Il viaggio di Afworki in Etiopia ignora le violazioni dei diritti umani in Eritrea

Dal Nostro Corrispondente
Saba Makeda
Da qualche parte in Eritrea, 22 ottobre 2020

Dal 12 al 15 ottobre 2020, il presidente Isaias Afworki è stato in visita ufficiale in Etiopia. Yemane Gebremeskel, ministro dell’Informazione eritreo, ha annunciato il viaggio del Presidente il 12 ottobre come visita di lavoro per consultare e discutere “…i legami bilaterali e il consolidamento della cooperazione regionale”. Yemane Twitted: “Il Presidente Isaias Afworki e la sua delegazione sono stati accolti calorosamente dal Primo Ministro Abiy Ahmed all’arrivo all’aeroporto Jimma Abajifar, all’inizio della giornata”.

Questo viaggio eritreo segue il viaggio del Primo Ministro etiopico Abiy Ahmed in Eritrea nel mese di luglio, quando il Primo Ministro ha visitato il campo di addestramento militare SAWA dell’Eritrea. La presenza di Abiy a Sawa la normalizza come struttura militare. Tale normalizzazione della SAWA è deplorevole; essa ignora il suo ruolo nel perpetrare le violazioni dei diritti umani e nel rafforzare l’incessante servizio nazionale, entrambi motivi critici per la fuga dei giovani eritrei.

Abiy Ahmed, primo ministro etiope, durante la sua recente visita a Sawa, campo militare eritreo

Durante i tre giorni, il presidente Isaias Afworki ha visitato una piantagione di caffè e l’Università di Jimma, la Grande Diga del Rinascimento etiope (GERD)iv; la centrale idroelettrica Gibe-III (sul fiume Omo), l’Ethio-Engineering Group, l’Ethio-Engineering Group, l’Ethiopian Air Force e il Parco naturale di Entototo appena inaugurato.

Questa visita, come tutte le precedenti visite tra i due leader, si distingue per il fatto che né il popolo eritreo né quello etiope hanno idea di quali “questioni bilaterali e regionali” i due leader stiano discutendo o risolvendo.

Gli eritrei sono sconcertati e disgustati per il trattamento regale e ossequioso che il premier Abiy riserva al presidente Isaias ogni volta che si trova in Etiopia. Essi sottolineano anche che, dal 2018, Isaias ha inaugurato più progetti e visitato più università in Etiopia di quante ne abbia visitate in ventinove anni in Eritrea. Come il presidente Isaias ammira le capacità dell’aviazione etiope, ricordiamo che il brigadiere generale Habtemariam, l’uomo responsabile della ricostruzione dell’aviazione eritrea da zero, è in prigione da quindici anni. E come per tanti prigionieri, non si sa dove si trovi il generale di brigata Habtemariam.

Come eritrei, la diplomazia della navetta del governo eritreo, facilitata dagli Emirati Arabi Uniti che hanno fornito al governo un Boing 737ix, è motivo di preoccupazione e di ulteriore sconcerto. Sebbene il Governo abbia accesso a un aereo, non ha fatto alcuno sforzo per evacuare i cittadini eritrei bloccati in Etiopia a causa del COVID 19. Non vi è alcuna notizia che il Presidente Isaias abbia incontrato tali cittadini in Etiopia. Secondo le informazioni di Addis Abeba, gli eritrei che desiderano rimpatriare sono tenuti a registrarsi presso l’ambasciata eritrea e a pagare 300 dollari. Sono inoltre tenuti a pagare per i quattordici giorni di quarantena all’arrivo in Eritrea. Poiché molti cittadini eritrei non possono permettersi i costi, ora stanno chiedendo l’elemosina per le strade di Addis Abeba.

Isaias Afewerki, presidente dell’Eritrea e Abiy Ahmed, primo ministro dell’Etiopia

 

Gli etiopi sono altrettanto disorientati, disgustati e sconcertati per il comportamento e il rapporto del presidente Isais e del loro primo ministro Abiy Ahmed. Sono anche sconcertati dalla totale mancanza di progressi e di trasparenza del processo di pace tra Etiopia ed Eritrea. I media e gli analisti dei media etiopi, come gli eritrei, si chiedono quale sia lo scopo dei viaggi multipli del presidente Isaias in Etiopia. I colleghi dei media in Etiopia (Abbay Media; Ethio360media) chiedono perché una persona che non può gestire il proprio Paese, che ha chiuso l’Università di Asmara, si reca in Etiopia per visitare università e parchi industriali. Ricordano che il presidente Isaias ha trasformato l’Eritrea in una prigione e in una terra di anziani da cui i giovani stanno fuggendo.

I giornalisti e i commentatori dei media etiopici descrivono la performance dei due leader come un atto a beneficio delle telecamere. Eppure, alla fine, non c’è alcun miglioramento nella vita del popolo etiope ed eritreo. Il confine tra Eritrea ed Etiopia rimane chiuso e le due persone non possono lavorare e muoversi liberamente tra i rispettivi Paesi. E l’Etiopia continua ad ospitare i rifugiati eritrei. Gli etiopi, come gli eritrei, non vedono che il processo di pace tra Etiopia ed Eritrea abbia portato loro un beneficio.

I rapporti tra il primo ministro etiopico e il presidente eritreo vengono interpretati sulla base del fatto che sia Abiy Ahmed che Isaias Afworki sono leader non eletti dei rispettivi Paesi il cui nemico comune è il Fronte di liberazione del popolo tigrato (Tigray People Liberation Front – TPLF).

Abiy Ahmed è diventato Primo Ministro dell’Etiopia il 2 aprile 2018, a seguito di una gara di leadership all’interno del Fronte democratico rivoluzionario popolare etiope (EPRDF). La Camera dei rappresentanti ha confermato la sua posizione in vista delle elezioni generali dell’agosto 2020. Alla fine del 2019, il Primo Ministro ha trasformato l’EPRDF nel Prosperity Party. Questa trasformazione è causa di tensione tra il Primo Ministro e i fondatori dell’EPRDF , tra cui il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (Tigray People’s Liberation Front – TPLF). La tensione tra Addis Abeba e Mekelle si è ulteriormente acuita quando le elezioni generali di agosto sono state rinviate al 2021. Dal 2018 il governo eritreo ha adottato una linea sempre più dura contro il Tigray e la TPLF. Essa identifica la TPLF come uno scoglio critico per la pace tra l’Eritrea e l’Etiopia. Il popolo etiope non ha eletto Abiy Ahmed. In Eritrea, Isaias Afworki è al potere da ventinove anni e il Paese non ha avuto elezioni generali.

Infine, dall’accordo di pace del 2018, i leader di Etiopia ed Eritrea si sono incontrati frequentemente. Ma l’accordo di pace non sta progredendo, la legittimità del premier Abiy e del presidente Isaias è sempre più messa in discussione. E, né gli eritrei né gli etiopi hanno idea di cosa stiano discutendo i loro leader.

Makeda Saba
makedasaba@ymail.com

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: