Tanzania: il presidente vuole limitare l’uso dei contraccettivi per far crescere la popolazione

Loghino africa express 2Africa ExPress
Dodoma, 12 settembre 2018

E’ finita in Tanzania l’era dei contraccettivi. Un appello che potrebbe portare al loro divieto di vendita nel Paese, è stato lanciato del presidente John Magufuli a tutte le donne in età fertile: “Basta con il controllo delle nascite, la popolazione deve crescere”.

John Magufuli, presidente della Tanzania
John Magufuli, presidente della Tanzania

E’ vero che la popolazione di questo ex protettorato britannico è cresciuta solo di dieci milioni dall’indipendenza ottenuta nel 1961 e oggi conta cinquantatré milioni di abitanti, ma non si deve dimenticare il costante allarme delle Nazioni Unite, che prevede un incremento delle nascite nell’intero continente che potrebbe raggiungere 2,5 miliardi di persone entro il 2050. Una bomba democrafica, difficile da sostenere se l’economia non riuscirà a sollevarsi per creare nuovi posti di lavoro per i giovani.

contraccettivi

Magafuli ha criticato l’Europa, dove, grazie al controllo delle nascite, la popolazione non cresce e dove ora manca la forza lavoro. “Dunque, bisogna riprodursi e smettete di utilizzare i contraccettivi”. Infine ha aggiunto: “Le famiglie non vogliono più sacrificarsi per sfamare una famiglia numerosa, per questo si limitano a uno o due figli”.

Forse il presidente ha dimenticato che nel suo Paese le studentesse incinte vengono espulse dalle scuole e spesso mai più riamesse, proprio per poter esercitare un maggiore controllo demografico. Un quarto delle ragazze tra quindici e diciannove anni sono rimaste incinte o hanno già partorito un bimbo. La risposta del governo è dura e senza appello: espulsione dalle scuole pubbliche. Dunque dovrà essere rivista anche questa legge, almeno si spera.

Cecil Mwambe, parlamentare all’opposizione, ha fortemente criticato il presidente, sottolineando che il suo appello è contrario alle leggi sanitarie vigenti. Il giorno dopo l’invito fatto alle donne dal leader del Paese, il presidente del Parlamento, Job Ndugai, ha tassativamente vietato l’uso di unghie e ciglia finte durante le sedute dell’Assemblea legislativa, giustificando la normativa come “precauzione per la salute”. Con il nuovo regolamento le deputate non potranno più indossare minigonne e jeans.

Africa ExPress
@africexp

Dal Nostro Archivio:

In Tanzania decine di studentesse incinte. E sono costrette a lasciare gli studi

Please follow and like us: