Silvia Romano: vertice a Roma con i kenioti che conservano la direzione delle indagini - Africa Express: notizie dal continente dimenticato cialis utilizzo kamagra india cialis indicazioni priligy opinioni levitra naturale levitra recensioni

Silvia Romano: vertice a Roma con i kenioti che conservano la direzione delle indagini

Speciale per Africa ExPress e Il Fatto Quotidiano
Massimo A. Alberizzi e Saul Caia
13 luglio 2019

E’ durato tre giorni il vertice straordinario alla procura di Roma sulle indagini per il rapimento di Silvia Romano, la ragazza milanese sequestrata da un commando di cinque persone la sera del 20 novembre dell’anno scorso a Chakama, un villaggio a un’ottantina di chilometri da Malindi. Presenti agli incontri non solo gli inquirenti italiani, il gruppo antiterrorismo dei carabinieri del  ROS, ma anche investigatori kenioti, giunti dal Paese africano che da qualche giorno è collegato all’Italia da un volo diretto Nairobi-Roma.

Inoltre il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, il procuratore generale di Roma, Giovanni Salvi, e il sostituto Sergio Colaiocco titolare delle indagini. Per il Kenya, tra gli altri, il procuratore generale Noordin Mohamed Haji. Durante gli incontri si è parlato di Silvia Romano e di uno scandalo che sta emergendo in Kenya sulle supposte tangenti pagate per costruire tre dighe dalla CMC, ditta di Ravenna.

Alfred Scott e Silvia Romano fotografati a Mombasa

Su Silvia Romano si è deciso qualcosa di sorprendente: i ROS torneranno in Kenya, ma l’impianto investigativo resterà nelle mani degli inquirenti locali. Speriamo che finalmente i carabinieri ottengano il permesso di indagare anche sulla costa e non siano costretti a restare solo a Nairobi, come è successo in marzo.

Il reato che viene ipotizzato finora è quello di terrorismo anche se fonti che vogliono restare anonime, parlano dell’esistenza di “altre ipotesi investigative”.

Dallo scambio di informazioni tra gli inquirenti è emerso che la ragazza il giorno di Natale è stata vista, ancora nelle mani dei rapitori, da due cittadini kenioti arrestati il giorno dopo. Probabilmente due degli esecutori materiali del sequestro. Secondo il loro racconto era poi stata ceduta ad un’altra banda criminale. Francamente suona piuttosto curioso che questa  notizia, ormai vecchia di quasi otto mesi venga comunicata soltanto ora.

Durante gli incontri tra i due gruppi di inquirenti sono state ricostruite le fasi del sequestro (ancora, occorre ribadirlo, perché otto mesi dopo?). Una descrizione che però non collima con quella tratteggiata da Africa ExPress e dal Fatto Quotidiano in base a testimonianze raccolte in Kenya. A Roma hanno raccontato che i rapitori (otto, ma a noi risultano cinque) erano armati di mitra e sono scappati in moto. In Africa hanno parlato solo di pistole e di una granata fatta esplodere più per spaventare che per uccidere e che la fuga è avvenuta portando la ragazza in spalla nella savana e le moto erano al di là di un fiume distante poco meno di un chilometro.

La casa dove è stata rapita Silvia Romano

Tra gli arrestati (tre come risulta dalle testimonianze raccolte da AfricaExPress e del Fatto Quotidiano) spunta fuori il nome di Moses Luali Chende, un giovane dal passato turbolento come contrabbandiere, noto per il suo carattere irascibile e aggressivo, di etnia giriama e proveniente dal villaggio di Kwamwanza, nel comprensorio di Chakama.

Moses è marito di Elizabeth Kasena, residente proprio vicino alla casa di Africa Milele (la onlus per cui lavora Silvia), anche lei arrestata e poi rilasciata su cauzione. Elisabeth fa la cameriera in un bar dove l’italiana andava tutti i giorni a fare colazione. E Moses è imparentato con Ronald, il ragazzo che si è preso una forte bastonata durante l’aggressione e il rapimento di Silvia.  Se dapprima si pensava che Moses avesse solo aiutato i rapitori, dagli elenchi delle presenze alla guest house Togo di Chakama, emerge che la notte del 13 novembre insieme a Said Adhan Abdi, identificato come il capo della banda, il ragazzo ha dormito lì. Inoltre è autista di bodaboda, cioè mototaxi, e avrebbe trasportato il giorno successivo a Malindi Said e infine il 20 novembre avrebbe partecipato al rapimento. Perché Moses è a piede libero? Comunque è atteso a giudizio in tribunale per il processo che comincia il 29 luglio.

Il registro delle guesthouse Togo a Chakama mostra che Moses Luali Chende e Said Adhan Abdi hanno dormito lo stesso giorno (foto in esclusiva di Africa ExPress)

Durante gli incontri a Roma, i kenioti hanno chiesto agli italiani informazioni su uno scandalo scoppiato in Kenya e che riguarda una società italiana sospettata di corruzione, la CMC, incaricata di costruire tre dighe: a Kimwarer, a Arror, nella contea di Elgeyo Marakwet, e a Itare, nella contea di Nakuru. Un business di 870 milioni di euro. I cantieri della CMC in Kenya sono stati chiusi e i suoi beni messi sotto sequestro.

Massimo A. Alberizzi e Saul Caia
massimo.alberizzigmail.com
twitter @malberizzi

 

Dal Nostro Archivio l’Inchiesta sul Rapimento di Silvia Romano

Silvia Romano, Africa ExPress lancia una raccolta fondi per indagare

 

Silvia aveva denunciato molestatori pedofili, forse rapita per vendetta

Alla ricerca di Adan, il “quarto uomo” che ideò il sequestro di Silvia Romano

Prima le chat cancellate, poi il telefono di Silvia Romano sparisce

Silvia Romano le nuove indagini e i messaggi alle sue amiche

Those are the Translations of the Articles

Silvia had Reported Pedophile Molesters, perhaps Kidnapped for Revenge

In search of Adan, the “fourth man” who conceived the seizure of Silvia Romano

First the chats canceled, then Silvia Romano’s phone disappears

 

Corrispondente dall'Africa, dove ho visitato quasi tutti i Paesi