William Ruto quinto presidente del Kenya: la maggioranza della commissione elettorale contesta il risultato

0
699

Dal Nostro Corrispondente
Michael Backbone
Nairobi, 15 agosto 2022

William Ruto è il quinto presidente del Kenya. Ha sconfitto il suo avversario, Raila Odinga che durante per la quinta volta il circa 25 anni ha cercato di essere eletto.

Ruto ha sparigliato le elezioni del Kenya, portando a casa una maggioranza sufficiente (metà più uno del vori) per non solo superare il suo ormai demoralizzato contendente ma anche evitando un ballottaggio che avrebbe probabilmente dato instabilità al Paese.

Ma il verdetto elettorale, prima ancora che venisse annunciato, è stato contestato da quattro membri su sette della Commissione elettorale indipendente che si sono dissociati sostenendo che il risultato era oscuro o poco trasparente. Praticamente hanno evocato brogli: quelli che si temevano.

Il primo discorso di William Ruto da Presidente ha avuto un taglio fortemente inclusivo, chiamando tutti a contribuire al progresso del Paese, cercando così di riunificare un elettorato fortemente polarizzato e separato da meno di 200 mila voti (su un parco di circa 22 milioni di votanti) che hanno fatto pendere la bilancia in suo favore.

Nella realtà, la sua prima affermazione è discutibile, perché ha insistito sul fatto che il risultato era conosciuto da chiunque si fosse collegato al sito della Commissione Elettorale Indipendente perché i tabulati elettorali erano in linea: ha ragione solo in parte, l’accesso al sito era congestionato e ancora al momento in cui questo articolo è scritto, il tabulato finale non è scaricabile. E’ probabile che si tratti di un intasamento dovuto ai troppi accessi al sito.

La commissione elettorale, (IEBC, Independent Electoral and Boundaries Commission) ha fatto, dopo due elezioni veramente discutibili, un lavoro più che degno e sembra aver assorbito bene il colpo di scena causato dai quattro commissari che si sono dissociati e hanno convocato una conferenza stampa fuori dalla sede dello scrutinio.

Parimenti, poco prima i leaders del partito perdente, Azimio, si sono dileguati dal quartier generale dell’elezione senza rilasciare dichiarazioni: la sconfitta era nell’aria per chi lo sapeva o per chi aveva avuto accesso ai risultati dello scrutinio.

Resta il fatto che per legge solo il chairman della commissione elettorale, Wafula Chebukati, ha l’esclusiva autorità di dichiarare il vincitore, e ciò è avvenuto cinque minuti dopo la conferenza stampa dei dissenzienti.

Nel frattempo, si è sviluppato il peggio dei costumi locali, con scene di facinorosi che hanno scaraventato seggiole giù sedie dal palco, dimostrando di non volere seguire la legge e mostrando al mondo l’immagine sbagliata di un intero processo elettorale, tutto sommato sopra gli standard che regolano le elezioni in questo continente.

Chi ne ha beneficiato è stata  soprattutto la stampa estera che si è deliziata nel riportare questi eventi.

William Ruto, il nuovo presidente del Kenya

Ciò detto, nel discorso di investitura del neo presidente Ruto, i suoi termini sono stati incredibilmente concilianti, come mai prima era accaduto, offrendo una sponda ai suoi oppositori e precisando di avere bisogno di tutti per permettere al Paese di risalire la china e riprendere il proprio ruolo di potenza dell’Africa orientale.

Ruto è un cambiamento epocale rispetto al previsto, perché rappresenta la risalita dal basso di un individuo che si ha combattuto per ogni scalino che è riuscito a varcare, e adesso è il presidente del Kenya per cinque anni.

Micheal Backbone
michael.backbone@gmail.com
@africexp
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Vuoi contattare Africa ExPress? Manda un messaggio WhatsApp con il tuo nome e la tua regione (o Paese) di residenza al numero +39 345 211 73 43 e ti richiameremo. Specifica se vuoi essere iscritto alla Mailing List di Africa Express per ricevere gratuitamente via whatsapp le news del nostro quotidiano online.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here