Senegal: la vittoria di Bassirou Diomaye Faye scuote la regione

In carcere fino a dieci giorni prima del voto, un outsider politico è stato eletto presidente al primo scrutinio

0
1047

Africa ExPress ha un accordo con Africa Confidential,
prestigiosa rivista edita a Londra dal 1960, e con il suo direttore
Patrick Smith e pubblica di tanto in tanto i suoi articoli.

EDITORIALE
Africa Confidential
Dakar, 1° aprile 2024

L’articolo originale si trova qui:
https://www.africa-confidential.com/article/id/14900/Faye%27s_victory_shakes_up_the_region

Mentre arrivavano i risultati dettagliati da tutto il Paese, Amadou Ba, ex primo ministro e portabandiera dell’alleanza di governo Benno Bokk Yaakaar (BBY), poteva trarre una sola conclusione. Nel pomeriggio del 25 marzo, a meno di 24 ore dalla chiusura delle urne, era chiaro che era stato decisamente sconfitto da Bassirou Diomaye Faye dell’opposizione radicale Patriotes africains du Sénégal pour le travail, l’éthique et la fraternité (Pastef).

Si tratta in ogni caso di un terremoto politico. Un uomo che è stato in carcere fino a 10 giorni prima del voto e che non aveva mai ottenuto una carica elettiva, non riuscendo nemmeno a conquistare un seggio nel consiglio comunale della sua regione due anni prima, è stato eletto capo di Stato con il 53,91% al primo scrutinio.

Il risultato si farà sentire in tutta l’Africa occidentale e nelle nazioni francofone del continente. Il disincanto nei confronti della vecchia classe politica si è fatto sentire, e i putsch militari saheliani hanno sfruttato queste frustrazioni.

Ora i senegalesi hanno dimostrato che i cittadini possono usare le urne per rimuovere un’amministrazione screditata. Lo hanno fatto in un processo pacifico e trasparente, protetto dalla legge e dalle istituzioni statali. Questo potrebbe dare una spinta alla politica: come le elezioni si può cambiare.

Giubilo dei senegalesi in piazza

Ciò è inquietante per le giunte militari di Mali, Burkina Faso, Niger, Guinea e Gabon. Dovrebbe anche preoccupare i governanti civili che hanno manipolato le regole elettorali e costituzionali per emarginare o escludere gli oppositori, rafforzando la loro presa sul potere.

Il Senegal è un Paese influente. Queste elezioni potrebbero aiutare la Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale (Ecowas), che sta lottando per ripristinare la fiducia nella politica costituzionale multipartitica e contrastare la deriva verso un altro ciclo di colpi di stato militari.

A doppio taglio

Ma pone anche questioni scomode per i leader dell’establishment come Alassane Ouattara in Costa d’Avorio o il nigeriano Bola Ahmed Tinubu: entrambi hanno visto le loro vittorie elettorali, nel 2020 e nel 2023, impantanate in polemiche.

Probabilmente cercheranno di attirare Faye nel cuore del club regionale. Ma lui vorrà mantenere un profilo distintivo, per proteggere la propria base politica e la propria credibilità.

Sostenitori del neopresidente Bassirou Diomaye Faye festeggiano la vittoria aDakar, Senegal la sera el 24 marzo (REUTERS/Zohra Bensemra)

Il profilo radicale di Faye e la sua potenziale popolarità tra i giovani dell’Africa occidentale potrebbero fornire un utile sostegno agli sforzi dell’inviato speciale delle Nazioni Unite nella regione, Leonardo Simão, per ammorbidire l’ostilità delle giunte saheliane nei confronti dei leader dell’Ecowas. Potrebbe aiutarlo a convincerli a ripensare al loro ritiro dal blocco.

Per i Paesi esterni alla regione, la vittoria di Faye è a doppio taglio. Sebbene l’emancipazione dalle pretese di dominio francese sul Senegal sia stato un elemento di spicco della proposta del leader del Pastef Ousmane Sonko, negli ultimi tre anni, entrambe le parti si sono preparate a questo momento.

Mesi fa, la Francia ha inviato in Senegal funzionari di alto livello per incontrare privatamente Sonko e rassicurarlo che avrebbe lavorato con chiunque i senegalesi avessero scelto come presidente. Le congratulazioni del 25 marzo di Emmanuel Macron a Faye, annunciate su X (ex Twitter), non sono state una sorpresa.

Il presidente uscente Macky Sall è stato uno stretto alleato di Parigi. Ma i funzionari di Macron erano allarmati dall’accelerazione della crisi sotto il governo di Sall. Macron aveva lavorato duramente per convincerlo a dimettersi. La successione di un Ba eletto con soddisfazione avrebbe perpetuato l’atmosfera cupa e il suo risentimento nei confronti dell’ex potenza coloniale. I funzionari di Parigi potrebbero sentirsi quindi tranquillamente sollevati dalla vittoria di Faye.

Ma il tono e l’intonazione dei suoi messaggio saranno importanti. Intervistato la scorsa settimana, Faye ha tenuto a sottolineare l’importanza del rispetto reciproco nelle relazioni bilaterali, sia con la Francia che con gli Stati Uniti o altri Paesi.

Nel 2012, fu il ballottaggio a consegnare la vittoria a Macky Sall, anche se all’epoca era l’eroe popolare che sfidava l’anziano presidente Abdoulaye Wade, che aveva convinto il Consiglio costituzionale a permettergli di chiedere un terzo mandato.

Questa volta, però, la macchina del Pastef, sebbene privata dello status formale di partito dalle autorità e in mezzo a un campo di 19 candidati – anche se alla fine due nomi minori si sono ritirati – è riuscita a superare facilmente il 36,02% di Ba.

In Senegal i voti vengono scrutinati pubblicamente nei singoli seggi elettorali non appena le urne chiudono alle 18.00, con i risultati locali riportati in diretta dai media. A metà tarda serata del 24 marzo, molto prima che potessero emergere i dati ufficiali provvisori, il campo del Ba ammetteva che Faye aveva vinto.

E alle 15.15 del giorno successivo, le loro speranze che i forti risultati tardivi provenienti dalle roccaforti settentrionali del governo potessero costringere la gara a un secondo scrutinio si erano infrante – e così Ba ha fatto la telefonata di concessione.

 

Fino a quel momento, la maggior parte delle persone si aspettava che la competizione sarebbe andata al ballottaggio. C’erano così tanti candidati, tra cui nomi importanti come Aliou Mamadou Dia, dell’islamista Parti de l’unité et du rassemblement (PUR), l’ex sindaco di Dakar, Khalifa Sall, e il capo del partito Rewmi, Idrissa Seck, che si era classificato secondo nel 2019 con il 20,51%.

Ma tutti questi, e altri, sono stati emarginati dalla lotta tra Faye, l’emblema del cambiamento, e Ba, il volto dello status quo. Dia (2,51%) e Sall (1,55%) sono stati gli unici altri candidati a raggiungere l’1%.

Faye deve la sua impressionante vittoria in parte alla popolarità e al fascino giovanile di Sonko, di cui era il candidato sostituto, e all’abilità del movimento nel condurre la campagna elettorale.

Quando a metà del 2023 è diventato chiaro che Sonko rischiava il carcere e l’esclusione dalle elezioni, a causa delle sue condanne per diffamazione e corruzione della morale giovanile, il team ha filmato di nascosto il suo video di sostegno a Faye, pronto per essere pubblicato a sorpresa negli ultimi mesi prima del voto. Lo slogan del loro manifesto elettorale era ancora più diretto: “Diomaye moy Sonko” (“Diomaye è Sonko”).

Impopolare

Altrettanto importante è stata l’entità della rabbia dei cittadini senegalesi per il modo in cui Macky Sall stava erodendo i valori democratici e le libertà civili del Paese e presiedeva alla politicizzazione del sistema giudiziario. Ciò è stato esemplificato dalla discutibile pena detentiva di Sonko per aver diffamato un ministro e, in precedenza, dalla condanna a sei anni inflitta a Khalifa Sall per abuso politico di fondi comunali per impedirgli di sfidare Macky alle presidenziali del 2019.

La morte di almeno 60 manifestanti in scontri in strada con le forze di sicurezza e l’incarcerazione di centinaia di persone, per lo più giovani, a causa di proteste di piazza o anche di post su Facebook, hanno approfondito il disincanto nei confronti di Macky Sall anche tra molti esponenti della classe media urbana che stavano beneficiando maggiormente della crescita economica (Africa Confidential Vol. 65 n. 4, Fury as Sall’s vote delay scatenate mayhem).

La corruzione è stata un’altra fonte di rimostranza. Ha provocato un profondo risentimento la nomina da parte del presidente di suo fratello Aliou – accusato di aver fatto affari con il petrolio – a capo di un fondo di investimento statale (Africa Confidential Vol. 63 n. 11, Macky Sall affronta la maledizione del terzo mandato). Ma è stata forse l’ambizione di Macky di candidarsi per un terzo mandato a portare la situazione al punto di ebollizione.

La dichiarazione del capo di Stato dello scorso luglio di non volere un ulteriore sua elezione ha abbassato la temperatura. Poi la sfiducia e la furia del popolo sono aumentate il 3 febbraio, quando Macky ha annunciato unilateralmente il rinvio delle elezioni presidenziali, con i suoi sostenitori parlamentari che hanno tentato di fissarle a dicembre.

Il Consiglio costituzionale ha bloccato questa manovra. Ma questo non ha placato la rabbia nei confronti di Macky Sall. E Ba, il candidato da lui scelto, ne ha pagato il prezzo.

Sebbene Ba abbia ottenuto risultati rispettabili quasi ovunque, le sue aree di maggior forza erano nel nord-est, scarsamente popolato. È stato decisamente superato da Faye nel popoloso agglomerato urbano di Dakar e in molte altre concentrazioni urbane chiave, tra cui Thiès, Ziguinchor e la città santa di Touba, sede della confraternita religiosa dei Mouride.

L’appoggio all’ultimo minuto di Faye da parte dell’ex presidente Abdoulaye Wade, un Mouride, e di suo figlio Karim – squalificato dalle elezioni – ha probabilmente contribuito al risultato di Touba. E questo potrebbe avere conseguenze in futuro.

L’ex presidente del Senegal Wade con il direttore di Africa Express, Massimo Alberizzi

Mentre Faye e Sonko riflettono sulle nomine della nuova squadra di governo, sanno che potrebbe essere stato il sostegno dei Wade e del loro Parti démocratique sénégalais (PDS) a portare Faye alla vittoria al primo turno.

Al contrario, non devono nulla ai molti candidati seri ma minori che avrebbero potuto sperare di ottenere un posto da ministro se ci fosse stato un secondo turno.

Faye vorrà rassicurare e dimostrare rapidamente la propria competenza. Il nervosismo finanziario o la mancanza di fiducia delle imprese ostacolerebbero lo sforzo del governo di rilanciare la crescita e ridurre la disoccupazione. Gli scarsi standard di governance metterebbero a rischio il recente sostegno degli elettori di centro.

Un momento della campagna elettorale

Sembra quindi probabile la nomina di alcuni ex ministri e altre figure pubbliche di tutto rispetto: forse l’ex premier Aminata Touré – che ha sostenuto Sonko negli ultimi 18 mesi – o Thierno Alassane Sall, parlamentare noto per il suo impegno a favore del rigore finanziario e della trasparenza.

Faye avrà anche bisogno di una maggioranza legislativa nell’Assemblea nazionale, che conta 165 seggi. Attualmente, l’alleanza Yewwi Askan Wi ha solo 56 seggi. Anche se riuscirà a ripristinare la più ampia ma effimera partnership precedente con i 24 sostenitori di Wade e a ottenere il sostegno dei due veri indipendenti, non riuscirà a raggiungere la maggioranza.

Potrebbe sperare di tentare alcuni membri dell’alleanza BBY di Macky Sall, ormai demoralizzata. Questo potrebbe essere un motivo per nominare uno o due membri dissidenti dell’amministrazione uscente, come Aly Ngouille Ndiaye.

Un’altra opzione sarebbe quella di indire elezioni legislative anticipate nel corso dell’anno. Ciò consentirebbe alla squadra di Faye-Sonko di capitalizzare la vittoria e la conseguente luna di miele politica. Data l’ampiezza del compito che li attende, queste condizioni non dureranno a lungo.

Africa Confidential
Copyright © Africa Confidential 2024
https://www.africa-confidential.com

Approfondimento
Diomaye Faye: dalla prigione al palazzo

La vittoria alle elezioni del 24 marzo di Bassirou Diomaye Faye, candidato alla presidenza del Patriotes africains du Sénégal pour le travail, l’éthique et la fraternité (Pastef) – ufficialmente sciolto come partito dalle autorità ma, in realtà, molto vivo – è ampiamente vista come un trionfo per il suo mentore politico Ousmane Sonko.

Sin dal forte terzo posto di Sonko alle elezioni presidenziali del 2019, l’attivista anti-corruzione era stato considerato la minaccia più potente alle speranze di Macky Sall di ottenere un terzo mandato. Quando il Senegal è entrato nella fase finale di avvicinamento alla gara riprogrammata, è stata la personalità di Faye, più equilibrata e tranquilla, a emergere. Il suo volto è apparso sulla maggior parte dei manifesti elettorali.

Faye e Sonko sono stretti alleati. Dopo il rilascio di Faye dalla prigione di Cap Manuel, a sud di Dakar, la folla che lo accoglieva nella capitale scandiva: Diomaye moy Sonko, Sonko moy Diomoye (“Diomaye è Sonko, Sonko è Diomoye”, in wolof). I due uomini erano colleghi all’Impôts et Domaines (l’ispettorato fiscale nazionale) di Dakar. Quando sono entrati a farne parte, era diretto da Amadou Ba, il principale rivale di Faye alle elezioni del 24 marzo. Alcuni dakariani sostengono che l’eccellente curriculum lavorativo di Faye all’interno dell’autorità fiscale abbia reso Ba riluttante ad attaccarlo durante la campagna elettorale.

Quando Sonko e Faye hanno fondato il Pastef nel 2014, è stato Faye a generare le idee e le politiche per il movimento nascente. I due hanno uno stile diverso e, come ha dimostrato l’ultimo anno, hanno forze politiche diverse.

Sonko, rapido nel trovare slogan e impulsivo nelle sue azioni, ha un tocco popolare che ha ispirato centinaia di migliaia di giovani senegalesi. L’anno scorso, dopo settimane di proteste di piazza e di speculazioni sulle sue battaglie in tribunale, la sua immagine di ragazzo su tutti i manifesti, sembrava aver acquisito un’aura quasi religiosa.

Eppure, molti senegalesi si sono chiesti cosa avesse potuto indurre un personaggio pubblico con ambizioni presidenziali a rischiare di visitare un centro massaggi durante il blocco di Covid, l’avventura del febbraio 2021 culminata con la condanna di Sonko l’anno scorso per “corruzione della morale giovanile”.

È stato allora che Faye, il fidato collega di retrobottega, ha assunto il ruolo di segretario generale del partito e ha tenuto la macchina in moto.

Le loro tattiche politiche erano evidenti in un’abile operazione mediatica che rimaneva in stretto contatto con i giornalisti, anche stranieri, e continuava a organizzare briefing e messaggi per la stampa anche quando sia Faye che Sonko erano in carcere.

Ousmane Sonko

La disciplina organizzativa di Faye si rifletteva anche nel programma politico dettagliato e ponderato del Pastef. Ha svolto un ruolo chiave nel tessere l’alleanza Yewwi Askan Wi con Khalifa Sall, l’ex sindaco di Dakar, che ha conquistato la maggior parte delle principali città e cittadine del Senegal nelle elezioni comunali del gennaio 2022 e ha ottenuto 56 seggi nelle elezioni parlamentari del luglio dello stesso anno.

Questa calma attenzione alla strategia politica e ai risultati suggerisce che Faye porterà in ufficio alcune delle competenze di cui avrà bisogno al governo. Le differenze rispetto a Sonko non devono essere sopravvalutate. I due uomini – di età simile, con Faye che ha compiuto 44 anni il 25 marzo – sono sempre stati vicini. Faye ha chiamato uno dei suoi figli Ousmane.

Uno dei poster che invitavano a votare Ba, in candidato del partito al potere

Entrambi sono stati attivi nel sindacato dei servizi fiscali, Syndicat autonome des agents des Impôts et domaines, un’altra base politica fondamentale. Sonko ha radici familiari in Casamance, nel sud; Faye è di Ndiaganiao, vicino a Mbour, a sole due ore di macchina a sud di Dakar. Inoltre, è meno abile nelle campagne politiche e non è un oratore istintivo come Sonko. Faye non è riuscito a conquistare un seggio comunale nella sua zona d’origine nemmeno con il trionfo dello Yewwi nel 2022. Ha tenuto fuori dal dibattito la sua visione personale della società senegalese.

Musulmano convinto e conservatore, ha due mogli. Questo ha attirato l’attenzione dei media stranieri, anche se non è insolito in Senegal
. La seconda moglie di Faye, Absa, è musulmana; la
prima moglie, Marie Khone, madre dei suoi quattro figli, è cristiana.

In un’intervista pre-elettorale a Le Monde – giornale scelto per far arrivare il suo messaggio ai politici di Parigi – Faye ha dichiarato che la sua fede è una questione personale, osservando che “il Senegal rimane un Paese democratico, una repubblica che ha scelto la laicità, sancita dalla Costituzione”.

Copyright © Africa Confidential 2024
https://www.africa-confidential.com

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Alcuni articoli da Africa Confidential
già pubblicati da Africa Express

Mozambico: massacro a Palma, inefficienze e una meticolosa programmazione

Il patto di sangue tra Addis Abeba e Asmara si rafforza sempre di più

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here