Zimbabwe dopo il voto: nulla è cambiato tranne una frode elettorale in più

0
926

Speciale per Africa ExPress
Angus Shaw
Harare, settembre 2023

The original English text of this article can be found here

I vincitori delle elezioni di solito festeggiano la loro esultanza per le strade. Lo Zimbabwe non ha visto nulla di simile dalle elezioni generali di una settimana fa.

Il silenzio è assordante, come ha spiegato un commentatore. Il risultato era scontato, quindi che senso avrebbe avuto mostrare gioia quando non è cambiato nulla, è stata la sua riflessione.

Zimbabwe: Emmerson Mnangagwa, vince le elezioni per un secondo mandato presidenziale

Ma c’è rumore nei corridoi del potere. Il voto è ancora una volta coinvolto in aspre dispute per un risultato che ha dato al presidente Emmerson Mnangagwa altri cinque anni di mandato.

L’ottantenne in carica ha ottenuto poco meno del 53 per cento dei voti contro il 44 per cento del leader dell’opposizione Nelson Chamisa, avvocato e predicatore di 45 anni.

Le accuse di brogli, incompetenza e parzialità da parte degli organizzatori, la Commissione Elettorale Statale (ZEC), non hanno tardato a comparire, insieme a quelle, sempre più diffuse, di spese ingenti e intimidazioni da parte del partito al potere.

Questa volta la violenza è stata sporadica, ma le minacce di recriminazioni violente contro gli avversari percepiti dopo il voto erano sempre presenti.

Il partito ZANU-PF in parlamento ha ottenuto 136 seggi su 210 posti, contro i 73 della Coalizione dei Cittadini per il Cambiamento. Un seggio deve ancora essere conteso perché il candidato principale è morto alla vigilia dello scrutinio.

La maggior parte degli osservatori ha ammesso che le elezioni sono state generalmente condotte in modo pacifico, ma rimangono difetti nell’intero sistema, mettendo in dubbio, ovviamente, che il processo elettorale sia stato libero ed equo e che abbia rispecchiato interamente la volontà della gente.

Nelson Chamisa, il maggiore oppositore del presidente, si è fermato al 44 per cento delle preferenze

Per la prima volta gli osservatori elettorali ufficiali che rappresentano i Paesi africani del blocco regionale, SADC la Comunità per lo Sviluppo dell’Africa Meridionale, hanno presentato un rapporto critico che ha fatto arrabbiare soprattutto il partito al potere, quello di Mnangagwa.

I fratelli si sono rivoltati contro i fratelli, la tradizionale solidarietà africana per la sovranità e il diritto delle singole nazioni è stata violata. Il capo della delegazione della SADC, Nevers Mumba, ex vicepresidente dello Zambia, era un noto amico di Chamisa e un simpatizzante dell’opposizione.

I media controllati dallo Stato si sono anche affrettati a etichettarlo come “un condannato” di cui non ci si può fidare. Mumba era stato infatti condannato una volta per il reato minore di “mentire alla polizia” dopo una lite domestica in Zambia.

Il partito “Tripla C” di Chamisa ha immediatamente respinto il risultato e ha chiesto un nuovo ed equo scrutinio. Il partito ha affermato che il successivo consiglio di Mnangagwa di portare la questione in tribunale non aveva senso, dato il suo controllo sul sistema giudiziario dello Zimbabwe.

L’impasse continuerà. I jet da combattimento dell’aeronautica militare si sono già messi a urlare sopra le nostre teste, in vista di un passaggio in volo per l’insediamento cerimoniale di Mnangagwa per un secondo mandato di cinque anni.

Sostenitori del leader dell’opposizione Nelson Chamisa durante un rally

I parlamentari dell’opposizione che hanno avuto successo dicono di trarre poco conforto da un nuovo emendamento costituzionale che limita la presidenza a due mandati. Robert Mugabe ha governato duramente per 40 anni.

“I jet ci ricordano chi è al comando”, ha dichiarato un legislatore della Tripla C. In un post sui social media ha fatto notare che il sostegno al suo partito è salito alle stelle, ma è stato defraudato della vittoria. “Il cambiamento è nell’aria, se non oggi, se non domani, ma il cambiamento arriverà”.

I silenziosi festeggiamenti per Mnangagwa testimoniano che il 70 per cento della popolazione dello Zimbabwe è nato dopo l’indipendenza del 1980. Il loro mantra “Born Free” (nati liberi) è stato sostituito da “Born to Suffer” (nati per soffrire), in un’economia afflitta da cattiva gestione e corruzione. “Suffer Continues” è stata una variante della settimana scorsa.

Nel complesso, l’atmosfera è calma ma tesa. I mercati delle pulci e le bancarelle dei venditori ambulanti, chiusi forzatamente durante la campagna elettorale, sono tornati, ma con nervosismo e meno vigore e frenesia.

Si dice che i candidati perdenti del partito al potere si stiano vendicando del tradimento dei loro elettori, rimuovendo le migliorie – come cisterne d’acqua e medicinali per le cliniche – che avevano dato agli elettori prima delle votazioni del 23 e 24 agosto.

Le votazioni sono state prolungate di un secondo giorno a causa del caos amministrativo che ha visto le schede elettorali scarseggiare e le migliaia di persone respinte perché i loro nomi non comparivano nel pasticciato elenco degli elettori.

Per il momento, si tratta di un’atmosfera di attesa. Dall’estero sono arrivati messaggi di congratulazioni a Mnangagwa, l’ultimo dei quali da Mahmoud Abbas, presidente dello Stato di Palestina successore di Yasser Arafat e, come sottolineano i social media, ininterrottamente al timone da due decenni.

Sostenitori del leader dell’opposizione cantano e urlano slogan durante una manifestazione il 30 agosto

È interessante notare che il vicepresidente di Mnangagwa ha tardato a lodare il suo capo. L’ex comandante dell’esercito Constantino Chiwenga avrebbe dovuto essere il primo a congratularsi.

Un comportamento che ha alimentato le voci di corridoio secondo le quali i due hanno maturato un’intensa antipatia reciproca per la gestione della politica del governo. Di certo non si sono seduti spalla a spalla alle recenti funzioni statali, come è consuetudine.

Come dice l’onnipresente tassista: “Attenzione. Potrebbe esserci un altro colpo di Stato”.

Un colpo di Stato militare incruento ha portato Mnangagwa al potere nel 2018, consolidando il continuo dominio del partito di Mugabe, di cui Chiwenga è sempre stato un potente fedelissimo.

Angus Shaw
angusshaw@icloud.com
Twitter: @africexp

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

Cosa è successo davvero con Wagner in Africa?

 

Previous articleZimbabwe after the vote: nothing has changed except one more electoral fraud
Next articleSituazione catastrofica a Khartoum: presidente sudanese rifiuta accordi con i janjaweed
Angus Shaw
*Angus Shaw nato 1949 da coloni scozzesi nella Rhodesia, ad Harare, quando si chiamava Salisbury, ha ottenuto risultati accademici modesti e, rimasto orfano in tenera età, è andato a scuola in Inghilterra ma non ha proseguito gli studi avendo bisogno di lavoro e di reddito. Viaggiando in autostop in Europa come studente dell'Africa meridionale, ha sentito per la prima volta l'odore dei gas lacrimogeni durante la rivolta studentesca del 1968 a Parigi, la prima di molte altre esperienze come reporter in Africa nei 50 anni successivi. E' entrato a far parte del Rhodesia Herald nel 1972. Nel 1975 è stato arruolato nelle forze di sicurezza rhodesiane, ma ha disertato per fare un reportage sugli esuli nazionalisti a Lusaka e Dar es Salaam. In questo periodo ha coperto una dozzina di Paesi africani, principalmente per l'agenzia di stampa statunitense Associated Press dal 1987 fino alla pensione. Nel febbraio 2005 è stato incarcerato per aver fatto un reportage su Robert Mugabe durante il declino dello Zimbabwe. È autore di tre libri: The Rise and Fall of Idi Amin, 1979, Kandaya, 1993, una cronaca del servizio di leva nella guerra per l'indipendenza dello Zimbabwe e Mutoko Madness, 2013, un memoire africano. È stato insignito del prestigioso premio Gramlin per la stampa statunitense. Angus Shaw vive ad Harare. + + + + + + + + + + + + + + + + + + *Angus Shaw born 1949 to Scottish settlers in Rhodesia, Harare, when he was called Salisbury, achieved modest academic results and, orphaned at an early age, went to school in England but did not continue his studies as he needed work and income. Hitchhiking through Europe as a student from southern Africa, he first smelled tear gas during the 1968 student uprising in Paris, the first of many more experiences as a reporter in Africa over the next 50 years. He joined the Rhodesian Herald in 1972. In 1975 he was drafted into the Rhodesian security forces, but deserted to report on nationalist exiles in Lusaka and Dar es Salaam. During this time he covered a dozen African countries, mainly for the US Associated Press news agency from 1987 until his retirement. In February 2005 he was jailed for reporting on Robert Mugabe during Zimbabwe's decline. He is the author of three books: The Rise and Fall of Idi Amin, 1979, Kandaya, 1993, a chronicle of conscription in Zimbabwe's war for independence, and Mutoko Madness, 2013, an African memoir. He is a recipient of the prestigious Gramlin Prize for the US Press. Angus Shaw lives in Harare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here