blinken ha chiesto a entrambe le parti – governo e secessionisti – di continuare i negoziati per una risoluzione pacifica e il rispetto per i diritti umani. Sia i separatisti che i militari sono accusati di gravi reati e violenze nelle due province.

I dialoghi di pace, lanciati nel 2019 da Paul Biya, 88enne presidente, al potere dal 1986, non hanno portato i risultati previsti e la ricostruzione delle regioni, promessa dal capo di Stato a fine 2019 avanzano lentamente, non solo a causa della pandemia.

Un prigioniero di guerra nasconde il suo viso in una cella di fortuna nel villaggio di Aqua. È accusato di essere un informatore del governo del Camerun. (Courtesy FP Insider)

A fine maggio il primo ministro, Joseph Dion Ngute, ha incontrato il direttore generale dell’ African Development Bank (AfDB), Serge N’Guessan, che ha promesso di aiutare il Paese nell’attuare riforme e progetti di sviluppo nelle aree toccate dal conflitto.

Cornelia I. Toelgyes
corneliacit@hotmail.it
@cotoelgyes
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accuse ai militari: omicidi extragiudiziali nelle zone anglofone del Camerun

Camerun: comincia il Dialogo Nazionale e Biya libera i prigionieri anglofoni

Nella morsa di Boko Haram e secessionisti in Camerun resistono antiche tradizioni

Giornalista, vicedirettore di Africa Express, ha vissuti in diversi Paesi africani tra cui Nigeria, Angola, Etiopia, Kenya. Cresciuta in Svizzera, parla correntemente oltre all'italiano, inglese, francese e tedesco.